Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name:
Location:
Italia

Archivio

Ultimi Commenti

Orologio

Calendario

Conta visite

Commissione Infanzia e Mercato minorile

postato da blog.freemarcel.org [10/06/2014 15:32]
foto

Commissione Parlamentare Infanzia

Indagine conoscitiva sulla Giustizia Minorile 13 Novembre 2012

 

Questa nota consiste in una sorta di verbalizzazione delle dichiarazioni della Giudice Cavallo, Presidente del tribunale dei Minori di Roma, sulla Indagine in Commissione Infanzia.

Ci scusiamo per il ritardo nella pubblicazione causata da grande difficoltà nella interpretazione dei concetti per motivi che si potranno certamente comprendere leggendo per intero la nota e le dichiarazioni.

All'interno delle parentesi potrete leggere le osservazioni.

Anche se inizialmente potranno sembrarvi erronee, le trascrizioni tra "virgolette" sono letterali così come enunciate.

Se avevate qualche speranza nella Commissione, cominceranno a sorgervi dei dubbi..

Ci riserviamo di pubblicare in seguito trascrizione integrale della Indagine.

 

Estratto dichiarazioni Giudice Cavallo

 

I) AUDIZIONE

"Unico Giudice che ha trascorso la sua vita lavorando nella materia Minorile".

"Una vita spesa in questo campo".

-Picco adozioni nel periodo della sua permanenza a Napoli.

"I Genitori devono essere aiutati ma con un limite".

"Valutazione demandata ad un organo esterno con competenze psicologiche o psichiatriche; il Tribunale ha una ricca documentazione in atti sotto tutti i profili, soprattutto attraverso l'ascolto del Bambino".

-Ritiene che anche il Bambino di età minore possa possa essere ascoltato.

-Molto spesso i Bambini presentano situazioni degradate soprattutto sotto il profilo morale.

-Sotto il profilo economico le cose si possono tranquillamente risolvere.

-Segnala che "in questa regione" (Lazio) "ma anche in altre probabilmente" (quindi non conosce i dati?) "si eroga molto, molto denaro per il collocamento dei Bambini in casa-famiglia" (che molto spesso non sono case-famiglia ma vecchie strutture di accoglienza che non rispondono ai requisiti richiesti per le case-famiglia nei quali i Bambini pare vengano trattenuti in stato di detenzione) "mentre si potrebbe organizzare forse (perché forse? Non era "facilmente risolvibile appena un attimo prima?) qualcosa che.. qualcosa che impedisca il collocamento in casa-famiglia e giovi al nucleo (dunque conferma di essere perfettamente consapevole che il collocamento non giova affatto al nucleo).

-A questo punto fa un esempio con un Bambino di rifugiati di 12/13 anni ma invece che del Bambino parla dei Genitori.

-Ritiene che ci siano dei Bambini che si trovano in strutture che potrebbero anche non starci (ma allora che ci fanno lì?) ma che si tratti di una fetta molto ridotta (e su cosa si basa questa sua convinzione?).

-Parla di degrado morale: fa esempio di una Bambina di 10/11 anni che si lamenta della mamma che porta a letto uomini sempre diversi lasciandola fuori al freddo precisando che ritiene inutile lasciarla in famiglia e che magari è meglio non tenerla in famiglia fino ai 18 anni (si comincia ad avere la sensazione di affermazioni deliranti.. premesso che non  pare nessuno abbia mai negato le necessità di interventi in situazioni simili, sempre se verificate ed accertate concretamente, perché sarebbe meglio non tenerla in famiglia fino ai 18 anni? E dopo i 18 anni? Che fine fa questa Minore e quale giovamento ha ricevuto?)

-Parla di permanenza di Bambini per 8/10 anni in struttura e di portare all'aumento degli affidamenti intra/etero familiari (può essere condivisibile, ma in questo contesto non ha l'aria di una precisa volontà di aumento delle adozioni anche nel Lazio? Chi li obbliga a trattenerli così tanto? Perché si esclude a priori la possibilità di rientro in famiglia?)

"Quando avviene (l'allontanamento) è per casi particolari di abbandono pregresso (?) con modalità pensate dal legislatore per tutt'altri casi" (rischio giuridico).

-Dice di essere Presidente della Associazione Gemme.

-Parla di Mediazione Familiare: "insegnante che partecipi i Minori alla mediazione" (sembra di sentire sempre più nell'aria la volontà di ricercare nuovi minori da allontanare e rinchiudere); accenna al Bullismo (ricorderà la maestra condannata penalmente per avere inferto una punizione ad un "bullo"? )

Ricorda un altro caso di un Bambino che ha accompagnato la mamma al tribunale per farla aiutare (..saranno ancora insieme Mamma e Bambino? ..speriamo che non abbia dovuto pentirsi per sempre di averlo fatto senza che nessuno, come solita prassi, abbia mai più chiesto il suo parere e la sua opinione rimanendo nella personale autoprodotta e mai verificata convinzione di averlo aiutato)

"In Tribunale arrivano conflitti irrimediabili!" (I conflitti genitoriali non devono essere risolti nei Tribunali)

"I conflitti devono essere immeditamente segnalati e presi in carico.." (perché? Che inerenza hanno tutti i conflitti tra i Genitori con il Tribunale dei Minori? ..sembra sentirsi sempre più l'aria di una precisa volontà di volere aumentare il numero dei minori da allontanare)

-Parla ora (come pessima abitudine di molti Giudici, vedasi ad esempio il recente Convegno di Genova - relazione: http://www.freemarcel.org/doc/Relazione_Convegno_Anci_Genova.pdf) di famiglie di immigrati (che secondo dati Istat rappresentano solo il 10% del totale delle famiglie seguite e dunque i Minori saranno ancora meno, eppure sembrano essere di importanza fondamentale per dimostrare il degrado).

