Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: arteculturaoggi.com
Location:

Orologio

Archivio

Ultimi Commenti

RICERCA

Calendario

http://cultura.inabruzzo.it

www.archeorivista.it

Identità e bandiere, alla Galleria Mucciaccia

postato da arteculturaoggi.com [01/04/2018 08:05]

di Romano Maria Levante

La mostra "Eyedentity" di Stefane Graff,  artista franco-inglese che vive a Londra, espone alla Galleria Mucciaccia di Roma, dal 23 marzo al 5 maggio 2018 con la direzione artistica di Massimiliano Mucciaccia,  un'ampia serie di opere, alcune molto spettacolari,  che evocano il tema dell'identità con i suoi risvolti psicologici e umani. Nello stesso periodo la mostra "Flags" di  Daniel Jousseff espone una serie di dipinti raffiguranti bandiere. Le due mostre contemporanee  confermano la vitalità  della galleria e la presenza qualificata  nel panorama espositivo dell'arte contemporanea.

"Eydentity",  di Stefane Graff

Come indica il titolo, è  una mostra all'insegna dell'identità, vista soprattutto  sotto l'aspetto della dissimulazione. E questa si impernia sull'oscuramento degli occhi con un rettangolo nero, perché la loro distanza, a parte l'espressione, è essenziale per il riconoscimento.

"Per Graff - commenta James Putnam nell'introdurre la mostra-  offre una specie di velo di protezione per i suoi soggetti, mentre nello stesso tempo evoca un'aura di mistero, che innesta curiosità nello spettatore".

Suo ispiratore è  Freud secondo cui - si legge in "Il Perturbante" del 1919 - "ciò che è dissimulato non solo è nascosto gli altri, ma anche a sé stessi",  riferendosi espressamente "all'idea di essere privati dei propri occhi"; di qui la "scatola nera" che li copre.  L'ombra  rimanda a Jung, per il quale  "l'accettazione del lato oscuro della personalità è essenziale per raggiungere la conoscenza di sé".  

In una intervista a Costantino d'Orazio, l'artista ha detto che "il riquadro nero è come una porta aperta. Vediamo ciò che vogliamo vedere. vediamo i nostri pensieri, i nostri sogni e le nostre fantasie riflessi attraverso questa porta".

Una ricerca dalle solide basi filosofiche, dunque, di un artista che, oltretutto, non si è limitato all'identità umana,  interessato anche a quella delle opere d'arte  dipingendo dei dittici rivelatori.

I suoi dipinti soprattutto su  tela, ma anche su alluminio e tavola di legno, hanno una base fotografica. la fotografia per lui è uno strumento fondamentale. che ha usato in modo particolarmente penetrante nella serie di foto segnaletiche, come vedremo.  

L'artista presenta se stesso con  una originale iniziativa del 2007 per seguire la crescita di un bambino dall'età infantile all'età adulta, sollecitato da scritti esistenziali. Non essendo realistico scattare una foto a un soggetto esterno ogni due settimane per trent'anni, ha semplificato scattando a se stesso una fotografia al giorno per un anno, ottenendo 364 immagini in bianco e nero con lo stesso abito; la 350^ foto à della sola giacca appesa. Ha guardato la sequenza fotografica nel 2017, dopo 10 anni e ha vivacizzato le immagini forzatamente statiche con il getto di sostanze chimiche che hanno dato una colorazione dal blu al rosso, dal giallo al bianco a seconda del tempi di permanenza sulla carta, fino all'effetto di una fiamma.

Ne è nata la serie  "Mind on Fire", datata appunto 2007-2017. Il fuoco sembra invadere il volto serio e composto dell'artista, nelle 39 foto presentate, che richiamano quelle formato tessera, in giacca e cravatta scure, fiammate che si propagano in modo casuale. Veramente geniale la trasformazione, anzi trasfigurazione, di immagini normali, per non dire banali, in qualcosa di fortemente dinamico.

