Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: Fabio Franchi
Location:

Ultimi Commenti

Archivio

Link

Per saperne di più: http://www.dissensomedico.it email: info@dissensomedico.it

Orologio

Calendario

Conta visite

1 .   

Pubblicazione del Prof Ruggiero e del dott Yamamoto

postato da FFranchi [21/07/2010 07:01]

Abstract: http://www.aids2010.org/Default.aspx?pageId=322

Intervista: http://www.youtube.com/watch?v=n4eMkdYhaZE

Vengono aggiunti ulteriori miei commenti in coda (20100721)

Vengono aggiunti commenti giornalistici in coda (20100722). A proposito di questi, molto entusiasti, metto in rilievo (in grassetto) quanto prevedevo avrebbe colpito giornalisti.

Vengono aggiunti commenti in coda (20100730) - risposte ai lettori

Viene aggiunto l'abstract "quasi completo" in coda a quello seguente, più breve (20100809):

  

THPE0051 (Abstract al Convegno Internazionale di Vienna sull'AIDS)

Gc protein-derived macrophage activating factor

(GcMAF) stimulates activation and proliferation

of human circulating monocytes

M. Ruggiero1, S. Pacini2, N. Yamamoto3

1University of Firenze, Experimental Pathology and Oncology, Firenze, Italy,

2University of Firenze, Anatomy, Histology and Forensic Medicine, Firenze,

Italy, 3Socrates Institute for Therapeutic Immunology, Division of Molecular

Immunology and Immunotherapy, Philadelphia, United States

Background: Vitamin D binding protein-macrophage activating factor (Gc-

MAF) has been proposed as a tool to fi ght HIV infection. Its effects on macrophage

activation have been studied in conditions where macrophage function

is defi cient, from HIV infection to cancer. However, the effects on in vitro

activation and proliferation of monocytes from healthy subjects have not been

studied. Here we report the results obtained challenging human monocytes

with GcMAF.

Methods: Peripheral blood mononuclear cells were isolated from healthy subjects

using Ficoll-Paque gradient centrifugation. 100μL of cells were cultured

with GcMAF for different time intervals (30 min - 96 h). Each condition was

replicated in quadruplicate and each subject served as internal control.

Results: Monocytes, incubated with 10 pg GcMAF/ml for 30 min and cultured

for 3 h, were highly activated and produced 30-fold increased superoxide

generation. Monocytes activated with 10-100 pg GcMAF/ml developed a large

amount of Fc-receptors as well signifi cant variation of receptors that recognize

IgG-bound and unbound HIV virions. Thus, monocyes/macrophages activated

by GcMAF preferentially phagocytize IgG-bound HIV virions. GcMAF (100 pg/

ml) stimulated monocyte proliferation in vitro to an extent comparable to that

achieved by the highest concentration of lipopolysaccharide (1 μg/ml) taken

as positive control. The effect was dose-dependent and maximal stimulation

was obtained with 100 pg GcMAF/ml. The effect was evident after 24 h and

lasted for 96 h. At that time (i.e. about 98 h after drawing) un-stimulated cells

were no longer viable as if GcMAF had rescued monocytes from apoptosis.

Monocyte proliferation induced by GcMAF was not inhibited by 1alpha, 25-

dihydroxyvitamin D3.

Conclusions: These results demonstrate that GcMAF has a potent mitogenic

activity in vitro and are consistent with the observation that intravenous

administration of GcMAF increased the systemic cell counts of the activated

macrophages to >200-fold, presumably because of interaction of GcMAF with

myeloid progenitors in bone marrow.

Presenting author email: marco.ruggiero@unifi .it

Su segnalazione di Mapiù, aggiungo l'abstract "quasi completo" ritrovato sul web:

