Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: Fabio Franchi
Location:

Ultimi Commenti

Archivio

Link

Per saperne di più: http://www.dissensomedico.it email: info@dissensomedico.it

Orologio

Calendario

Conta visite

1 .   

AIDS denialism ("i negazionisti")

postato da FFranchi [17/06/2010 07:08]
Pubblico volentieri la lettera di un lettore. Rispondendo a questa, rispondo anche ad altri.

Salve,



> Recentemente, da circa 2 o 3 anni, ho scoperto sul web le teorie dei dissidenti: Duesberg in primis, di cui ho letto anche il libro "Il virus inventato", e recentemente, le teorie di Eleni Papadopulos che, almeno a prima vista e considerando che non sono un esperto nel campo, mi sembrano più razionali.

> Pochi giorni fa ho scoperto il suo sito, uno dei pochi in italiano su questo argomento, credo. E' stata una piacevole sorpresa. Io penso che il progresso della scienza possa avvenire solo attraverso il contradditorio, solo attraverso il confronto produttivo e non arroccandosi sulle proprie posizione in maniera acritica.

> Pochi giorni fa, navigando su Youtube, trovo un video (http://www.youtube.com/watch?v=P_OCdTcHN3U ) che risponde punto su punto alle teorie del gruppo di Perth. Io no ho le competenze per poterlo giudicare perchè è pieno di tecnicismi e onestamente non l'ho guardato tutto, quindi le volevo chiedere se può dargli un'occhiata (se già non lo avesse fatto) e darmi qualche delucidazione in merito. Da quel poco che ho capito e dagli innumerevoli commenti al video sembra, per l'autore, che l'ipotesi HIV/AIDS sia un qualcosa di praticamente certo, che i test siano attendibili quasi al 100%, e che chi si oppone a questi, che vengono chiamati "fatti", sia una sorta di terrorista mediatico. L'autore del video sembra sia uno studente in biologia o qualcosa di simile (lo specifica in uno dei commenti).

> Tra l'altro nei commenti al video viene sistematicamente screditato il gruppo di Perth affermando che la Papadopulos non avrebbe le competenze necessarie in virologia, che non è laureata etc etc...

> Provengo dal mondo della ricerca e ben so quale e quanta possa essere la sete di potere e di fama che è presente in questo mondo. Mi viene da pensare che la cosa possa amplificarsi nel caso della ricerca medica, foraggiata dalle famigerate multinazionali farmaceutiche ($$$). 

> Mi auguro di avere presto una sua risposta. 

> Le faccio i complimenti per il suo sito

> D

 

Il lettore D. mi segnala un video-clip che non conoscevo e che smonterebbe in particolare le tesi dei dissidenti, quelle del gruppo di Perth in particolare, e che definisce la Eleopulos un personaggio velleitario ed insignificante (crackpot). Ho guardato quindi con attenzione, temendo chissà quale rivelazione. Infatti, di questi tempi ... non si sa mai che non si sia costretti a qualche brusca virata!

Nel video, dopo aver esposto con chiarezza i punti principali della teoria del Gruppo di Perth, l'autore pensa di liquidarli con poche diapositive in cui vengono riportati grafici e foto di risultati laboratoristici (non elaborati in risposte accessibili a chi non se ne intenda). Sono esposti come dimostrazione che i test sono qualcosa di reale e non inventato. Il ragionamento (chiamiamolo generosamente così) sarebbe questo: se esistono i test vuol dire che esiste il virus HIV. Di ulteriori "ragionamenti" non c'è traccia.

L'autore del video non conosce le argomentazioni della Eleopulos evidentemente. Ha letto solo i titoli. E con uno che legge solo i titoli poco si può obiettare. Chiaramente, la Eleopulos non discute che i test vengano fatti e che diano dei risultati, e che i medici diano per scontato che sia vero tutto il lavoro "a monte" da quelli rappresentato.

La Eleopulos dice semplicemente che "il lavoro scientifico" di Montegnier e di Gallo che dai medici (e da tutti gli "ortodossi") viene dato per scontato è falso. Niente di più, niente di meno. C'è un solo sistema per zittirla: dimostrare che le sue argomentazioni sono del tutto sbagliate. Nella letteratura scientifica questa dimostrazione non c'è. Finché non ci sarà, sono legittimato a pensare che abbia ragione lei. Sono le dure regole della scienza e della logica.

Per fare un esempio comprensibile è come se nella contesa tra due gladiatori (le due teorie) uno avesse trafitto il cuore dell'avversario con una lancia. E' superfluo discutere di altri particolari del combattimento se tale colpo è stato sferrato. E' stato sferrato o no? Sì, è stato sferrato. Il "gladiatore virale", che io sappia, non è stato in grado di pararlo. Amen.

PS Chi ha letto Montagnier e la Eleopulos si avvede bene della differenza in quanto a rigore e forza del ragionamento.