insalata autoprodotta

postato da Annalisa [05/06/2010 15:25]
foto

Oggi inauguro un nuovo filone di approfondimento: l'orto casalingo.

Erano anni che non riuscivo piu' a coltivarmi una bella insalatina e in effetti poche volte ce l'ho fatta anche quando non avevo le appendici di ora. Prima c'erano i cinghiali, poi il cane, poi il lavoro, poi la siccità, poi il diavolo che non se li portava tutti, finalmente, grazie alla cooperazione più o meno entusiasta della bimba grande, sono riuscita a mettere insieme qualcosa di presentabile.

Si', in effetti non si vede gran ché, a parte la recinzione che lo salva dal cagnaccio Lola.

Proviamo più da vicino...

Lato destro: tre piante di zucchine, insalata sparsa e fiori qua e là (tageti e non mi ricordo come si chiamano, comunque adorati dalle lumache che cosi' mi lasciano in pace l'insalata), cipolle tutto intorno (quelle sopravvissute al dolce calpestio delle marmocchie e del marito);

 

 e lato sinistro: insalata, camomilla, tagete, borraggine, una pianta di zucchine, una di pomodori ciliegini, altre cipolle all around, ci furono anche due piante di cetrioli ma sono marcite per la troppa pioggia... ritenterò.

al confine orientale ci sono anche tre piante di zucca di tre razze diverse, da credere sulla fiducia, fotografero' i frutti se sopravviveranno alla furia devastatrice del marito. 

E' piuttosto incasinato, ma mi piace un sacco cosi' .

Ed ecco il frutto di cotanto impegno (almeno quella che sono in grado di mangiarmi oggi che sono a pranzo sola soletta).

 

 Colta e mangiata, che goduria! Mi rende allegro anche il primo giorno di mestruazioni!