 Gc PROTEIN-DERIVED MACROPHAGE ACTIVATING FACTOR (GcMAF) STIMULATES
ACTIVATION AND PROLIFERATION OF HUMAN CIRCULATING MONOCYTES
M. Ruggiero*, S. Pacini**, N. Yamamoto§
*Department of Experimental Pathology and Oncology, University of Firenze, Italy
**Department of Anatomy, Histology and Forensic Medicine, University of Firenze, Italy
§Division of Molecular Immunology and Immunotherapy, Socrates Institute for Therapeutic Immunology, Philadelphia, PA, USA
THPE0051
Background. Vitamin D binding protein-macrophage activating factor (GcMAF) is a powerful stimulator of the immune system. Its effects were studied in conditions where macrophage/monocyte function is deficient, from HIV infection to cancer (Transl Oncol 1:65-72, 2008; J Med Virol 81:16-26, 2009), whereas the effects on monocytes from healthy subjects have not been studied. Thus, here we report the results obtained challenging human monocytes from healthy subjects with GcMAF: we demonstrate that the individual degree of responsiveness is dependent on vitamin D receptor (VDR) gene polymorphisms. In addition, since the signal transduction pathway of GcMAF is not fully understood, we studied the effects of GcMAF on the formation of intracellular cAMP. Finally, we studied the effects of GcMAF on normal
and cancer cell-induced angiogenesis in the chick embryo chorioallantoic membrane (CAM) assay.
Materials and Methods. GcMAF was prepared by Prof. N. Yamamoto. Peripheral blood monocytes were isolated from healthy subjects using Ficoll-Paque gradient centrifugation. 100oeL of cells from donors harbouring different VDR polymorphisms (identified by BsmI and FokI restriction enzymes; see Adv Chronic Kidney Dis 15:186-90, 2008) were cultured with GcMAF for different time intervals (30 min - 96 h). Each condition was replicated in quadruplicate and each subject served as internal control. Cell proliferation and viability were assessed by the cellular reduction of tetrazolium salts to colored formazans and measured as optical density (Leuk Lymph 44:1957-62, 2003). cAMP was measured using the Cayman Chemical cAMP assay. CAM assay was performed as described in J Environ Pathol Toxicol Oncol 28:85-8, 2009.
Results. Normal murine and human monocytes, incubated with 10 pg GcMAF/ml for 30 min and cultured for 3-6 h, were highly activated and produced 30-fold increased superoxide generation (Table 1). In fact, subjects harbouring homozygous "bb/FF" genotypes showed the highest response and 100 pg GcMAF/ml stimulated monocyte proliferation to an extent comparable to that achieved by the highest concentration of lipopolysaccharide (1 μg/ml), taken as positive control. Heterozygous subjects ("Bb/Ff") showed a smaller, but still significant, response, whereas "BB/ff" homozygous did not respond. In subjects harbouring "bb/FF" genotypes, GcMAF sustained cell viability for about 98 h whereas un-stimulated cells were no longer viable after 48 h, as if, in those subjects, GcMAF had rescued monocytes from apoptosis (Cell Death Dis 1, e30; doi:10.1038/cddis.2010.8, 2010).
In preliminary experiments with healthy donors, however, we had noticed that individual responses to GcMAF significantly varied. Therefore, donors were selected for VDR genotypes and we observed that the "b" and "F" alleles of the VDR gene were associated with the highest responses in terms of cAMP formation and proliferation (Tables 2 and 3).
Chronic HIV infection is associated with deregulated angiogenesis possibly resulting in some of the pathological processes that occur in AIDS patients (Angiogenesis 5:141-51, 2002). In the past, it was demonstrated that GcMAF inhibited growth factor-induced cell proliferation, chemotaxis, and tube formation in vitro by using cultured endothelial cells and in vivo by using a mouse cornea micropocket assay (J Natl Cancer Inst 94:1311-19, 2002).
Its effects on CAM assay (i.e. on an entire developing embryo), however, had not been studied. Table 4, shows that 1 ng GcMAF/ml (i.e. a concentration 10-fold higher than that required to stimulate monocytes) completely inhibited the angiogenesis induced by prostaglandin E2 or by a human breast cancer cell line, MCF-7.
GcMAF alone did not modify basal angiogenesis or chick embryo viability and development.
Acknowledgements: this study was subsidized by grants from the University of Firenze to M.R. and S.P.
Author for correspondence: Prof. Marco Ruggiero, MD, PhD: marco.ruggiero@unifi.it
Monocytes activated with 10-100 pg GcMAF/ml developed a large amount of Fc-receptors as well as significant variation of receptors that recognize IgG-bound and unbound HIV virions. Thus, monocyes/macrophages activated by GcMAF preferentially phagocytize IgG-bound HIV virions.
Thus, monocyes/macrophages activated by GcMAF preferentially phagocytize IgG-bound HIV virions.
Figure 1
Discussion. These results elucidate the cellular and molecular mechanisms through which stimulation of the immune system leads to eradication of HIV (J Med Virol 81:16-26, 2009; Figs 1, 2 and 3). In fact, we demonstrate that GcMAF has a potent mitogenic activity in vitro and these data are consistent with the observation that intravenous administration of GcMAF increased the systemic cell counts of the activated macrophages to >200-fold. In addition, we demonstrate for the first time that the response of human monocytes to GcMAF is dependent on VDR gene polymorphisms. It is worth noting that the alleles "b" and "F" are also associated with the highest sensitivity to vitamin D; a convergence of the vitamin D and GcMAF signalling pathways can thus be hypothesized. Thus, domain I of GcMAF complexes with vitamin D and then binds to monocytes. However, gene-cloned domain III alone fully activates monocytes in a manner identical to entire GcMAF. Whatever the case, these results can prove instrumental in identifying those HIV-positive subjects that could benefit the most from GcMAF treatment.
Figure 2 Figure 3