"L'allontanamento è un fatto eccezionale se fatto senza il consenso dei Genitori!" (quale è la fonte di questa convinzione? Quanto incide? Quali sono i dati? E dove sono?); "il Tribunale cerca di acquisire il consenso ma ci sono molti casi in cui il genitore non accetta, non comprende.." (ma non ha appena affermato di casi eccezionali? E cosa vorrebbe dire che il Tribunale "cerca di acquisire il consenso"? che cerca di convincere una famiglia che il proprio Bambino è abbandonato? ed a dichiararlo come una propria convinzione?) "..non si rende conto dei suoi limiti" (ed in quel caso non andrebbe aiutato?), "che i suoi comportamenti sono maltrattanti, evitanti, che non collabora, che quindi il Bambino va allontanato!" (a me sembra agghiacciante e che, in pratica, così proposto il motivo dell'allontanamento non sia il comportamento del Genitore, ma piuttosto il disaccordo con il Tribunale, che per punizione contro il Genitore ed applicando la propria superiorità, si appropria del Minore comportandosi alla stessa stregua di un Genitore conflittuale tanto denigrato).

"Se c'è un ambiente familiare, tranquillamente si fa l'affidamento alla rete familiare" (i familiari spesso non vengono assolutamente neanche almeno sentiti, e ne viene evitato il coinvolgimento, che in alcuni casi viene escluso a priori; chi riesce ad ottenere un affidamento intrafamiliare ha solitamente seguito un complicato percorso di ricorsi giuridici contro i provvedimenti del Tribunale e quindi non si tratta di iniziative autonome del Tribunale; in assenza di ricorsi il Bambino va in strutture e successivamente inserito in un affidamento extrafamiliare che può terminare con una adozione a rischio giuridico in famiglie che non hanno i requisiti per la adottabilità, e non avrebbero mai potuto ottenere un Bambino in adozione seguendo il normale percorso previsto; si veda ad esempio il caso di  Marcel http://www.freemarcel.org/marcel_2.html nel quale tutto il nucleo familiare è stato misteriosamente giudicato inadeguato senza mai averne consultato nessuno dei suoi componenti) "se no, affido eterofamiliare che si fa eccezionalmente in mancanza di familiari affidatari" (ancora una convinzione priva di alcuna fonte né dato; ad ogni modo i casi oggetto di contenzioso per i quali si è resa necessaria l'interpellanza sono proprio questi e dunque è su questi che dovrebbe concentrarsi il dibattimento e non certo su casi che non sono oggetto della interpellanza).

"Abbiamo fatto un affidamento che sta dando buoni frutti!" (UNO???? 38.000 Bambini allontanati ed hanno fatto UN affido che sta dando buoni frutti? Che inerenza ha questo UNICO caso con i MOLTEPLICI CASI per i quali si è resa necessaria l'interpellanza?)

-Spiega che si tratta di un Bambino allontanato da Genitori tossici a seguito di un incidente stradale, "è con una famiglia SPECIALE!" (???) "vede i nonni ma dopo 2 anni non ha visto la madre perché spingono verso un percorso di disintossicazione (in base a quale principio l'impedire i contatti del Bambino con la sua Mamma dovrebbe facilitare questo percorso? E quale beneficio dovrebbe avere il Bambino dal non vedere la sua Mamma intanto che viene "spinta" verso il suo percorso? Che percorso sta seguendo il Bambino nel frattempo?) "quindi gli affidi si fanno, anche quelli difficili, ma si contano sulla punta delle dita!" (parole testuali riportate senza modifiche..  in particolare, chi è che ha espresso che il problema è che gli affidi non si fanno? Il problema presentato è che vengono allontanati Bambini con eccessiva leggerezza)

"Se non c'è affido intrafamiliare va in casa-famiglia e dovrebbe mantenere il rapporto con i suoi Genitori e parenti, però ci sono dei casi e ce ne saranno sempre in cui il rischio che il Bambino resti nella famiglia è tale che può pregiudicare il suo futuro sviluppo.." (L'allontanamento coatto no?) "..e questo è documentato da 2 fascicoli alti così!.." (si sa già anche da cosa sono documentate le motivazioni e quanto sono alti i fascicoli.. i casi del genere sono allora tutti uguali!!!) "..allora se non si interviene si rischia che questo Bambino non sia un adolescente nella norma (...) già non lo è ma non lo sarà sicuramente!" (parebbe si intuisca un presente già deciso e di prevedere il futuro!!! Wanna Marchi è stata arrestata per molto meno!!!)

"La questura ha un Ufficio Minori con agenti con competenze psicologiche i quali fanno l'intervento in abiti civili, i quali, sono, sono in grado, sono in grado, dovrebbero essere, sono, in grado di allontanare un Bambino con la forza in modo meno traumatico possibile." (trascrizione letterale così come il concetto è stato espresso.. la titubanza è perdonabile, d'altronde le capacità, le competenze e lo psicologico tatto di questi stimati professionisti abbiamo potuto vederle e sentirle tutti nelle fasi dell'allontanamento di Cittadella http://www.youtube.com/watch?v=l_1_Jvq7yug).