Lo stravolgimento del volto, fino deformarne l'espressione e a renderlo irriconoscibile avviene anche dissestano i volti con una sorta di effetto movimento, in un cubismo picassiano di tipo fotografico, lo si vede nella serie "Glitch Paintings", del 2016.  L'idea nacque dalle distorsioni che una tempesta elettrica produsse sulle immagini del suo televisore,poi da lui fotografate e reiterate spostando a mano l'antenna. ne abbiamo esempi in"The Yellow Line" e "Man in a Grey Suit", "Rear Window" e "Bar Gazer", "Arab Spring" e "Prime Time"; in altri casi i volti sono nascosti  da una sovrapposizione scura che li copre interamente, come  per le due figure femminili di  "Decapitated Dressed" o ne taglia la metà superiore, come in "Forget me Knot" e "The Philosopher's Beard".

Neppure il Papa si sottrae a questa operazione, come vediamo in "Pixelate Pope", è la parte inferiore del viso di profilo ad essere decomposta mentre sulla destra sui accalcano immagini nere anch'esse rese indefinite; parte inferiore del volto nascosta anche  in "Syriana", opèra di grandi dimensioni, 1,20 per 2 metri, in cui l'intera composizione sembra venire decomposta per piani orizzontali.  

Finora immagini singole, in un'opera dell'anno successivo, il 2017,  "The Jury", 2017, sono i volti di una diecina di figure componenti la giuria a dissolversi, dello stesso anno "The Virdict" in cui, però. dei 6 giudici ritratti soltanto la metà hanno il volto moderatamente sformato  per tale effetto discorsivo.

Queste serie più recenti  sono un'evoluzione della tendenza ad occultare l'identità in vari modi, che, nella prima fase dell'itinerario artistico si era espressa nei cosiddetti " Blacks Box Paintings, una vasta serie di immagini fotografiche, le più antiche risalgono al 1996, le più recenti al 2017,  con gli occhi dei soggetti ripresi coperti da un rettangolo nero. Questo procedimento lo avevamo visto diversi anni fa in una mostra al Festival romano della Fotografia, nella serie intitolata "Proibito". "La scatola nera, afferma James Putnam, "è come un vuoto che non solo rappresenta la perdita della vista, ma è anche un simbolo di crisi d'identità, che è un fenomeno crescente nella società contemporanea".

Abbiamo immagini di figure singole:  tra gli uomini, "The interview", 2004-17, che oltre alla figura "schermata", in primo piano,  reca sulla parete una diecina di ritratti tutti con gli occhi coperti,  "Victorian Painter" e "Fernando de Valdes" del 2006, "De Stael" e "Action Jackson I" del 2007;  tra le donne  "Woman with a Rubber Tyre", 1997,  "Baillemens Histériques" 2009. e "Dreamer", 2013-14; tra ragazzi, "Boy in a Black Suit", 1995, tra i bimbi, "Original Sin I e II", 2014.  C'è anche la coppia di "Kiss", 2005, gli occhi schermati  mentre si baciano strettamente abbracciati.

Poi, piccoli gruppi dagli occhi schermati non con i consueti rettangoli neri, ma con strisce avvolgenti, rosa in   "The Collaborators" , 2007, con 3 uomini, e nere in "Triple Cross", 2008, con 3 donne., e in "Russian Protocol", 2014,  con 5 teste che spuntano su un tavolo. 5 figure felici in "The Boat Ride", 2013.

Gruppi molto più numerosi, con gli occhi schermati delle persone quasi in posa, da" The Irascibles" con 15 persone - in un'opera vediamo l'autoritratto vicino a questo quadro - a "Ecole des Beaux Arts I", con 25 persone di cui solo una non schermata, entrambi del 1996, "Passengers", 2007, con una diecina di persone dagli occhi schermati, e "Crimson Ball" in cui le strisce nere spiccano sull'immagine del ballo in un rosso quasi in dissolvenza; sul rosso sfumato anche "Turkish Manifesto", 1996, 10 volti schermati rivolti verso l'alto, mentre in "Turkish Spectators", 2014, le figure dagli occhi schermati sono oltre un centinaio.

