Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: blog.bertinifa.it
Location:

Archivio

Conta visite

1 .   

Ultimi Commenti

RICERCA

Calendario

Cave tamponem!

postato da blog.bertinifa.it [11/05/2020 09:39]
foto Se mi si chiede di fare un tampone, voglio l'ordinanza scritta prima di accettare. Il test attualmente usato dà un falso positivo in metà dei casi, se non peggio. Vedi qui 
Questo dato scientifico spiega sia le false ricadute sia l'inefficacia dei controlli cui veniamo sottoposti. Questo dato era già stato notato in febbraio, quando qualche "complottista" suggeriva che i kit per lo studio degli infettati erano inquinati da coronavirus, allo scopo di creare falsi allarmi. Adesso le prove cominciano a venire a galla.
C'è anche la prova del nove. Ricordate quei test per riconoscere allergie alimentari offerti da sedicenti laboratori scientifici? Ricordate quel burlone che mandò il suo test intriso con sangue di pollo a tre diversi laboratori. Nessuno riconobbe l'inganno. Tutti proposero diete d'esclusione per le allergie riscontrate nel campione del "suo" sangue.
Bene: il burlone di oggi è il presidente della Tanzania che subodorando l'inganno ha mandato all'OMS tre test con nomi umani ma prelevati rispettivamente da una capra, una papaia e un fagiano. Il prelievo sul fagiano è risultato negativo. Quello sulla capra e sulla papaia sono risultati positivi. Più o meno la stessa percentuale segnalata prima (falsi positivi tra 80 e 50%).
Un medico di casa nostra ASINTOMATICO, si è fatto LA QUARANTENA per un test positivo e poi, finita la quarantena, è incappato nuovamente in un test positivo, mandando nel panico quelli con i quali si era intrattenuto dopo la quarantena. Potrà mai tornare alla normalità se domani o a settembre sarà di nuovo positivo, benché asintomatico? Comincia a sentirsi come in un incubo. È finito nel tunnel dell'appestato!
Come ovviare? Facendo tre test in successione? Ma con una percentuale di falsi positivi intorno al 70% vi pare che sia la soluzione? L'unica soluzione è buttare il tampone nel cesso e farsi fare volontariamente il test sierologico. Chi ha le IgG contro il coronavirus è guarito. Può fare ciò che vuole e non può essere più infettante di qualunque superficie o di qualunque mascherina impiegata per qualche ora.
È ora di svegliarsi e di uscire da questo incubo ... e di incazzarsi. Incazzarsi fa bene al sistema immunitario.