Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: Fabio Franchi
Location:

Ultimi Commenti

Archivio

Link

Per saperne di più: http://www.dissensomedico.it email: info@dissensomedico.it

Orologio

Calendario

Conta visite

1 .   

Scissione inconciliabile tra i Dissidenti

postato da FFranchi [26/09/2010 09:32]

A questo indirizzo si ritrova il mio commento alla scissione che si è verificata nel Gruppo per la Rivalutazione Scientifica della Teoria Infettiva dell'AIDS.

Intervento di risposta ad Anonimo (24/09/10):

E' vero quel che Lei dice: le due posizioni (Duesberghiane e Perthiane) sono da tempo inconciliabili. Quello che deve succedere in un contesto scientifico è un confronto tra le due, una sfida a colpi di argomenti logici. Non può esserci il pareggio. Non si sarebbe dovuta mantenere una coesistenza di due tesi così differenti. La soluzione doveva comportare il riconoscimento della teoria vincente. Avrebbero anche potuto - nel ventaglio delle possibilità - risultare perdenti tutte e due e prevalere un'altra ancora, migliore.


De Harven invece che fa? Utilizza il grande lavoro della Eleopulos, facendolo suo in parte. In sovrappiù la accusa di  avere rubato l'idea centrale - il mancato isolamento - a Stefan Lanka (che invece ha sempre riconosciuto la primogenitura della greco-australiana!). Dunque De Harven utilizza il grande lavoro della Eleopulos e poi lo annulla in un suo un pastrocchio, che consiste nel sostenere che Montagnier nel 1983 vide e fotografò un "vero" retrovirus, ma che "quello" non era l'HIV, ma era "un altro". Sostiene di aver  isolato, anni addietro, il Firend Leukemia Virus, ma fallisce nel dar dimostrazione della sua esistenza. In effetti dimostra di non aver neppure aver capito bene cosa si intende con  il termine isolamento o retrovirus. Di De Harven parlerò prossimamente nel sito (chi legge l'Inglese può conoscere già tutti i dettagli, come descritti nel documento della Eleopulos).


Per quanto mi riguarda, nulla mi impedisce di essere in disaccordo con persone da cui sono legato da amicizia (è successo frequentemente con De Marchi, che mai se ne è risentito), oppure in accordo con chi mi possa essere francamente antipatico (per esempio il prof. Garattini). Non posso esimermi dal tenere in considerazione anche aspetti etici. Per fare un esempio, posso benissimo rispettare e discutere con chi sostenga una teoria diversa dalla mia. Molto più difficile mi sarebbe farlo con chi ritenessi in mala fede. Purtroppo è evidente a questo punto che mala fede e/o opportunismo alberghino in diversi componenti del Gruppo dei Dissidenti. Per questo è meglio parlare chiaro.


Per quanto concerne gli "antiretrovirali", ho sostenuto nel passato - da unico dissidente - un loro effetto positivo (i dissidenti ne hanno sempre parlato come fossero veleno puro) a prescindere da quello supposto antivirale. Ho ipotizzato che potessero essere usati a dosi inferiori a quelle previste dai protocolli, in determinate situazioni e per periodi limitati di tempo, con minori effetti collaterali. Ora vi sono diverse segnalazioni che supportano tali ipotesi. Ultimamente, ma non 10 anni fa, alcuni dissidenti accettano a denti stretti con quanto sopra.

Yamamoto è stato un discorso a parte. Le risposte alle verifiche che io cercavo sono state: 1) molto criticabili sul piano della spiegazione scientifica, 2) negative per quanto riguarda il ritrovamento dei pazienti trattati e miracolati (Y. ha fornito delle risposte ridicole non a Franchi, ma ai direttori delle riviste), 3) molto incerte (sicuramente non entusiasmanti) sui pazienti auto od etero trattati - vedi iniziative Inghilterra, Israele, Germania -, 4) entusiasmanti su cellule e sistemi molto semplici, 5) positive, con riserva, su topi, 6) negative su studi paralleli effettuati da gruppi indipendenti (riguardo i livelli della nagalasi in varie patologie). Sette: positive sul riscontro di irregolarità negli studi di Yam. Gli saranno ovviamente scusate nel caso vi sia qualcosa di utile nella cura dell'uomo con il GcMAF.
Previsioni? Non ne fo'. Conto però di poter rispondere ad alcuni quesiti che mi sono posto entro 6 mesi.