Nella stessa logica  di stile e di contenuto la serie "Banquets", più spettacolare per le grandi dimensioni della maggior parte delle opere esposte. I commensali guardano tutti verso  chi li sta fotografando, e in questo modo si rivolgono allosservatore con gli occhi coperti dal rettangolo nero, una contraddizione; come è contraddittorio il loro stare insieme ma nel contempo essere isolati. Nel contempo l'osservatore si sente attirato nella scena, come se si aggiungesse un posto a tavola. 

Si va da "The Banquet", 1994-95,  con la particolarità che il centinaio di persone in abito da sera guardano tutte l'osservatore pur con gli occhi schermati, come fossero in posa, a  "The Brasserie", 2013-14,un solo tavolo imbandito  con una quindicina di persone; poi, del 2013, "Banquet Triptch", un trittico lungo quasi 6 metri per quasi 2 e mezzo di altezza, e "The Jewish Banquet", di 1,80 x 3,60, del 2014,  "Bipolar Banquet",  di 2 x 3 metri, e "Contorsionist Banquet", con una contorsionista sul  tavolo centrale  tra oltre 100 commensali tutti dagli occhi schermati.

Ugualmente schermati gli occhi della serie "Photographers" , dal 2013 al 2017, individuati da un numero progressivo, con in più una certa rarefazione in dissolvenza delle immagini, che vedremo tra poco accentuarsi in altre serie fino alla scomposizione, e il rettangolo nero sugli occhi, una contraddizione ironica con la loro attività, vi è anche una striscia di colore come nei provini fotografici. E' evidente che si tratta di un omaggio ai pionieri della fotografia, da lui tanto utilizzata.

Una declinazione che potremmo dire opposta del concetto di identità, rispetto all'oscuramento degli occhi con le strisce nere visto finora, è la serie delle foto segnaletiche  , intitolata "Mugshots": sono una ventina, per ciascuno viene esibito lo scatto frontale e di profilo, nel riquadro nome e matricola. i soggetti sono rigidi per l'attesa dello scatto nei lunghi tempi di posa con le macchine fotografiche dl tempo, "Per lui, secondo Putnam, "rappresentano anche una opposizione simbolica alla sorveglianza e alla accessibilità on line dei dati personali", e si ricollegano "anche al suo fascino verso la fisionomia umana, o al giudizio della personalità dato in base all'aspetto del viso",  speculare all'oscuramento identitario tramite i rettangoli neri  a copertura degli occhi.

Sono tutte del 2017 -  a parte alcune intitolate "Photofit" alquanto differenziate dalle altre - le segnaletiche intitolate "E' proibito sorridere", realizzate con soggetti fotografati a Roma durante un evento nella Galleria Mucciaccia, altra prova evidente della sua caratura artistica e organizzativa. Li ha definiti "ritratti anti-identitari",  identificati da un numero  mentre i nomi sono anagrammati, e questo "oscura e sovverte la loro vera identità"; le serigrafie sono invecchiate artificialmente e in tal modo ha  ottenuto quella che lui stesso chiama "una perfetta combinazione tra pittura e fotografia, utilizzando insieme vernice e materiale fotografico". 

Ma oltre all'aspetto tecnico esalta l'aspetto umano di quest'operazione: "Durante la ricerca dei soggetti di questa serie, sono rimasto spesso molto impressionato dall'entusiasmo e dal desiderio di partecipazione delle persone.  Che cosa ci dice questo comportamento sulla psiche umana? Quale straordinaria propensione hanno mostrato queste persone ad assumere il ruolo di un criminale e posare  come un gangster o un condannato!"  Non si dà una risposta, ma pensiamo che sia evidente nella stessa sua impostazione, che sottolinea "gli errori di identificazione e le false convinzioni", i soggetti si sono sentiti non identificati come rei ma come possibili vittime di errori giudiziari, .

