Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: angela ambrogetti
Location:

MESSAGGIO PER NON VEDENTI

MESSAGGIO PER NON VEDENTI Segnalo una iniziativa per gli amici non vedenti. Chi vuol ricevere gratuitamente via mail una rassegna stampa quotidiana cattolica può fare la sua richiesta al seguente indirizzo e-mail g.bottai@fastwebnet.it fornendo le seguenti informazioni: nome, cognome, città di residenza, il proprio indirizzo e-mail e dando l'indicazione: non vedente. Segnalate questo messaggio anche ai vostri amici.

Archivio

Ultimi Commenti

Calendario

Orologio

Conta visite

Il presepe della DDR

postato da angelambrogetti [30/11/2010 17:03]
Anche per Roma è una prima assoluta: 20 anni dopo il crollo del muro di Berlino, un residuo dell`ex Germania comunista entra nel Pantheon. E un presepe dalla cittadina di Zwickau (Sassonia/Germania), composto da statue lignee del artista Jo Harbort, chi sarà esposto nel antico tempio rotondo nel centro di Roma. All`epoca della Germania comunista, i pochi cattolici della zona montagnosa "Erzgebirge" non avrebbero mai pensato di poter, un giorno, esporre un loro presepe tradizionale in una chiesa di Roma: Soffrivano, a quest`epoca, di tante discriminazione nei studi e al lavoro, e potevano produrre dei "Krippenengel", i famosi angeli del presepe, soltanto per l`esportazione verso la parte ovest della Germania. E oggi: ecco una "Zwickauer Krippe", un presepe da Zwickau, proprio nel cuore della chiesa cattolica.
Sono tra l`altro un protestante e un discendente di Lutero chi hanno reso possibile questa mostra inconsueta: Il protestante è Wilhelm Staudacher, direttore del ufficio romano della fondazione tedesca "Konrad Adenauer". Staudacher confidava a un amico politico di Zwickau che il "prete del Pantheon" stesse cercando un presepe da esporre nella sua chiesa; richiesta chi veniva subito accolta dal deputato CDU Michael Luther, un discendente cattolico del famoso riformatore. Grazie al aiuto della fondazione Adenauer, Luther rese possibile che il presepe della cittadina di Zwickau fosse esposta quest`anno a Roma: "La miglior pubblicità per la nostra regione che si può fare!"
Invece Staudacher mette in rilievo il background politico dell`azione: Il presepe potrà ricordare ai romani come ai turisti il crollo del muro di Berlino, 20 anni fa - e lo farà a modo suo. "La gente di qua capisce bene il linguaggio di un presepe", opina Staudacher; "nell`avvento, vanno da una chiesa all`altra per guarda i presepi." Visto che il Pantheon sta vicinissimo al mercato natalizio di Piazza Navona, saranno in tanti a vedere il presepe più grande di tutta la Sassonia.
L`insieme di statue che pesano ognuna ca. 10 tonnellate sarà ufficialmente inaugurato il 5 dicembre, nel Pantheon. Per il tempio costruito dal imperatore Adriano è la prima volta che ospita una "Erzgebirgische Weihnachtsfeier", cioè una festa di natale caratteristica della zona del "Erzgebirge". Oltre tanti visitatori da Zwickau saranno anche presenti ca. 300 ospiti italiani dal mondo della politica, delle chiese e della società. Per tutti, ci sarà dopo un ricevimento nel centro pellegrini tedeschi al Lungotevere - dove saranno esposte altre opere d`arte del "Erzgebirge".
Non è escluso che anche papa Benedetto, che compierà nel 2011 un viaggio in Germania, avrà occasione di salutare gli ospiti dalla Sassonia. Staudacher non vuole ancora anticipare i dettagli del programma: "Ma ho fatto una richiesta al papa, si. In ogni modo, questa vicenda del presepe tedesco diventerà qualcosa di molto particolare."