Ora qualche retroscena e qualche commento.

Come molti avevano capito, ero stato io ad interessare il prof Ruggiero riguardo il GcMAF ed il suo scopritore, il dott. Yam, l'anno scorso. Gli ho fornito la documentazione in mio possesso. Dopo ripetute richieste di collaborazione, contro ogni aspettativa e dopo ripetuti rinvii, alla fine dell'anno scorso è arrivato un campione da Phyladelphia. Con assoluto scetticismo, il Prof fiorentino ha iniziato gli esperimenti, con lo scopo esplicito di provare, scartare e non perderci più tempo. Invece i risultati sono stati ottimi (sulle cellule e su embrione di pollo). Da qui è scattato l'interesse che ha portato ad ulteriori esperimenti ed alla collaborazione diretta con Yam. Io mi ero inizialmente autoescluso  poiché avevo ormai già spedito una lettera piuttosto dura e non volevo compromettere i possibili sviluppi (che poi ci sono stati). Avevo infatti inviato un ultimatum in America: o mi forniva le informazioni che avevo richiesto (dati sui pazienti) o avrei fatto sapere al mondo intero che il suo non era altro che un bluff (fino a prova contraria).

Successivamente, per asseriti motivi di sicurezza su cui non ho motivo di dubitare, gli studi sono andati avanti in modo "blindato", per arrivare alla presentazione al Congresso di Vienna senza rischi di venir bloccati. Infatti, con lo stupore dello stesso prof Ruggiero, il poster-abstract sul GcMAF era stato subito accettato.

A me non è stata data nessuna copia dell'abstract, che ho potuto leggere allora molto velocemente, di cui mi ricordo poco (anche se, in tutta sincerità, mi pare fosse un po' differente da quello presentato ora). Mi è stata data la consegna del silenzio, consegna che ho mantenuto.

Per quanto riguarda i risultati, certamente interessanti sull'attivazione e la sopravvivenza dei macrofagi, ci sono riferimenti a recettori "che riconoscono i virus legati e non legati alle IgG". Questo ritengo sia lo scotto da pagare per poter presentare "qualcosa" ad una conferenza sull'AIDS con Yamamoto. Una affermazione che però mal si concilia con la professione di "dissidente" del Prof. Ruggiero.

Quello che interessa è l'esistenza dell'attività del GcMAF a livello cellulare e la riproducibilità di quegli esperimenti. Da questo però non si può dedurre che anche il resto del lavoro di Yam sia riproducibile, sarebbe un grosso errore logico. Attività stimolanti le cellule non sono buone di per sé. Sono fenomeni molto complessi, le interazioni nell'organismo sono complesse.

Per inciso, solo recentemente sono riuscito ad interessare della questione anche il gruppo di Perth. Vedremo cosa dicono.

Nel frattempo si era accesa l'iniziativa di Noakes e la Christel e di cui ho già riferito e che qui riassumo:

[Contattati, mi hanno gentilmente inviato un campione. E' stato testato da un laboratorio che ha riscontrato un'efficacia del tutto sovrapponibile a quella del preparato originale. Ho assunto una quota su me stesso, ed ho riscontrato assenza di effetti collaterali rilevanti ed un modesto calo di CD4 (a cinque giorni di distanza). Alcuni avrebbero provato direttamente il preparato. Successivamente, il dover constatare che non avevo la possibilità di controllo sui dati clinici dei pazienti che si erano autotrattati seguendo le indicazioni di Noakes ed i suoi, la mancanza di collaborazione con il Prof Ruggiero (momentaneamente suppongo) ed il suo conforto laboratoristico, dati frammentari contrastanti su esami e clinica dei pazienti, perplessità mai sopite sul razionale della cura, mi hanno indotto a prendere le distanze. Dovevano esserci risultati miracolosi? Questi risultati non ci sono per ora? I dati sono incontrollabili? Meglio aspettare, per quel che mi riguarda. Non potevo fare altro: ho sospeso il giudizio che non potevo dare.]