Oltre alle foto singole ci sono quelle intitolate "Eye Totem" con un'acrobatica  moltiplicazione degli occhi che allungano a dismisura il viso del soggetto fotografato, maschile e femminile;  dopo la schermatura degli occhi la loro moltiplicazione ci  sembra un fatto rimarchevole. Tanto più che nel "Black Box Mugshots 2" ci sono 18  strisce costituite da  un insieme di foto frontali di visi, prese dalle segnaletiche, ma sorprendentemente con gli occhi schermati ds una linea nera continua.  

Negli anni più recenti a queste forme espressive basate sulla negazione dell'identità e, specularmente, sulla sua esibizione in negativo, sì è aggiunta una quella intitolata "Mille-Feuille", in cui le immagini non sono schermate ma le identità vengono rese evanescenti da una particolare "sfuocatura,  risultante da una parziale scomposizione realizzata mediante le 100 strisce separate del pannello di legno sul quale le immagini sono dipinte, che vengono opportunamente deviate.  L'idea fu data all'artista da una nuova anomalia nello schermo del suo computer mentre ritoccava un'immagine digitale, il risultato richiama lo sfarfallio: "L'immagine - spiega Putnam - inizia come una foto e diventa un dipinto, le sue parti si separano e si risistemano,  diventa tridimensionale, al contempo pittura e scultura", evocando anche in questo modo "il tema dell'identità, come personalità dissociata, trauma e memoria frammentaria". 

In due opere del 2015 quest'operazione è soltanto accennata, "Colin Campbell Ross", dove la composizione si avverte appena nel busto, mentre il volto è nitido, è un "olio su legno e un meccanismo di motorizzazione" non meglio identificato, evoca un tragico scambio di identità per cui un innocente viene impicacto nel 1922 a Melbourne per un omicidio non comemsso. "Schoenberg", è un volto meno nitido del primo, attraversato soltanto da vibrazioni grafiche. C'è anche "Skull", un teschio. appena  sfiorato dalla scomposizione.  

Nello stesso anno irrompe un'opera di notevoli dimensioni, lunga quasi 5 metri e alta 1,5, , "Mille-Feuille Banquet", in cui la scomposizione  altera leggermente, ma in modo evidente, i volti delle centinaia di persone che banchettano, una variante notevole alla schermatura della serie "Banquet"degli anni immediatamente precedenti.  Segue, nel 2016, "School", lungo più di 2 metri, la tipica classe di ragazze con il grembiule e il colletto bianco schierata, a fianco la maestra, e addirittura il suo "Self Portrait", quasi avesse voluto sperimentare su se stesso, la peculiare formula espressiva adottata ; poi, nel 2017, "Walking Man" e "Running Man", che riecheggiano la "Ragazza che corre sul balcone" di Duchamp, anche loro di dimensioni consistenti, 2 m di lunghezza per 1 m di altezza.  Nell'anno c'è anche un ritratto,  "Mayakovsky", non solo il volto ma la figura seduta, in cui la scomposizione è molto accentuata, e ancora di più lo era in "Unseated Nude", del 2015,  un'opera propriamente  cubista. 

Non si esaurisce nelle opere fin qui descritte  la feconda e poliedrica attività artistica dell'autore, in "Black Box Paintings" ci sono delle schermature non ai volti ma a particolari dell'ambiente, come in "Metaphysical Seaescape", 1997 -  anno nel quale abbiamo anche un sorprendente "Freud's Window", o delle costruzioni raffigurate, come in "Sonderzugdepot", 2013,  "Catatonics", 2014,  "Cabin", 2015.  Inoltre , sempre tra il 2013 e il 2015, figure intere quali "The Green Mask" e  "Male Nude Study (Back)" e volti in "Eye Operation", "Restraining Order" ed "Exit Wound".

