Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: arteculturaoggi.com
Location:

Orologio

Archivio

Ultimi Commenti

RICERCA

Calendario

http://cultura.inabruzzo.it

www.archeorivista.it

Arcimboldo, le "teste composte" e le "pitture ridicole", a Palazzo Barberini

postato da arteculturaoggi.com [21/01/2018 15:45]

di Romano Maria Levante 

La mostra "Arcimboldo" presenta a Palazzo Barberini,, dal 20 ottobre 2017  all'11 febbraio 2018, per la prima volta a Roma, le opere altamente evocative dell'artista milanese vissuto per un quarto di secolo come pittore di corte nelle sedi imperiali absburgiche di  Vienna e Praga. Oltre alle 20 celebri opere di Arcimboldo, circa 80 opere collegate perché espressione del mondo in cui l'artista ha potuto manifestare una creatività così insolita. Organizzata dalle Gallerie Nazionali di Arte Antica  e da Mondo Mostre Skira, a cura di Sylvia Ferino-Pagden che ha diretto la Pinacoteca del Kunsthistorisches Museum di Vienna ed è una delle maggiori studiose di Arcimboldo. Ha curato anche il catalogo Skira Editore.  


 

Un grande inizio, quello con Arcimboldo, del  programma  espositivo  negli spazi dedicati alle mostre temporanee delle Gallerie Nazionali di Arte Antica. Mentre le collezioni permanenti  nell'interminabile teoria di sale del palazzo offrono  un'immersione totale nell'arte al visitatore estasiato da una così vasta esposizione di opere  di valore incalcolabile, che culmina nel capolavoro caravaggesco  "Giuditta e  Oloferne"  e nella "Fornarina" di Raffaello. Ma la nuova direttrice Flaminia Gennari Sartori, disdegna la visione "iconica" basata sulle grandi attrazioni, per la visione "aniconica" che valorizza l'intera collezione. Si tratta comunque di un'opportunità aggiuntiva, un'opzione che accresce l'interesse per la visita alla mostra.

Il valore della mostra

Perché abbiamo definito la mostra di Arcmiboldo un "grande inizio"?  Per l'eccezionalità dell'evento, dato che è molto difficile avere a disposizione le sue opere,  estremamente scelte e selezionate,  sparse tra molti musei che se ne privano con difficoltà, data la loro forza attrattiva. Si è colta l'occasione della mostra "Arcimboldo nature of Art" al National Museum of Western Art di Tokyo, che ha favorito la disponibilità degli 11 prestatori, europei e americani -  solo 3 in Italia a Firenze, Milano, Genova - che hanno fornito   le  20  principali opere  esposte dell'artista, cui se ne sono  aggiunte circa 80 per inquadrarle nel contesto storico, culturale e artistico in cui sono state create.  


 

Così è stato possibile presentare Arcimboldo e il suo tempo  per la prima volta a Roma come inizio di un percorso con questo obiettivo, secondo le parole della direttrice Gennari Sartori: "Invitare il nostro pubblico a guardare diversamente, a giocare seriamente, a scoprire l'arte del passato con gli occhi di oggi". Vedremo come si snoderà questo percorso nelle mostre successive,   intanto ecco come introduce questa mostra: "In uno dei suoi saggi Roland Barthes nel 1978 definì Arcimboldo ‘rhétoriqueur et magicien" mettendo  in luce come il maestro milanese con i suoi ritratti compositi ingaggiasse con lo spettatore un gioco, una sequenza di indovinelli visivi e mentali che ci tengono all'era mutando sottilmente  profondamente il nostro modo di guardare le opere d'arte".  

Ci accingiamo a "guardare diversamente, giocare seriamente", dunque. Immergendoci nel mondo di Arcimboldo, accuratamente ricostruito con le 80 opere di contorno al nucleo delle 20 dell'artista, un mondo affascinante che si  estende da Milano alle corti imperiali dell'Europa centrale  della seconda metà del ‘500, e consente, sono sempre parole della Gennari Sartori, di "immergersi in una cultura che metteva al centro la curiosità, la combinazione  di osservazione minuziosa e scientifica con il gioco, la meraviglia e l'ironia".  