-Dice di essere contraria agli allontanamenti a scuola "ma l'allontanamento deve essere fatto!" (gli affari sono affari?) "Se 4 persone di collegio più il procuratore fanno dichiarazioni univoche sul rischio che il Bambino ha a restare, deve essere fatto." (D'altronde cosa importa se manca il contradittorio, nessuno considera né minimamente ascolta il parere Bambino né lo informa come suo diritto inviolabile, e le dichiarazioni si basano su quelle di univoche di un perito e della sua relazione psicologica?)

"Perché si fa a scuola? Perché avverrà la reazione violenta del Genitore ed il Bambino lo ricorderebbe per sempre!" (non era contraria? Pare continuare l'opera di chiaroveggenza.. se il Bambino è in stato di abbandono morale e materiale perché il Genitore dovrebbe avere una reazione così violenta? La presunzione che il Bambino possa non ricordare per sempre di essere stato rapito alla propria famiglia potrebbe anche sembrare la rappresentazione di un discreto stato di delirio) "I Bambini a scuola potrebbero pensare ‘la prossima volta può capitare a me!'" (certo, i Bambini sono molto intelligenti ed intuitivi! Infatti è proprio così! Nasconderlo serve solo ad occultare la realtà e purtroppo, la difficoltà grave è spiegarlo ai Genitori)

"Il Bambino allontanato a forza da persone preparate quali sono quelle che operano nella questura non avrà trauma e l'accaduto non rimarrà nella sua memoria." (apparentemente sembrerebbe che stiamo rasentando la follia.. se ne sono così certi certi perché non lo chiedono al Bambino? Magari da adulto e mettendolo in condizioni di dire quello che pensa e reagire senza conseguenze?)

"I Bambini hanno un loro Tutore ed un loro Curatore, non sono soli, hanno qualcuno che li rappresenta.." (Sarebbe più opportuno dire che il Tutore ed il Curatore hanno il Bambino, che possono disporne a loro piacimento e che i Bambini avrebbero qualcuno che li rappresenta a condizione che questo qualcuno si preoccupasse di consultarli; cosa che non risulta avvenga mai! Secondo questo principio il Bambino non era solo neanche prima) "..il Bambino ha al suo fianco una persona da lui conosciuta nella quale nutre stima e fiducia.." (e chi lo dice? ..il razionale sembra essere ormai solo un ricordo) "..e quando vede questa persona vicino già si rassicura!.." (per avere chiaro il pensiero dei Bambini basta leggere le poche dichiarazioni di chi ha potuto farle.. personalmente questa dichiarazione mi può apparire talmente falsa da farmi penosamente provare profonda vergona per le Istituzioni del mio Paese) "..I Bambini non sono sofferenti, si spiega che la situazione dipende dagli adulti.." (parrebbe un modo molto sottile per dire che la colpa di tutto viene attribuita al Genitore, creando l'idea di un Genitore cattivo e spingendo il bambino ad odiarlo)

-Entriamo ora a citare Strasburgo: articoli 7 e 8 "il Giudice e l'Autorità deve decidere senza ritardo, l'esecuzione è un elemento; dice che il Giudice può assumere provvedimenti d'ufficio anche senza contradittorio." (che non vuol dire avallare bestialità folli ed irragionevoli il più rapidamente possibile e non obbliga ad impedire la difesa al Genitore e soprattutto al Bambino, ma ne dà casomai la facoltà in occasioni seriamente gravi ed accertate concretamente; la teoria di un perito non è un accertamento né serio né univocamente obiettivo) "Quello che garantisce il giusto processo è che chi emette un parere non è il giudicante  e questo è introdotto dal 2001 (Pm chiede, Giudice decide.. se chiedo a qualcuno di uccidere è giusto omicidio? Ed i decreti provvisori inappellabili come li consideriamo? Diversamente garantisti?)

"Se corre pericolo il provvedimento va preso!" (e chi ha mai detto il contrario? Ma presumere che forse potrebbe darsi che possa correrlo è un po' diverso!)

"Dal di fuori non si conoscono situazioni tragiche che vivono Bambini anche piccolissimi.." (se ci fossero procedimenti trasparenti sarebbe effettivamente più facile capire le situazioni tragiche che vivono i Bambini quando vengono allontanati) "..se lasciati diventano ragazzi difficili!" (pare la certezza della chiaroveggenza)

-Presentato un libro richiesto anche dal Garante della regione Lazio dal titolo ‘Le mille facce dell'ascolto!' (si ma.. dell'ascolto di chi? perché perdere l'occasione di pubblicizzare le teorie che portano a bypassare le normali prescrizioni sulle adozioni?)

"Quando il Giudice interviene non bisogna dargli addosso, bisogna vedere i provvedimenti!.." "..io non lo posso dare perché c'è il divieto.." (???) "..ma alla parte che si lamenta basta chiedere il provvedimento e forse si vedrebbe che la situazione non è forse così come viene rappresentata dalla persona che si rivolge al prete, all'amico, al politico.." (dal decreto di Marcel: 'la mamma forse non è così ignara.. ..essendoci i sospetti di uno stato di abbandono..'! Sembra abbastanza semplice esprimere simili considerazioni ben sapendo che i decreti non li guarda nessuno e che i casi e le proteste vengono oscurate  con scuse varie o semplicemente ignorate, senza rispetto per niente e per nessuno, con la piena consapevolezza che chi si rivolge al prete giusto, all'amico giusto, al politico giusto, e probabilmente soprattutto ha tanti fondi da spendere con il Giudice giusto, può ottenere qualsiasi cosa.. anche un neonato se è il caso)

 "A volte i Bambini sono in condizioni critiche, balbettano, fanno la pipì addosso, tremano.." questo detto dei servizi, perché loro non li sentono, "..ma sono Bambini dei quali si documentano comportamenti emblematici della sofferenza in famiglia" (nessuno dubita della sofferenza che prova un Bambino allontanato una volta allontanato, non potrebbe essere altrimenti; ma prima? Con cosa vengono documentati questi comportamenti?)