E' un lungo itinerario, quello dell'artista, in un'inquietudine creativa che lo ha portato a esplorare sempre nuove strade  all'insegna dell'identità declinata in modi sempre diversi.  Si può misurare l'ampiezza  del tragitto compiuto considerando la radicale diversità delle prime opere, dalla serie "Constrictions" del 1991, fotografie in bianco e nero segnate da forti contrasti luminosi, con figure nude legate da corde quasi evocando i legacci delle mummie, riferimento divenuto diretto nella serie immediatamente successiva "Earthworks and Mummifications" ispirata da suoi studi sulla mummificazione dell'antico Egitto al Cairo e a Luxor, che si sono tradotti anche in teste modellate nell'argilla e bendate nei modi delle mummie. Con il progetto immediatamente precedente.

Alcune opere risalgono al periodo 1991-97: citiamo  i multipli di "Vulvas" e "Testament",  gli inquietanti "Head" e "Ancien Portrait", gli enigmatici "Akhenaten's Dream" e "Mummification Triptych". Molte altre sono del primo quinquennio del 2000, per lo più senza figure umane,  dai 3 sull'ocra, "Ochre Diptych", "Ochre Wall", "Ochre and Grey Composition"  ai 3 rossi "Remparts Rouge", "Haqqi (Mon Droit)", "Steps to Kasbah",  a 3 allusivi, "East Meets West, West Eats Meat", "Voodoo Fetish" e infine "Marche et Cache". 

In quest'ultimo, del 2005, da una piccola finestra  in un parete di tronchi di legno assemblati in modo rudimentale, si affacciano due piccole figure in abiti locali: non sono schermate, esprimono una presenza umana, un'identità rivendicata  che prendiamo come conclusione a un percorso nel quale tante identità sono state nascoste o mimetizzate. conclude Putnam la sua presentazione: "Mentre la sua opera si ricollega alla dissimulazione, Graff paragona il processo creativo ad uno scavo nell'inconscio dove vi è qualcosa di nascosto che aspetta di essere rivelato". Ed è un'osservazione  che fa riflettere perché attiene alla sfera più intima e riservata di ciascuno.

"Flags", di Daniel Jouseff

Un' "identità" molto diversa quella alla base dell'altra mostra, un'identità mancante, quella di  Daniel Jouseff , che ricerca attraverso le bandiere, "Flags" di tutti i tipi  dipinte a forti colori. La curatrice Louise Hamilton le efibisce "bandiere per manifestare i propri pensieri", ed è ababstanza singolare ssendo la bandiera simbolo di un'identità nazionale che l'autore sente di non avere. Ma non si sente neppure "citttadino del mondo",la mente torna all' "ebreo errante" senza pace. 

Non si sente "cittadino  del mondo", perché, come afferma lui stesso, "sono nato e cresciuto in un paese, ma le mie tradizioni erano radicate in un altro".  Poi  è entrato in scena un terzo paese, e come risultato sente di non appartenere a nessun luogo. ma avverte sempre la forte sensazione dell'attraversamento dei confini. Quando si va da una nazione all'altra pensando di superare una barriera e di andare in un mondo diverso dal proprio, ma se non si sa a quale mondo si appartiene, come cambia questa sensazione?  

L'artista esprime  artisticamente le sue emozioni  attraverso un viaggio ideale reso da mappe, terre e  bandiere, soprattutto in queste ultime mette tutta la propria inquietudine che lo spinge alla ricerca di una identità virtuale.  

Intervistato da Giulia Abate  afferma: "Il mio lavoro è la chiave per scoprire  e comprendere pienamente la mia origine ... E le bandiere sono il simbolo per eccellenza dell'identità e del senso di appartenenza" . Proprio perché rappresentano  vaste comunità nazionali  con la loro storia e la loro cultura, le loro tradizioni e i loro costumi. Ma all'artista manca la bandiera, quindi il  senso di appartenenza che dà l'identità: "Io ho vissuto in esilio, nella diaspora, ho da sempre desiderato una casa e posso sventolare la mia bandiera finchè voglio, ma come si può trovare la propria casa quando non sai  dove cercarla?". 