 

Il percorso artistico e personale di Arcimboldo 

Arcimboldo aveva la "forma mentis" adatta a valorizzare tutti gli stimoli che riceveva da quella cultura così aperta e coinvolgente. Oltre che pittore era anche poeta e filosofo, si formò nella bottega del padre  Biagio,  pittore di orientamento leonardesco;  a 23 anni, nel 1549,  fece dei disegni per le vetrate del Duomo di Milano,  risultano pagamenti a tale titolo fino al 1557.  Poi, dal 1558 al 1560, cartone per un arazzo del Duomo di Como e affresco per il Duomo di Monza. 

 Dal 1562 cambia tutto, si trasferisce alla corte dell'imperatore Massmiliano d'Asburgo A., dove viene definito "pittore di sua maestà reale".  

Come sia passato  dagli austeri  ritratti della famiglia imperiale alle  "Quattro stagioni"  in forma quasi "grottesca" sarebbe incomprensibile se non si tenesse conto che  era impegnato anche  nell'organizzazione di feste e tornei imperiali,  fornendo disegni per costumi e ornamenti, e in questo contesto  era normale lo sbizzarrirsi della fantasia, secondo il clima dell'epoca.  

Torna definitivamente a Milano nel 1587, dopo ben 25 anni, ma l'imperatore non lo dimentica, nel 1592, l'anno prima della morte, Rodolfo II  gli conferisce un'ambita onorificenza nominandolo Conte Palatino. 


La fantasia, dunque, come base dell'ispirazione artistica, che troviamo teorizzata nel "Dialogo di Comanini il Figino overo il fine della pittura" definita come imitazione  nelle due forme di "imitazione icastica", con la riproduzione di un oggetto reale,  e "imitazione fantastica"   con la rappresentazione di un oggetto immaginario, come nelle "grottesche", le pitture delle grotte romane.  Secondo Comanini  la fantasia entra anche nella rappresentazione della realtà, cosa che di recente è stata riconosciuta ad Arcimboldo riconoscendo che le sue "teste fantastiche"  sono basate su accurati studi scientifici del mondo animale e vegetale, realtà alla quale applica un metodo fantastico nella composizione immaginifica dei soggetti. 

Il suo metodo compositivo ha radici antiche, in Persia, nell'India, in Giappone,  addirittura si risale al Vecchio Testamento e alla poesia antica. In cosa consiste tale metodo "fantastico" che però combina elementi della "realtà" in modo insolito,  apparentemente paradossale?  Consiste nel comporre le teste  con elementi attinenti al significato attribuito al soggetto, se un individuo con elementi della sua attività, se una stagione elementi  della natura  che la caratterizza. Così abbiamo teste fatte di fogli e libri per il "Giurista" e il "Bibliotecario", di fiori e frutti, pesci e uccelli a seconda della "Stagione"  o dei "4 elementi" naturali.  

Per questa sua vistosa  "irrazionalità",  è stato considerato dai dadaisti e surrealisti un loro precursore, e addirittura Oskar Kokoschka lo ha definito "il patriarca del surrealismo"  affermando che i suoi ritratti di teste "sono composti da un'accozzaglia di cose riunite  per una coincidenza priva di senso". Abbiamo già detto che questo è solo apparente, mentre vi è un preciso significato nella composizione di elementi attinenti al soggetto raffigurato. 

Qual è il risultato? La curatrice Sylvia Ferino- Pagden  lo vede così: "Ognuno di questi oggetti, accuratamente scelti, si intreccia e si sovrappone, gareggiando con gli altri per ottenere un ruolo preciso all'interno del dipinto e accentuarne l'impatto complessivo".  E per il visitatore? "La raffigurazione mimetica della natura crea un effetto oltremodo divertente, che affascina lo spettatore suscitando in lui un piacere intellettuale. Con la sua buona dose di spirito  e ironia, il gioco arcimboldiano non poteva che costituire fonte di ispirazione per la creazione di altri generi, come ad esempio la caricatura". Non resta che visitare la mostra per verificare direttamente il fascino surreale dell'artista immergendoci nel mondo in cui si è potuta sviluppare una  visione così inusitata, innovativa e indubbiamente spiazzante l'ortodossia artistica. 