-Invita i politici a chiedere il decreto.. (a disposizione di chiunque!) "Anche con allontanamenti coatti si cerca di mantenere il luogo neutro con i Genitori se pensiamo che il rapporto possa essere salvato" (altrimenti no.. tutto dipende da quello che pensano!)

-Ribadisce articolo 7 "il Giudice deve agire con rapidità, questo non viene fatto.." (nell'allontanamento coatto pare di sì, è un provvedimento realizzato con le caratteristiche di un blitz militare prima ancora di qualsiasi accertamento concreto!) "..ed è per questo che le situazioni incancreniscono, se si avesse maggiore decisionalità, maggiore assunzione di responsabilità, è solo che tutti questi attacchi incidono sulla capacità decisionale; in una situazione di attacco non è facile agire con serenità." (se si occupassero solo di Bambini realmente abbandonati, forse non succederebbe!) "Un Giudice più giovane può subire questi attacchi.." (poverini.. figuriamoci allora un Genitore ed un Bambino cosa subiscono!)

 

II) RISPOSTE AI QUESITI

"Le case-famiglia sono come le persone che le gestiscono, ci sono case-famiglia buone e cattive." (Come i Genitori, sono però che le prime che lucrano sugli allontanamenti mentre i secondi no)

"I casi sono eccezionali" (Dipende dai punti di vista, ma allora visto che vengono considerati tali non si capisce la difficoltà di affrontarli tutti singolarmente e dettagliatamente con attenzione invece di insistere nel soffermarsi su caratteristiche che non hanno alcuna attinenza con gli appelli dei Genitori)

-Controllo: "prima i Giudici tutelari, poi Procura della Repubblica presso il TDM.. le procure si muovono, molte delegano alla P.G.", lei sa che i collegi della procura vanno con la P.G. e quindi il controllo c'è!" (teoria dell'Onnipotenza Giudiziaria)

"Quando qualcuno denuncia casi così clamorosi è dovere della Famiglia ed anche dei parlamentari denunciare i responsabili" (parrebbe dunque non delle Istituzioni interessarsi, visti anche i conflitti di potere: la famiglia si trova in condizioni di inferiorità e ricatto, di vittima, e nessuno le dà ascolto perché i casi vengono negati o definiti eccezionali od isolati come si può avere conferma proprio dai commenti riportati; in più c'è la minaccia Privacy ma anche di denunce varie con condanne anche pesantissime; in generale, chi ha denunciato può vedersi realizzare la minaccia di non vedere i propri Bambini)

"Perché nascono tante strutture, perché si va in struttura: si era discusso nella 149 che prima dei 6 anni il Bambino non dovesse entrare in struttura ma andare in affido e non è stato fatto. Perché ci sono ragazzi che vanno in struttura per 7/8 anni su un media di 5! (prima aveva parlato di 10!) Non è possibile.. perché sa, l'affidamento non può superare i 2 anni! Perché non dire che la sistemazione in struttura non possa superare i 2 anni? Questo può accadere, si può rivalutare la norma." (sembra che ci si cominci a scatenare.. forse mai un "divorzio breve", ma una adozione impropria più velocemente possibile si può!)

"Le famiglie ci sono, bisogna stanarle, bisogna farle aderire al principio di solidarietà, bisogna incentivare l'affido!" (è perché non il rientro in famiglia? Non parliamo di orfani.. sembrerebbe quasi come se le procedure venissero sostenute da una entità soprannaturale non rispondente alla volontà degli operatori.. i casi gravi, presunti, sono il 10% del totale; perché allora, almeno negli altri casi non si considera mai neanche minimamente nemmeno l'ipotesi, di lasciarli a casa o di rientro in famiglia?)

"Per le donne ci sono Associazioni che assistono donne con i loro figli: ad esempio nel Tribunale c'è Differenza Donna.." (e tutte le altre donne? nelle altre Province? E soprattutto cosa succede dopo che queste Associazioni le prendono in carico?) "..quale famiglia non fa un affido per 30 euro al giorno?" (agghiacciante.. così posta pare come un incentivo pubblicitario, un piccolo rimborso e piazzare il prodotto diventa subito più semplice! ben inteso che i contributi per le famiglie affidatarie risulterebbero essere attualmente stimati in circa la metà, e che alle famiglie in difficoltà coinvolte non viene elargito nulla! in più sono anche sottoposte alle spese impreviste, incontrollabili e spesso occulte della procedura! ancora un volta in perfetto stile tribunalesco, potrebbe sembrare una solita richiesta di aumentare i fondi per l'indotto dell'allontanamento, ignorando chissà perchè gli aiuti alle famiglie e continuando così a perpetrare ancora di più lungo la strada di un utilizzo dei fondi articolato secondo una illogica aritmetica inversa, secondo la quale si spende sempre di più per aiutare un numero di soggetti sempre inferiore)

"Se nella scuola ci fosse una psicologa.. ..verrebbero fuori le situazioni dai Bambini" (massì, perché no? ..aumentiamo l'indotto in partenza, una psicologa come procacciatrice di affari! ..e perché non cercare magari anche di indottrinarli un pò questi Bambini? Si continua a parlare vagamente senza soggetti, ma di quali situazioni si parla che dovrebbero venire fuori? Si lascia implicitamente intendere di abusi che interessano però sempre una percentuale del 10% del totale, sul restante 90% dei Bambini allontanati si continua ad eludere, non è rilevante? Non importa nulla?)