Per dire il vero la sua sembrerebbe a prima vista una storia normale, nato  in Svezia a Vaxjo nel 1975 e trasferito a Stoccolma dove vive tuttora, dal 2003. Sente tuttavia due culture sovrapposte in lui, aramaica e svedese, perché  una guerra culturale ha privato i genitori della propria lingua, con le cultura araba e turca ulteriormente sovrapposte.  "Non ho la pelle abbastanza scura per esser un mediorientale, ma non sono nemmeno abbastanza biondo per essere uno svedese, allora ho provato ad essere entrambi", questa la confessione finale. Ne è nato "il caos con il quale mi confronto ogni giorno. Forse le bandiere rappresentano proprio questo mio costante conflitto interiore". 

Vediamo esposte una quindicina di "flags" dipinte per lo più a olio su tela nel 2017 e 2018,  tutte di fantasia, senza riferimenti a bandiere esistenti. Dalle grandi  "Black/ yellow flag"  su legno e "Black/ black/  flag",  di 1 metro di altezza,  alle piccole  "Small red  and yellow flag"   e "Small yellow and green flag", alte circa 30 cm, con i piccoli triangoli giallo e verde su fondo rosso e giallo. Poi le più grandi, alte quasi 1 metro e mezzo, "Multicoloured flag pink" e  "Multicoloured flag with stripes",  con strisce verticali  con sopra 3 triangoli, entrambe su tessuto. Alte  80 cm -1 metro  le quasi monocromatiche "Flaf/pink/white" e "Greenwhite flag", quasi solo rosa e verde, e  le bicromatiche "Flag/ blue/ pink" e "Flag/ geren/ orange" in acrilico su carta. In matita e inchiostro su carta  "Graphite grey wood flag", inchiostro su legno in  "Black/ red wood flag" e "Flag/ wood", la più piccola di tutte, alta 19 cm. 

Sono esposte due opere identitarie in modo diverso, come   "Yellow border/ satellite", "Camouflage / border / satellite" e "Borden patrol" con la scritta "Operation Gate Keeper"; e  altre molto differenti,  come "The book of San Michele decostructed", copertina e due pagine aperte con dei segni azzurri di cancellature, ben diverse da quelle celebri del nostro Isgrò; e  un  singolare "U.S. President" scritto su una lavagna, "Searching for Illegals", una scritta nera su fondo rosa. 

Ma rimangono impresse le sue "Flags" per lo più bicolori, e il significato che l'artista attribuisce loro: "Le bandiere rappresentano un processo continuo di attraversamento dei confini e il risultato della mia ricerca di una casa, della mia vera identità". Ha esposto a Stoccolma nel 1916 e nel 1917 e nel Texas nel "Pop Austin International Show", ma nella mostra attuale la metà sono opere del 2018,  quindi inedite, e di questo va dato merito alla Galleria  Mucciaccia.  

Vogliamo concludere citando il suo "Self portrait" del 2017: si ritrae con il cappello  e i colori della giubba di Arlecchino: evidentemente continua lo spaesamento e la ricerca di una identità, sarebbe interessante seguirne gli sviluppi,  

Info

Galleria Mucciaccia, Largo della Fontanella di Borghese 89, Roma. Dal lunedì  al sabato, ore 10,00-19,30, domenica chiuso. Ingresso gratuito. Tel. 06.69923801, www.galleriamucciaccia.com. Cataloghi bilingue italiano-inglese: "Eyedentity", Stefane Graff",  Galleria Mucciaccia, febbraio 2018, pp. 330, formato 25 x 29. "Daniel Jouseff. Flags",  Mucciaccia Contemporary  a cura di Louise  Hamilton, pp.60, formato 20 x 21. Dai cataloghi sono tratte le citazioni del testo. Cfr. i nostri articoli, in cultura.inabruzzo.it per Duchamp; in fotografia.guidaconsumatore,it per "Proibito"  (questi siti non sono più raggiungibili, gli articoli saranno trasferiti su altro sito).