Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: angela ambrogetti
Location:

MESSAGGIO PER NON VEDENTI

MESSAGGIO PER NON VEDENTI Segnalo una iniziativa per gli amici non vedenti. Chi vuol ricevere gratuitamente via mail una rassegna stampa quotidiana cattolica può fare la sua richiesta al seguente indirizzo e-mail g.bottai@fastwebnet.it fornendo le seguenti informazioni: nome, cognome, città di residenza, il proprio indirizzo e-mail e dando l'indicazione: non vedente. Segnalate questo messaggio anche ai vostri amici.

Archivio

Ultimi Commenti

Calendario

Orologio

Conta visite

Un'arte cristiana: perchè un editore firma l' Appello al papa

postato da angelambrogetti [11/11/2009 19:08]
Ormai sono più di 800 le firme. Gente comune, architetti, intellettuali che hanno firmato l' Appello "per il ritorno ad un'Arte sacra autenticamente cristiana. E le firme aumentano giorno per giorno. Sul sito http://appelloalpapa.blogspot.com/ si può leggere il testo e si possono scorrere le firme dei sottoscrittori. Tra loro anche un editore: Florindo Rubbettino, insieme al suo editor Maurizio Serio.
Perché avete aderito a questo appello?
Perché crediamo profondamente che il lavoro di un operatore culturale in particolare quello di un editore, sia innanzi tutto intercettare dal basso le spinte provenienti dalla società civile. Il fatto che l'appello si firmato e promosso da laici lo abbiamo trovato anche molto interessante. E' un segno anche di maturità di una grossa fascia della intellighenzia italiana
C'è un particolare interesse per i temi religiosi?
In special modo ci siamo interessati a quei temi da quando abbiamo pubblicato "Alla fonti del rinnovamento", il commento che l' allora cardinale Karol Wojtyla fece sul Vaticano II, dettando quasi le linee di una corretta interpretazione del Concilio. Siccome il tema della riforma liturgica e dell'arte sacra sono temi centrali, crediamo che riprendere con iniziative concrete questi suggerimenti sia la cosa miglior e sia anche il compito degli operatori culturali, degli editori.
Quindi un editore risponde alla mancanza di sensibilità nei confronti dell' arte sacra ?
Pensiamo che l' editoria sia comunicazione e diffusione di certi contenuti. Per questo abbiamo anche una discreta produzione di libri d' arte e di critica d'arte e crediamo che tra gli altri anche il mezzo del libro che spesso è un po' bistrattato e viene ritenuto inferiore rispetto ad altro forme di comunicazione, anche il libro serve a far comprendere i principi che ci sono dietro l' arte sacra e che toccano l'interiorità dell' uomo.
Ma l' arte contemporanea è davvero così poco sacra?
Noi ci troviamo molto d' accordo con l'analisi dell' appello, certo i tono sono preoccupati e rispecchiano una sensibilità più acuta, ma ci ritroviamo perfettamente nell' analisi e troviamo che il distacco da una forma di arte sacra, che sia autenticamente arte, nuoce in generale ad una attitudine verso la cultura, verso l' apertura mentale ei lettori ed è quindi un discorso che ci tocca anche come editori. Se c'è carenza di lettori e poca sensibilità nei confronti della cultura in parte è causato anche dallo scollamento tra la dimensione dell' io e la dimensione del bello, dell'apprezzare cose più grandi di noi cose che ci trascendono. Questa è una delle iniziative che noi auspichiamo si possano prendere in dimensione di un recupero di un sano e corretto rapporto tra l'uomo e la cultura.