"A Napoli venivano fuori, una Bambina ha chiesto.." (A Napoli? Dunque anni ed anni fa? UNA Bambina? 38.000 minori allontanati e si insiste a parlare sempre e solo di UNA Bambina quà o là senza tra l'altro alcun riscontro possibile?)

"A scuola si deve vedere!" (si deve vedere per forza qualcosa? Che è stato già deciso che c'è? E perché invece di quello che succede nei Tribunali e nelle strutture non si deve vedere niente? Non sarebbe meglio allora cominciare da questi ultimi prima di rischiare di rinchiudere Bambini, che secondo le teorie della Giudice dovrebbero essere già problematici, dentro cavilli e strutture che potrebbero essere inadeguate e sulle quali viene rifiutato ogni controllo?)

"Ci vuole una persona che aiuti l'insegnante a dire, perché le insegnanti hanno paura di dire, perché le dirigenti impediscono di segnalare perché non vogliono seccature, però magari i Bambini, chiaro?" (NO! Anzi, direi che non si capisce niente.. tranne che si tratta di una accusa gravissima, perchè non si denuncia come viene detto di fare agli altri?)

"La scuola vede tutto! le ragazze abusate che sono state abusate a 16 anni, sono state abusate da una vita, possibile che la scuola non ha visto?" (tutto pare basarsi sulle doti di chiaroveggenza di una persona che sembra credere di possedere il dono di sapere tutto! Si parla ora esplicitamente di abusi, che pur se episodi gravissimi rappresentano sempre e solo il 10% del totale dei casi, e solo considerando i casi presunti e considerati tali!)

"La scuola ha visto ed ha fatto finta di non vedere!" (la chiaroveggenza è una scienza esatta! Tutta la scuola è colpevole e non poteva non sapere! Ne sono certi, tutta la scuola è complice di abusi! ..perchè non si denuncia?)

"La presenza di una psicologa può fare sì che una Bambina si apra!" (può darsi, ma praticamente l'intenzione sarebbe di psicanalizzare tutti i Bambini alla ricerca delle Bambine che dovrebbero per forza avere subito abusi prima dei 16 anni? A quale domanda si sta rispondendo? Quando sono stati posti quesiti in questo senso?)

"E' un risparmio perché non avrai dopo un Bambino abusato!" (Dunque sembra si intenda di potere e volere allontanare i Bambini PRIMA ANCORA che si presenti il problema!!! Portarli via tutti nella certezza della supposizione che DOPO dovrebbe accadere sicuramente qualcosa!!! Conferma dunque così le segnalazioni di quanti denunciano che si provvede nel creare un danno certo al Bambino nella supposizione di un danno presunto! E si insiste a parlare sempre e solo di abusi gravissimi come se tutti i Bambini allontanati fossero vittime accertate di abusi, anche se non è neppure minimamente vero! Chissà se qualcuno ha chiesto cosa ne pensa il Bambino di questo grande risparmio!)

-Continua rispondendo ad altro, fantasticando di dinamiche che immagina.. sembra avere una grande continuata difficoltà nel terminare le frasi..

"Come fare perché le Case Famiglia siano controllate? Deve essere il Procuratore, se a lui arriva una denuncia va, se sente qualcosa va, e tranquillamente chiude!" (dunque tutte le segnalazioni e la palese e sistematica diffusione di strutture che non rispondono ai requisiti le ignoriamo? Praticamente è stata elusa la domanda o si intende che altrimenti non viene fatto alcun controllo e non si intende fare nulla per provvedere PREVENTIVAMENTE? In questo caso, non è necessario intervenire PRIMA degli abusi? Bisogna necessariamente aspettare che avvengano, niente risparmio? E perché?)

"Un tempo davvero avvenivano cose terribili!" (ora non più???)

"Prima avvenivano, adesso Io PENSO che diciamo siano estremamente ridotte ma che ci possano ancora essere." (Lo ha deciso lei!!! Ma è tollerabile che tutto debba fondarsi sul Suo pensiero e sulla Sua immaginazione???)

"Chi le sente dire deve immediatamente denunciare!" (Benissimo, allora visto che le stanno sentendo, perché non provvedono LORO immediatamente a denunciare? Si insiste nella presentazione di denunce ma se non sembrano evidentemente in grado di gestire le esistenti, e parliamo solo di una quota insignificante rispetto al totale dei casi, cosa dà questa sicurezza di poterne gestire un numero più elevato per di più basate addirittura solo sulla presunzione del futuro verificarsi di eventi presunti che dovrebbero accadere? Non pare si voglia a tutti i costi convincere che esistono una infinità di casi di abusi che NON hanno, NON conoscono, NON hanno mai visto né riscontrato, NON si sa se esistono ma vengono ipotizzati ed immaginati? Come vengono considerati in psicologia i soggetti che considerano reali le proprie fantasie?)

"Altrimenti diciamo generalmente che esistono, ma dove sono?" (Diciamo chi? sembrerebbe una propria convinzione ed una propria dannazione e dunque principalmente un problema proprio nel quale NON dovrebbero essere coinvolti altri; non è meglio cercare di accertare ed eventualmente risolvere la causa di eventuale disturbo?)

"Non ho parlato dei servizi sociali perché il discorso non è facile!" dice di credere nel servizio sociale e di credere che sia la sentinella del territorio. (se lavorano correttamente ed onestamente, sicuramente sì!)

