Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: blog.bertinifa.it
Location:

Archivio

Conta visite

1 .   

Ultimi Commenti

RICERCA

Calendario

Il pataccavirus, causa della pandemenza, dà i numeri ...

postato da blog.bertinifa.it [20/01/2021 08:50]
foto

Ad una anno dall'inizio della Pandemenza Colletiva i numeri sono ormai rocce inamovibili. Non c'è più negazionista che tenga: l'ISTAT ha parlato con voce tonante, autorevole, spazzando via ogni dubbio.

Ecco i numeri che asfaltano gli imbecilli: tra gennaio & ottobre 2020 il numero di morti in Italia (per tutte le cause) è cresciuto del 9,7%, rispetto alla media dello stesso periodo dei 5 anni precedenti

Tra il 2914 e il 2015, nello stesso arco di tempo (gennaio - ottobre) ci fu un incremento del 8,6%.

Quindi gli imbecilli dalla nascita o i dementi a causa della Pandemenza devono riconoscere che nel 2020 c'è stato un incremento di un punto percentuale: mica bruscolini!

Sì si avete capito bene: rispetto al 2015 abbiamo una mortalità su tutto il territorio nazionale in aumento del 1,11% a causa del pataccavirus. Un'enormità! Gente che muore per le strade; per questo bisognerebbe prendere per il collo chi non vuole vaccinarsi oggi.

Cos'è successo a Bergamo e circondario?

In Lombardia c'è stato un incremento del 33,5% rispetto la media dei cinque anni precedenti.

Un'ecatombe confermata da questi numeri definitivi. Dunque abbiamo a che fare con un virus "lombardo", che colpisce Bergamo e, a decrescere, il resto delle regioni limitrofe, fino a scomparire al Centro e al Sud Italia. I meridionali che scappavano da Milano, non hanno infettato il sud. Questo pataccavirus non ne vuole sapere dei terroni. Lo dice l'ISTAT: in Campania l'incremento di morti durante la pandemenza è del 0,52%. In Calabria incremento dell'1%. Terrificante l'aumento in Sicilia: 0,3%.

Il Governatore De Luca, che voleva mandare i carabinieri con il lanciafiamme a casa delle persone ha un aumento dei decessi sulla media dei 5 anni precedenti dello 0,52%. Nella provincia di Salerno i decessi sono calati del 2,38%. Stupefacente.

Zaia nel 2015 quando l'incremento di mortalità nazionale fu dell'8,67% avrebbe dovuto chiudere ancora di più rispetto al 2020, perché il Veneto ha avuto un picco di mortalità del 7,34% nel 2020.

Il Friuli-Venezia-Giulia ha avuto un aumento dei decessi sulla media dei 5 anni dell'1,37%.

In provincia di Udine e di Gorizia il numero dei decessi è addirittura diminuito.

I terrapiattisti, quelli veri, sono serviti. Ma troveranno il modo per non credere neanche all'ISTAT ...

che possono controllare qui 

Amen.