Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: blog.bertinifa.it
Location:

Archivio

Conta visite

1 .   

Ultimi Commenti

RICERCA

Calendario

Morti in culla

postato da blog.bertinifa.it [12/07/2020 07:15]
foto

Morti in culla (SIDS)
Prima degli odierni programmi di vaccinazione, la "morte improvvisa" era così poco frequente che non era menzionata nelle statistiche sulla mortalità infantile.
Negli Stati Uniti, sono state avviate campagne di vaccinazione nazionale negli anni '60, quando sono stati introdotti diversi nuovi vaccini e sono stati attivamente raccomandati.

Per la prima volta nella storia, la maggior parte dei neonati USA era tenuta a ricevere diverse dosi di vaccini DPT, polio, morbillo, parotite e rosolia.

Poco dopo, nel 1969, i certificatori medici presentarono una nuova malattia: la morte infantile improvvisa.

Nel 1980, SIDS diventa la causa principale della mortalità post neonatale USA.


Anche se alcuni studi non sono stati in grado di trovare correlazioni tra SIDS e vaccini, ci sono prove che un sottoinsieme di neonati potrebbe essere più suscettibile a SIDS poco dopo essere stato vaccinato.


Per esempio, Torch ha scoperto che due terzi dei bambini che erano morti da SIDS erano stati vaccinati contro DPT (difterite-pertussis-tetanus toxoide) prima della morte.

Di questi, il 6,5% è morto entro 12 ore dalla vaccinazione; Il 13% entro 24 ore; 26% entro 3 giorni; e il 37%, il 61% e il 70% entro 1, 2 e 3 settimane.


Torch ha anche scoperto che i neonati non vaccinati che sono morti di SIDS lo hanno fatto più spesso in autunno o in inverno mentre i bambini vaccinati sono morti più spesso a 2 e 4 mesi, le stesse età in cui le dosi iniziali di DPT erano state somministrate ai neonati. Ha concluso che DPT "può essere una causa principale di una morte improvvisa infantile e precoce dell'infanzia e che i rischi di immunizzazione possono superare i suoi potenziali benefici".

Anche in Italia i casi di SIDS sono scomparsi durante il blocco del paese. Reintrodotte le vaccinazioni ci sono stati subito due casi. Una bambina è sopravissuta al fratellino morto ma è in rianimazione.