"Che in UNA visita domiciliare davvero possa cogliere." (cosa? Continua ad evidenziarsi una grande difficoltà nel concludere le frasi.. in questo caso, anche ad iniziarle)

"La pianta organica è sguarnita, pensionamenti senza sostituzioni, i servizi sociali sono molto diversificati, ci sono comuni dove non ci sono." (ed in una situazione così carente continuano ad insistere nel portare via più Bambini possibile lontano dalla propria famiglia ben sapendo di non essere in condizione di seguirli?)

-Descrive degrado negli uffici di Napoli ma PENSA che ce ne sia anche a Roma..(ACCERTARE qualche volta la correttezza delle proprie dichiarazioni è troppo sforzo? Non si è mai controllato NEANCHE nella propria città? E dei Bambini, a proprio presunto ed immaginario parere teoricamente già gravemente disagiati, DEVONO finire nelle mani, e negli AFFARI di Istituzioni così degradate? Nessuno si è mai reso conto che esistono altre province oltre a quella di Napoli, altre realtà oltre a quella di Napoli ed altri Bambini oltre a quelli di Napoli? Si lavora in tutto il Paese sulla base della propria personale percezione del territorio del Tribunale dei Minori di Napoli?)

"Ci sono degli operatori molto bravi, anche sul lavoro e su Roma ma non posso dire che vale per tutti." ("ANCHE sul lavoro"??? ..speriamo bene!)

"Bisogna spiegargli quello che devono fare, non ci sono corsi di preparazione, non ci sono corsi di aggiornamento.." (Non sanno cosa devono fare!!)

-Si offre di fare lei tutto gratis!!! (Grandioso" Un bel corso di chiaroveggenza ed onniveggenza per tutti, tutto gratis.. Wanna Marchi è stata arrestata per molto meno!)

-Dice di potere ridurre i tempi di situazioni "ABBANDONICHE" ma "NON TANTO"!!! (Ma che sono??? Situazioni "NON TANTO ABBANDONICHE"???)

"Adesso abbiamo instaurato il contezioso dall'inizio, adesso vediamo tutti i protagonisti, madre, padre, nonna, zio, servizi sociali, curatore, tutti quelli che sono entrati nella vita del Bambino." (Fantastico! Ed allora che ci facciamo qui? Ma dove accadono queste meraviglie se ha detto di non conoscere neanche la realtà della Città nella quale opera? Ed "adesso" da quando??? In più, cosa fondamentale, non è stato nemmeno nominato il "grande dimenticato", il Bambino!!! Forse perché spesso non lo vede nessuno, nessuno lo consulta e viene conosciuto solo sui dati di un foglio di carta!)

"La decisione è molto più meditata e molto più convinta, perché dare il parere sulle carte, che a volte son così.. mi capite, mi capite! (Io, onestamente, non tanto! Ed ho sempre più l'impressione di dichiarazioni di persone gravemente disturbate a capo di un incarichi estremamente delicati.)

"Qua non possiamo andare avanti e dichiarare una adottabilità sulla carta, vediamo tutti i soggetti e decidiamo perché almeno si decide oggi sulla vita di un Bambino, non rimaniamo appesi." (... Ma finora allora cosa hanno fatto? Ci hanno pensato solo oggi? Oggi quando? Non sanno che tutore, curatore, ecc.. il Bambino non lo hanno spesso mai visto? Ancora adesso non si è mai incluso il Bambino, ed infatti ben sappiamo che si decide SENZA INTERPELLARLO MAI!!! In barba alle prescrizioni, alle Convenzioni, delle quali sembra si conosca un unico articolo ignorando gli altri, ed al parere del Minore! Che soffre, maledettamente soffre!)

"La comunità può fare tanto! Chi paga la casa famiglia?" (non viene detto.. vorremmo saperlo anche noi!)

"Allora, l'Ente erogatore della spesa deve farsi un esame di coscienza, Io così facevo, vedere come spendo questa cifra." (sono tutte frasi riportate come pronunciate)

"Perché qui si spendono milioni di euro, eh! Milioni di euro! (Se ne sono accorti!!!)

"200 no, costa solo la casa famiglia specializzata per Bambini da.. ecchè ce ne son tanti, Bambini con problemi sanitari, si aggira tra gli 80, 90 e i 100." (110, 120, 130.. 300.. ecc.. al giorno! I Bambini problematici vengono dati in affidamento, le strutture cercano, ovviamente, di tenere quelli che costano meno in spese e fatica rivolgendo ai Bambini più grandi la gestione delle incombenze e la guardiania dei più piccoli, sfruttandoli così come lavoratori del settore, naturalmente gratis ed in più guadagnando sul lavoro imposto ai Bambini e chiedendo poi le spese anche ai genitori! Grandissimo risparmio!!!)

"L'altro giorno ho fatto un udienza, ho fatto il conto di quanto il Bambino costava, è costato 700.000 (non si capisce bene) capisci? Cosa abbiamo fatto di quel Bambino? Nulla! è rimasto lì! (Bravi!!! Complimenti!!!)

"Viene chiesto l'Ente erogatore, il Comune (a bassissima voce), le madri nubili sono a carico della Provincia (E chi lo ha chiesto? è chiaro il tema della Commissione?), ci sono dei co.. allora devo dire (Sempre trascrizione letterale) Io a tutti questi Bambini, Io devo sapere fa tranquillame.. vedi quanto mi sono costati, ci sono certame.. io ho fatto l'esempio, l'esempio che ho fatto era quello dei rifugiati (Sempre trascrizione letterale.) perché è uno status particolare." (10% di stranieri sul totale dei casi, meno ancora ovviamente i rifugiati, meno ancora sempre ovviamente i minorenni.. e viene fatto sempre l'esempio dei rifugiati! Come mai? Ed i Bambini italiani? Perché non invece quello dei MOTIVI ECONOMICI che rappresentano il 50/60% degli allontanamenti???)