L'ambiente milanese e le  opere di Arcimboldo prima della corte absburgica  

Le prime due sale preparano all'incontro con Arcimboldo, il "clou" della mostra,  inserendo il visitatore nell'ambiente milanese,  con una delle figure più seguite, Giovanni Paolo Lomazzo, di cui viene presentato l'"Autoritratto", 1560-70, oltre al libro d'epoca, che abbiamo citato,  di Gregorio Comanini, "Il Figino overo del fine della pittura", 1591. Ma c'è soprattutto l' "Autoritratto cartaceo" di Giuseppe Arcimboldo, a matita, inchiostro e acquerello, del 1587, a 61 anni, come un  dignitario, austero, con un alto collare dell'abito. 

Siamo a metà del ‘500, con il forte influsso leonardesco, sono esposti dipinti di artisti legati a Leonardo, di Cesare de Sesto,   "Madonna dell'Albero", 1515-20,  di Martino Piazza da Lodi,a "Madonna  con Bambino, san Giovannino e santa Elisabetta", 1510-20.  E poi caricature a penna, "Due teste"  attribuite  a Francesco Melzi  che portò a Milano i codici e i disegni di Leonardo, divenuti subito oggetto di studio,  e "Quattro teste" di un Seguace di Leonardo. 

Ma non è tutto, l'inquadramento milanese è completato da una serie di Monete , tra il 1552 e il 1575, di Leone Leoni  e Annibale Fontana, Antonio Abondio e Francesco di Sangallo, che celebrano artisti impegnati nella produzione di oggetti artistici di lusso con materiali preziosi - Girolamo Cardano, Paolo Giovio e Giovanni Paolo Lomazzzo -  di cui sono esposti degli esemplari, alcune Coppe in cristallo e oro,  fino all'elmo in acciaio di un'armatura, "Borgognotta".  Questi oggetti di lusso prodotti nel milanese erano conosciuti e  apprezzati  dai collezionisti europei, e in particolare dalla corte imperiale degli Absburgo, cui sono dedicate anche altre Monete, su Carlo V e Massimiliano II,  esposte insieme a quelle sugli artisti.  Si può capire da qui  come potè avvenire che Arcimboldo fosse chiamato alla corte absburgica  dove restò 25 anni. 

Prima di seguirlo a Vienna, come factotum delle feste imperiali,  e pittore di corte, vediamo esposte alcune opere di Arcimboldo,  2  pannelli di vetrata per il Duomo di Milano, "Santa  Caterina viene mandata in carcere" e "Santa Caterina viene decapitata", 1556, quando aveva trent'anni, e  l'arazzo realizzato  dal celebre tessitore  Giovanni Kircher per il  Duomo di Como, su cartone di Arcimboldo, "Dormitio Virginis",. 1561-62, l'anno del trasferimento alla corte imperiale. 

L'inquadramento preparatorio finalmente ci presenta opere di Arcimboldo in carattere con la sua assoluta peculiarità  che lo ha qualificato in modo così prestigioso nel mondo. Sono  celebri teste composte che risalgono al 1555-60, diversi anni prima di trasferirsi a 'Vienna, "L' Estate" e "L'inverno", con la combinazione di una serie di elementi in carattere con tali stagioni. E, facendo un salto di un secolo, due allegorie delle Quattro stagioni, "Primavera-Estate" e "Autunno-Inverno", acqueforti da Arcimboldo, con le sue teste in forma ancora più caricaturale, ci torneremo pià avanti. 

Dopo questo "assaggio" , torniamo alla cronaca, lo abbiamo lascito con il cartone per il Duomo di Como, prima della partenza per Vienna. Ora lo troviamo a Vienna, non più le opere religiose e le prime teste composte, bensì vediamo tre severi ritratti, a lui attribuiti, "L'arciduchessa Anna, figlia dell'imperatore Massimiliano II",  "Una figlia di Ferdinando I (arciduchessa Elena)" e un "Ritratto di arciduchessa (Margherita?)", tutti del 1663, l'anno dopo il suo arrivo alla corte imperiale, quando viene nominato "pittore di Sua maestà reale" alle dirette dipendenze  dell'arciduca Massimiliano che succederà molto presto al padre  sul trono imperiale,  nel 1664. Muore dopo 12 anni di impero  e gli succede  il figlio di 24 anni Rodolfo Ii, collezionista che stima molto Arcimboldo e lo tiene nella sua corte a Vienna, e lo porta con sé a Praga allorchè vi trasferisce la corte nel 1583.    