Nel frattempo mi è stata presa in considerazione una proposta di studio che avevo a suo tempo inviato ad un'altra università. Spero possa realizzarsi.

Ricapitolando, le mie perplessità non riguardano tanto il GcMAF di Noakes, (sovrapponibile all'originale anche in potenza), ma il GcMAF tout court. Può darsi che sia utilizzabile in qualche terapia, ma tutto è ancora da essere stabilito. I lavori clinici di Yam non possono essere accettati come veri, tante sono le irregolarità. Le testimonianze sono in corso e le cure sono guidate dagli esperti di Noakes e della Christel. Rosenberg (oncologo americano pronto ad utilizzare terapie innovative) - ricordate? - aveva fatto un commento negativo sull'effetto terapeutico.

Comunque, a parte la mia opinione personale sopra espressa, che ha un'importanza limitata, confermo che nella clinica tedesca viene utilizzato il GcMAF, di provenienza israeliana, con l'imprimatur del ricercatore nipponico, ad un costo di oltre 1000 a singola dose, con risultati ancora da verificare (su pazienti oncologici). Un mio ulteriore tentativo di abboccamento ha avuto infatti una risposta in questi giorni.

 

Aggiungo ulteriori commenti (20100721):

1) a prescindere dalla validità della soluzione proposta, la collaborazione di Ruggiero con Yamamoto potrebbe veramente essere un fattore di rottura dei soliti schemi - stanchi - attorno a cui ruota la ricerca ufficiale sull'AIDS.

2) Stimolare invece di distruggere sempre di più (vedi "shock and kill"). Un concetto tanto semplice quanto accattivante. Potrebbe veramente essere "la novità" dell'intero Convegno.

3) Sicuramente attrarrà l'attenzione dei media. Vedremo i prossimi giorni se ne faranno una notizia. Dovranno avere però l'OK di chi li manovra, naturalmente.

4) a prescindere dalla validità della soluzione proposta, è giusto che teniamo presente come si sono svolti gli avvenimenti. E' stato questo BLOG che, raccogliendo la notizia da altri, ha impegnato molte energie nella discussione e nell'approfondimento di temi potenzialmente esplosivi che tutti però lasciavano beatamente dormire. Sono stati i lettori che mi hanno stimolato ed incalzato nel cercare delle risposte. E' anche per rispondere a loro che ho scritto decine di lettere, alcune delle quali hanno sortito qualche risultato, una ha portato ad una concatenazione di eventi che si sono concretizzati in questo poster al Congresso di Vienna, e all'imprimatur della Comunità Scientifica. E, mi dicono, ad una prossima pubblicazione su una rivista scientifica (no, non me l'ha detto il Prof Ruggiero, che non ho più sentito!).

In un certo senso gli sforzi collettivi di cui abbiamo accennato sono stati in grado di modificare gli eventi ed indurre ad un interessamento laborioso e fruttifero.

5) L'intervista di Ruggiero mi pare molto astuta. Sa benissimo quali tasti suonare per non farsi rigettare. Ha tirato fuori l'HIV (conditio sine qua non), le dichiarazioni di Montagnier - che può essere piegato a qualsiasi tesi, tante ne ha dette! -, il fatto che i lavori di Yamamoto siano stati ospitati da una prestigiosa rivista scientifica. La utilità per lo scienziato di poter andare in altre direzioni e cercare di contrastare i fenomeni favorenti la immunodeficienza. Egli poi, docente dell'Università di Firenze, non è mai stato perseguitato come dissidente e censurato (questo è un vanto per la Comunità Scientifica che si ritiene aperta e democratica). Detta Comunità ora non potrà smentirsi bloccandolo, non vi pare?

6) Il contraltare al punto 5) è che risalta la stranezza di un esponente di primo piano della Dissidenza che, in questa occasione fa riacquistare nuova importanza al virus che aveva sempre considerato innocuo (riconoscendone, a maggior ragione, l'esistenza.

7) Il punto 5 e 6 hanno scarsa importanza se risultati utili per i sieropositivi venissero realmente ottenuti. Cosa ancora da dimostrare, teniamolo ben presente. Ma che mi pare finalmente perseguita.