"Invece di dirgli qua qua, vediamo se ‘sti rifugiati possiamo fargli qualcosa, naturalmente non ho avuto risposta, i rifugiati stanno sempre lì!" (Occuparsi di problematiche estremamente gravi e drammatiche, per le quali i Bambini soffrono pene infernali ed i Genitori lanciano appelli disperati, sembrerebbe proprio non interessare!!!)

"Fanno le passeggiate per tornare ognuno nel loro buco e dopo nella casa famiglia." (A quelli che hanno la casa pensano a portarla via.)

"Allora è vero anche che le case famiglia hanno interesse a tenere i Bambini, quanti più Bambini possibile, ad esempio noi abbiamo tolto 3 Bambini, sò rimasti 2, in fibrillazione.. questo mi preoccupa molto quando vedo la fibrillazione, ed allora, ed allora, (sempre trascrizione letterale.) il responsabile del pagamento deve farsi i conti come una brava massaia, se andiamo in un certo tipo di negozio mi costa tanto di più, Io dico vado in un supermercato, allora perché questo rappresentante del Comune o Provincia non verifica i suoi conti e dire che cosa possiamo fare." (..un Bambino, onestamente, potrebbe forse esprimere meglio il problema)

"Prima un affidamento, poi per alcuni nuclei particolari, perché non si può pensare che a tutti diamo una casa ed un lavoro, quello è il problema, l'altro giorno UN Bambino di 10 Anni ha detto: tutto è cominciato quando papà ha perso il camion ed allora ha cominciato a bere e la mamma fa le scale e la picchia" (Sempre 38.000 Bambini allontanati! I maltrattamenti sono episodi gravissimi ma rappresentano sempre il 10% dei casi di allontanamento, nessuno a mai obiettato per provvedimenti seri in casi di maltrattamenti certi, e NON è questo il cuore del problema per cui si è resa necessaria la commissione!)

"Ha raccontato la tragedia di una famiglia che ha perso il lavoro, quindi adesso esiste questa realtà.." (Non ho neanche il coraggio di commentare.. forse ci potrebbe riuscire qualche altro plurimilionario al pari dei responsabili degli Enti interessati)

"Ehm.. quindi, ehm.. diciamo il Comune dovrebbe individuare, come ad esempio (Ma cosa???) esiste in Inghilterra, un palazzo ha una bella veduta da una parte ed una brutta veduta magari dall'altra, (Interessante..) allora, in ogni palazzo, in molti palazzi, quella parte meno gratificante viene data alle persone che non sono in grado di acquistare (???) perché non fare anche questo? Non so.. (Fondamentale e risolutivo..!!!) trovare anche dei posti dove può andare un nucleo che non ha nessuna colpa se non il fatto che ha perso la casa, ha perso il lavoro, se non il fatto che non è maltrattante né abusante, né tossicodipendente, né malati psichiatrici, nulla di tutto questo, nulla di tutto questo."  (Parrebbe che a questo nucleo rimane solo il Bambino, ma non è così, un provvedimento ed è improvvisamente perso pure il Figlio!)

Esiste una fetta è, perché la grande fetta di Bambini che sta in Istituto appartengono a famiglie non funzionarie alla crescita, (Il 50% degli allontanamenti dipende da fattori economici.) però c'è una parte di Bambini che son lì perché i loro genitori non sono in grado di avere una casa, un lavoro e tutto il resto." (Ed allora perché non portargli via anche il figlio? Comunque non è su queste casistiche che nascono gli appelli né a questo argomento che è rivolta la Commissione! Non in ultimo, in precedenza si è parlato di incentivi agli affidamenti ma NON a queste famiglie!)

"Non saprei dire quanti, forse un 25%." (50 - 60% dato Istat! Possibile che una Istituzione che ricopre un incarico estremamente delicato, pagatissimo e di alta responsabilità non sia a conoscenza di un dato simile, pressocchè invariato da anni e BASE dell'argomento che sta trattando?)

"Come evitare il trauma.. abbiamo detto che la scuola, io non levo mai dalla scuola, lei dice, certo che avrebbe potuto chiedere al dirigente: ‘scusi, quando escono i Bambini faccia trattenere questo', ma questo poteva anche indurre ‘perché lo fanno trattenere?', allora, prendiamo i Bambini.. io comunque sono contraria alla scuola, però si poteva anche fare in modo che diciamo non fosse fatto platealmente sotto gli occhi dei Bambini che stavano in palestra ma soprattutto, diciamo, così, il tirare verso di sé il Bambino, questa situazione, vedi, vedete, si doveva risolvere 3 anni prima, perché pare che erano 3 anni e quindi nella immediatezza il Bambino è piccolo, i coniugi sono meno conflittuali, si sarebbe potuto fare meglio. (premesso che ritengo non ci si possa presentare in una sede simile dichiarando "pare che" senza sapere dunque niente di certo e poi affermare certezze delle quali pare non si abbia alcuna minima conoscenza, l'unico particolare indubbiamente posseduto da un Bambino più piccolo sono la minore consapevolezza degli eventi e dunque la maggiore malleabilità, e un interesse infinitamente più alto nel circuito delle adozioni per di più in una situazione affermata di coniugi ritenuti "meno conflittuali", in periodo e situazioni dunque, nel quale il problema potrebbe addirittura semplicemente NON ESSERCI! Riguardo al fatto che si sarebbe potuto fare meglio, su questo pare non ci sia alcun dubbio, difficile immaginarsi di peggio e perfettamente comprensibile che si desideri evitare la platealità, non certo per delicatezza ma piuttosto per nascondere la crudezza di azioni simili pur continuando a perpetrarle!)