Per renderne l'ambiente attraverso  oggetti artistici,   sono esposte  4 Coppe di Ottavio Miseroni, realizzate tra il 1610 e il 1530, di varie forme, anche lui è un artista milanese presente a Vienna, con cui Arcimboldo entra in contatto,  e una  "Bacinella in quarzo" della prima metà del ‘600. 

Il "sancta sanctorum" della mostra, le "Quattro stagioni e i Quattro elementi 

Ma ora entriamo in una sorta di "sancta sanctorum", il cuore della mostra, una rotonda al centro dell'area espositiva con le più celebrate "teste composte" di Arcimboldo, sono 8, il ciclo delle Quattro stagioni, 1555-1572, "La Primavera" e  "L'Estate",  "L'Autunno" e "L'Inverno", e il ciclo dei Quattro elementi, intorno al 1566, "L'Aria" e "L'Acqua", "Il Fuoco" e "La  Terra".  

E' una bella sorpresa che invita a "giocare seriamente",  secondo l'intento della direttrice,   con le opere singolari che circondano il visitatore e sembra che lo guardino. E il "gioco" consiste nell'identificare le componenti di queste teste, che sia  nelle Quattro  stagioni che nei Quattro elementi  evocano gli aspetti  caratteristici del periodo considerato,dai fiori e frutti di stagione agli animali in carattere con la stagione o l'elemento considerato. Il tutto con una maestria compositiva che amalgama  componenti così eterogenee non solo creando un effetto  del tutto particolare.  

A noi sono sembrati esseri silvani, elfi che emergono dai più riposti recessi naturali, creature di fiaba che, come avviene nelle fiabe, hanno un che di misterioso e di inquietante. La  curatrice Ferino-Pagden definisce così  l'impatto sul visitatore : " Le teste composte di Arcimboldo  racchiudono una molteplicità di punti di vista:  guardando la testa da lontano - che sia raffigurata di profilo, di fronte o di tre quarti - l'osservatore ne coglie la forma complessiva, spesso mostruosa, ma solo dopo essersi avvicinato inizia a notare  la resa accurata dei singoli oggetti che la compongono". E non è soltanto  una constatazione estetica: "Ognuno di essi - fiori, frutti, pesci, animali vari, ferri per caminetto, segnalibri, fasci di fiori, cannoni e molto altro ancora - contribuisce al significato della rappresentazione, sia che si tratti della caricatura di un individuo o di un mestiere. Di una stagione, di un elemento naturale, di un'allegoria, di una testa reversibile o di una natura morta". 

Nel "sancta  sanctorum" della mostra abbiamo fatto la conoscenza con le Quattro stagioni e i Quattro elementi,  più avanti troveremo la "caricatura di un individuo o di un mestiere", e anche di "una testa reversibile o di una natura morta". Prima di queste ultime  trovate particolarmente intriganti, vogliamo citare opere di Arcimboldo più che sessantenne, molto successive alle "teste composite" ora descritte, rientranti però nella più assoluta normalità; riguardano disegni  per le feste di corte, come "Donna in costume con merletto", "Costume per armigero" e "Costume per la figura allegorica della Musica", "Slitta con satiri" e "Tre uomini su una slitta", tutte del 1585,  trent'anni dopo "Le Quattro stagioni", vent'anni dopo i "Quattro elementi". Ma non è che la vena  irridente e surreale si fosse esaurita,  e lo vedremo. 

Due intermezzi, studi naturalistici e "stanza delle meraviglie"  

Prima, però, la mostra presenta  due intermezzi, importanti per meglio comprendere il contesto storico, culturale e di costume nel quale è stato possibile  che la creatività di Arcimboldo prendesse una direttrice così inusitata.  Il primo riguarda gli studi naturalistici in voga nel periodo alimentati dallo sviluppo dei commerci  con l'Estremo oriente, che portavano i prodotti esotici sconosciuti che suscitavano curiosità e interesse, soprattutto verso ciò che era diverso e stravagante. Vediamo questa tendenza nei  4 volumi di "Ornitologia" illustrati da Ulisse Aldrovandi tra il 1599 e il 1603, e in più "De Piscibus..." illustrato dallo stesso nel  1613; anche Arcimboldo illustrò libri naturalistici promossi dallo studioso bolognese. Oltre ai libri di Aldrovandi,  quelli  sugli "Animali" di Leonhart Fuchs, Conrad Genser, e Andrea Mattioli, tra il 1551 e il 1568, e quelli sui "Pesci" di Pierre Belon e Ippolito Salviani.del 1553-54.  Del' 600,  spettacolari "Tavole di animali" anonime.   