8) Non dimentichiamo le informazioni (non) avute ...:

Il dott. HS, presidente di un Comitato Etico, scrive esattamente così: "Noi crediamo che ogni paziente è trattato dai propri medici e non in ospedali riconosciuti".

"Il nostro unico paziente statunitense è stato perso al follow up 9 anni fa"

"Medici dell'Asia Sudorientale e Paesi africani hanno fatto richiesta di fornitura di GcMAF per il trattamento di pazienti sieropositivi ed i pazienti vivono in varie località di quelle nazioni".

 

Commenti giornalistici all'intervento del Prof. Marco Ruggiero (20100722):

http://aidsnews.blogspot.com/2010/07/vienna-new-video-re-gcmaf-poster-on.html

July 17, 2010

Controversial Poster Thursday at Vienna Conference: Call for Information on GcMAF

by John S. James

We will not be at the big Vienna conference starting tomorrow (International AIDS Conference, July 18-23), and would like to hear from anyone with a scientific background who can visit the poster below, on Thursday, and the presenter.

A separate paper published last year by N. Yamamoto and others (see the abstract and link to full text at
http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19031451) claims to have cured 15 patients in Japan. "In the present study GcMAF therapy was given to nonanemic HIV-infected patients and found to be highly curative."

About 130 peer-reviewed papers related to this work can be found at h
ttp://www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entrez?db=pubmed&cmd=link&linkname=pubmed_pubmed&uid=19031451. The proposed mechanism seems plausible -- that HIV produces a substance that shuts down immune responses in monocytes and macrophages, helping HIV infection to continue. The treatment appears to restore the response.

The research is controversial because it claims to have cured HIV infection, and also prostate cancer. The connection is not outlandish, however; for example, U.S.-government funded research at Yale is looking at a possible immune-based potential treatment for the same two illnesses (
http://opa.yale.edu/news/article.aspx?id=7061).

Also controversial, the poster presenter at the International AIDS Conference, M. Ruggiero, is an accomplished molecular biologist -- but also a leading HIV denialist (Google: "Marco Ruggiero" HIV -- or see his 14-minute lecture uploaded January, 2010, to
http://www.youtube.com/watch?v=-Sh03lqTsJw -- or see the abstracts of the denialist conference being held in Vienna on the two days before the International AIDS Conference there, http://www.science-and-aids.org/e/abstracts.html). However, Dr. Yamamoto is clearly not a denialist -- and apparently has not published with Dr. Ruggiero before the Vienna conference starting Sunday.

There are lots of mysteries here. For example, how has Dr. Yamamoto been publishing this HIV work extensively for at least 15 years in peer-reviewed journals, recently reporting excellent results, with almost no attention from most other HIV researchers?

We are concerned because we have heard that funders of research are not seeing new ideas for curing HIV being proposed. But there are lots of ideas, some credible, and no way to know in advance which ones will work out. Many human groups close themselves off and become increasingly narrow in focus, until they are irrelevant. In that case, new ideas cannot come forward. It would be tragic is this is happening in AIDS.

Here is the reference to the poster on Thursday:

THPE00 51 Gc protein-derived macrophage activating factor (GcMAF) stimulates activation and proliferation of human circulating monocytes
M. Ruggiero (Italy), S. Pacini (Italy), N. Yamamoto (United States)
Program of the XVIII International AIDS Conference, July 18-23, 2010, Vienna, Austria, page 306; Thursday July 22.

 

July 21, 2010

Tomorrow in Vienna: New video online re GcMAF poster on Thursday

by John S. James

As we noted here recently, a new approach to treatment and possible cure of HIV has been caught up in unrelated controversy.

Dr. M. Ruggiero, who is presenting a scientific poster on Thursday at the Vienna conference, was interviewed this week (2010-07-19) in English on Russian TV. See it at
http://www.youtube.com/watch?v=n4eMkdYhaZE. Some of his opinions about AIDS are controversial.

But the Thursday presentation is on the work of Dr. N. Yamamoto and others, who are not part of the controversy. The poster is # THPE0051, titled "Gc protein-derived macrophage activating factor (GcMAF) stimulates activation and proliferation of human circulating monocytes" (page 306 of the conference program book); it lists both researchers among the three authors. Dr. Yamamoto has been working on this project for about 15 years, and has reported that the treatment has eradicated HIV in a small clinical trial in Japan (see
Immunotherapy of HIV-Infected Patients With Gc Protein-Derived Macrophage Activating Factor (GcMAF) (Journal of Medical Virology, January 2009).