Non solo illustrazioni, i collezionisti si orientavano verso oggetti che si inserivano in questa tendenza,  venivano creati ispirandosi a reperti scientifici con cui venivano raffrontati, nasce così la Wunderkammer", "Stanza delle meraviglie",  Vediamo esposti alcuni di questi oggetti, "La lepre" e "Due lucertole", il "Serpente"  e la "Rana",  fino al "Granciporro"; e anche lampade a olio di forma particolare, come la "Testa di satiro" o il "Volto che fa una smorfia".  

Ma c'è dell'altro, in questa "stanza delle meraviglie" entrano elementi naturali che diventano vere icone per la lavorazione con materiali preziosi, vediamo esposti la "Noce di cocco"  e un "Corallo bianco" con montature in argento, così per il "Corno di rinoceronte" bianco in un calice  e una coppetta,  le "Zanne di tricheco", il "Rostro di pesce sega"  e la "Mandibola di squalo", come dei totem,  sono tutti del ‘600, appartengono alla collezione Koelliker. L'interesse  si acuiva dinanzi a fenomeni  patologici insoliti,  vediamo esposti due dipinti,  "Enrico Gonzales, figlio del peloso Pedro Gonzales", e "Ritratto di Antonietta Gonzales" di Lavinia Fontana, tra il 1580 e il 1595, famiglia colpita da una malattia che creava  una crescita abnorme di peli, all'epoca gli "irsuti" venivano mostrati nelle corti come attrazione per il loro  aspetto stravagante, spesso repellente.  

Le nature morte con le teste reversibili  

Usciamo dall'immersione nel clima di allora tornando al mondo fantastico e insieme realistico di Arcimboldo, presentato nelle ultime 3 sale della mostra,  in un allestimento che abbiamo trovato magistrale. Ed è come se tornassimo nella rotonda con le Quattro stagioni e i Quattro elementi,  ma cronologicamente si è andati molto avanti, l'artista  è rientrato dopo 25 anni a Milano, dove lo accolgono Giovanni Ambrogio Figino e Vincenzo Campi. Sono gli anni della formazione di Caravaggio,le  opere  di Arcimboldo sono molto apprezzate per la sensibilità che emerge nella rappresentazione della realtà, piuttosto che per la bizzarria, e questo va inquadrato nella tendenza  verso i significati allegorici, e i simbolismi anche in senso morale che troviamo nel Figino e altri artisti, e che nel '600 sarà seguita da Fede Galizia di cui è esposto un piccolo dipinto che ritrae una "Fruttiera di ceramica  con uova, prugna  e pere".  

La prima sorpresa è un altro "Inverno" di Acimboldo, 1572, sempre la testa arborea,mentre un "Ritratto femminile composto di frutta (Alla donna di buon gusto" è di un suo seguace del tardo ‘500, composizione meno ricca di elementi delle sue, anche se la tecnica compositiva è la stessa.  Analogamente, la  "Testa composta di uomo" e la "Testa composta di donna" di Bartolomo/Bartolo Bossi.  La sala con "Il bel composto"  presenta anche opere in  maiolica,  "Piatto con testa composta di falli", 1536, attribuito a Francesco Urbani, e in bronzo,  "Medaglia con testa composta raffigurante un satiro (recto), e con testa composta di falli (verso)", del XVI sec.,  riferimenti sessuali secondo la moda di rendere greve l'allusione satirica e il riferimento caricaturale;   2 xilografie, di Hans Meyer e Wenceslaus Hollr  con "Paesaggio antropomorfo" , tra il 1560 e il 1660, e 2 acqueforti in inchiostro rosso, "Allegorie delle Quattro Stagioni (da Arcimboldo)", con due teste ciascuna, " Primavera-Estate" e "Autunno-Inverno" . 