Dr. Yamamoto and his team have been publishing on this project for about 15 years. Dr. Ruggiero has not published on GcMAF until this week, to our knowledge. But he is better known, and hopefully will bring this work to wider attention.

The presentation tomorrow in Vienna is an excellent opportunity for interested scientists to learn more about this research.

History shows that most proposed treatments fail. But sometimes, important advances can come from unexpected directions. These can be lost, because conventional wisdom reflexively says "No." It would be tragic if that happens in HIV.

 

   Risposte ai lettori del BLOG (20100730)

E' pure naturale pensare che i miei ultimi commenti siano velenosi, avendone tutti i motivi.

Non è tuttavia una questione prettamente personale. Se vogliamo, i miei commenti sono critici a prescindere.

Operiamo dei distinguo allora.

•1)    Dichiarazioni del Prof Ruggiero all'intervista. E' stato molto abile politicamente. Doveva rompere l'isolamento (dato dalla sua posizione di dissidente) per promuovere quegli studi ed attirare l'attenzione dei media e del mondo scientifico. Obiettivo raggiunto. Per ottenere questo ha dovuto fare delle sfumate concessioni. Le concessioni sono costituite da dichiarazioni analoghe a quelle di Montagnier, che sono state da me commentate in varie occasioni. Dichiarazioni in cui si può trovare letteralmente di tutto. In breve, prende in considerazione che vi siano altre cause della immunodeficienza oltre all'HIV ("... puts some questions on the accepted dogma that HIV is the sole cause of AIDS"), il che significa ammettere che una delle cause dell'AIDS sia l'HIV. Questo significa anche - ed a maggior ragione - ammettere l'esistenza del virus. Sbaglio? Ecco: io non avrei potuto dire una cosa simile senza smentirmi su tutta la linea. Sbaglio? Non avrei remore a farlo, se lo ritenessi vero. Tra le cose dette c'è anche l'accettazione convinta del racconto di Yam a proposito dei suoi pazienti sieropositivi, su cui aleggia ancora qualche dubbio da parte mia. Capisco che non poteva dire all'intervistatore che era tutto ancora da dimostrare, che quei pazienti sono ancora dei fantasmi, sarebbe stato come spararsi sui piedi. 

•2)   Da quanto sopra seguono altre considerazioni: ben vengano studi adeguati sul prodotto. Quello che importa è capire se il fenomeno rilevato a livello cellulare è traslabile a quello clinico ed in quale contesto. Poiché sono escluso da qualsiasi controllo sugli attuali eventi, poiché i primi risultati sono contrastanti e poco convincenti, ho semplicemente avvisato che IO non potevo dare indicazioni od un giudizio ben motivato, e che bisognava essere molto prudenti. Ho fatto qualche passo indietro insomma. Anche se so che conta poco quel che penso, mi sono sentito in dovere di dirlo.  Di fronte a risultati discutibili, al rischio di possibile peggioramento e ad un po' di confusione, sarebbe meglio -sempre secondo me - effettuare altri studi prima.

•3)   Dissidente patentato: ho spiegato che non è un'offesa né nel significato letterale, né nel contesto e neppure nelle mie intenzioni. Tanto difficile? Che sia un dissidente certificato (suona meglio?), è dimostrato anche dall'essere stata ritirata una sua pubblicazione dalla rivista Medical Hypothesis l'anno scorso. Fatto di cui - giustamente - si vanta.

•4)   Per la clinica in Germania: non ho di certo tenuto nascosto l'indirizzo intenzionalmente. Ho scritto loro e non avevo ottenuto risposta. Da poco la risposta c'è stata e spero di averne ancora. Per inciso, quanto ho saputo conferma quel che dicevo io stesso già prima e mi conforta nella decisione di stare in attesa. Prodotto Yam originale o copia.

•5  Per il fatto personale, questo è importante solo per me. Comunque, è così: io ho potuto leggere velocemente una volta sul computer e non ho avuto una copia del testo per me. Asseritamente per la paura che mi fosse rubato. I motivi di questo atteggiamento nei miei confronti non l'ho ancora saputo. Inizialmente vi erano pericoli di sicurezza e di blocco degli studi. Adesso che i pericoli non ci sono più, nessuno si è preoccupato di farmeli conoscere, neanche dopo il Congresso di Vienna. Neanche una parola.