Siamo alla "natura morta" di  cui Arcimboldo ci dà una versione acrobatica  nelle due teste reversibili, "L'Ortolano (Priapo)/ Ciotola di verdure", 1590-93, e "Il Cuoco/ Piatto di arrosto": ha più di 65 anni, ma il suo spirito creativo resta molto attivo, l'inventiva non  è attenuata.  Non sappiamo se conosceva la "Figura da capovolgere" di Giovanni Andrea Maglioli, esposta in due versioni, maschile e femminile,che  capovolta mostra un'immagine animalesca; ,ma  il mimetismo rovesciato di Arcimboldo va ben oltre,  e l'allestimento della mostra consente al visitatore di cogliere l'effetto sorprendente delle due teste reversibili. 

Conclusione del viaggio famtastico, le "pitture ridicole" 

 Le "pitture ridicole" sono l'ultima sorpresa,  prendono avvio addirittura dalle"teste caricate" di Leonardo,  con i lineamenti deformati, delle quali le "teste composte" sono l'evoluzione  estrema   Vediamo  tre opere   emblematiche a questo fine, in chiave di reazione sarcastica al severo manierismo accademico:   "Homo ridiculo",di Anonimo lombardo, intorno al 1550, con uno straripante riso ironico,  l' "Autoritratto come abate dell'Accademia della Val di Blenio", forse 1568, di Giovanni Paolo Lomazzo, ricorda come il pittore divenuto trattatista con la cecità, con altri artisti fondò una associazione di finti "facchini" di quella remota vallata all'insegna della semplicità contro le sofisticazioni,  e  "I mangiaricotta" 1585, di Vincenzo Ciampi , con l'esaltazione delle figure  popolaresche contro quelle paludate.  

Per Arcimboldo, dopo  le "Quattro stagioni" e i "Quattro  elementi" , dove  il simbolismo prevale, trattandosi di figure che richiamano fenomeni naturali;  abbiamo  il "Bibliotecario" e "Il Giurista", entrambi di  Arcimboldo, il secondo datato 1566, 4 anni dopo il trasferimento alla corte imperiale, dove l'aspetto caricaturale è evidente, quindi rientrano a buon diritto nelle "pitture ridicole". Non sono solo teste, ma figure a mezzo busto, il  primo ha i capelli formati da pagine aperte di un libro e il corpo da volumi accatastati, il secondo ha il volto formato dai capponi di Renzo, quindi il termine "giurista" sta ironicamente per "Azzeccagarbugli ".  

E' un bel commiato, colmo di ironia da un artista che, pr nella sua eccentricità oltre ogni dire, ha avuto un'elevata valutazione non solo ai suoi tempi, e il quarto di secolo trascorso alla corte imperiale ne è un segno evidente, ma anche dopo.  Si pensi che dopo una  mostra a Parigi nel 2007, ricorda la curatrice Ferino-Pagden, "che  le Stagioni nel Louvre sarebbero diventati i dipinti più famosi dopo la Gioconda".   

E, tornando alla mostra di  Palazzo Barberini, non è certo un caso che troviamo al termine  la "Testa composta, con elementi utilizzati nell'atelier Capucci", è una gustosa realizzazione di  Roberto Capucci, nella contemporaneità più stringente, è del 2017. Meglio di così non si poteva concludere il viaggio nel mondo fantasioso di Arcibmboldo, in un realismo naturalistico esasperato fiuno al paradosso. 


Info

Palazzo Barberini, via delle Quattro Fontane, 13. Da martedì a domenica, ore 9,00-19,00, lunedì chiuso. Ingresso, audio guida inclusa:  intero euro 15,  ridotto euro 13 per le categorie aventi diritto, gratuito under 18, invalidi, soci ICOM, guide turistiche, dipendenti MiBACT; con il biglietto di ingresso al Museo, intero euro 12, ridotto euro 6, l'ingresso alla mostra è ridotto a euro 10.. Tel 06.4824184, prenotazioni 06 81100257. www.barberinicorsini.org, www.arcimboldoroma.it; E mail: Gan-aar@beniculturali.it.   Catalogo "Arcimboldo", a cura di Sylvia Ferino-Pagden,  Skira Editore 2017, pp. 176, formato 28 x 24.  

Foto 

Le immagini sono state riprese a Palazzo Barberini alla presentazione della mostra, si ringrazia l'organizzazione, le gallerie Nazionali di Arte Antica con Mondomostreskira", con i titolari dei diritti, per l'opportunità offerta.

N.B. Per inconvenienti tecnici le 4 foto finali non sono inserite nel testo come le altre, ce ne scusiamo con i lettori.