"Noi arriviamo a queste particolari situazioni sempre tardi, la convenzione cosa dice, Strasburgo articolo 7, la decisione deve essere presa in modo rapido dal Giudice.." (certo, ma coerentemente anche con gli ALTRI articoli che sembrano apparire come sconosciuti.. forse ci deve essere una incomprensione sul fatto che rapido non vuol certo dire ancora prima che si evidenzi il problema o durante la presunzione della sua esistenza, ma casomai velocemente a seguito di un problema grave serio ed indubbiamente accertato e non dunque su personali supposizioni, immaginazioni e fantasie! Anche sulle gravi carenze e sulla lentezza del nostro apparato Giudiziario nessuno nutre alcun dubbio, Corte Europea compresa che infatti ripetutamente ha condannato l'Italia con ammende che gravano pesantemente sulle nostre spalle, ma non su quelle di chi ha operato erroneamente; di rilievo notare come, precedentemente all'avvio di una Giustizia dall'inadeguatezza imbarazzante, si realizzino provvedimenti dalla fondatezza estremamente dubbia con una rapidità sorprendente)

"..adesso, ieri per esempio, l'altro ieri, venerdì, nella stanza del, una mia segretaria c'era un padre, quasi pian.., si vedeva un padre addoloratissimo che diceva ‘io non posso vedere mia figlia perché ormai ha fatto 6 mesi, l'ho vista solo attraverso i vetri perché mia moglie non..', allora, bisognava intervenire subito, se invece continua a che so, io, per dire, si può continuare, fare una perizia, fare questo, fare quello.." (il futuro di Bambini ed il destino di Famiglie in mani simili!!!)

"..la cosa deflagra, quindi va fatto immediatamente.." (non si sente neanche dire cosa è che ‘va fatto', come una attività da nascondere.. non è necessario neanche fare le perizie, non servono, basta l'intuito!)

"..quando si capisce che queste persone, perché una madre che non, diciamo, permette ad un padre di vedere sua figlia secondo me o ci sono gravi motivi oppure non può accadere! Non può accadere!.." (E quando lo fa il Tribunale, anche ad entrambe i Genitori, invece si???)

"..perché, al di là del fatto che la nostra legge parla di bigenitorialità, di affido condiviso, è un principio etico, unico, sacrosanto, cioè un padre può essere privato o una madre o una madre per essere privà ci vogliono dei gravissimi, gravissimi motivi, perché il Bambino ha diritto, è il Bambino che ha diritto e non il Genitore che ha diritto, e questo vale pure per i nonni che stanno praticamente irrompendo nel tribunale, e il Bambino che ha diritto, il nonno non ha nessun diritto se va divergendo da quelli che sono i dettati educativi dei Genitori." (pare che sfugga che l'Autorità che impedisce questo diritto del Bambino sia proprio il Tribunale!)

"Non possiamo avere dei nonni che confliggono con i Genitori e che dicono: ‘tuo padre, quella non è tua madre, tua madre è morta, questa è la foto', non è possibile, o si accetta la nuova figura della mamma e si continuano a vedere i propri nipoti o non si può, come dire, non si può, interrompere il rapporto educativo Genitori/Figli" (sembrerebbe apparentemente parlare di conflittualità in Famiglia invece, come sempre, in questo ambito si parla di Diritti solo per i Genitori adottivi! Non si trattava dei Diritti del Bambino? Nel caso in questione sembra riferirsi alla nonna Loretta, che reclama perché i Genitori adottivi della nipote tendono ad annullare l'esistenza della Mamma biologica della Bambina, morta suicida a seguito dell'accanimento giudiziario contro di lei e dell'allontanamento della figlia, in questo caso si era intervenuti fin troppo prima ed ecco le conseguenze: una Bambina orfana, e parrebbe senza alcuno scrupolo di chi ha operato i provvedimenti che hanno portato a questo risultato; di Diritto alla conoscenza delle proprie origini non se vuole sentire parlare?)

"Quindi sicuramente si deve evitare il trauma intervenendo quanto prima lasciando aperta la porta quando a le, a secondo se lui o lei, a seconda del Genitore privilegiato per quanto riguarda la residenza e il Bambino deve mantenere i rapporti, la figura del padre che sta sparendo.." (io non ho capito..)

 "..vi dico questo rapidamente, UNA volta.. (sempre 38.000 minori..) sono andata ad Ischia, 2 o 3 anni fa, perché si era suicidato un ragazzo, ed al suicidio seguiva il suicidio di un altro ragazzo e allora mi avevano chiesto di parlare un po' ai giovani (idea fantastica! Chi più adatto di una persona che per lavoro e potrebbe sembrare anche diletto, li allontana dalla propria famiglia?), perché quando ragazzi di 14/15 anni parliamo di separato affidato ad una zia, allora ho fatto, va bene, un intervento lungo ed alla fine ho detto: ‘se non c'è un padre, una madre se lo deve inventare ed ho avuto, c'erano tutte le scolaresche superiori di Ischia città, è.. ho avuto l'applauso più lungo della mia vita, mi commuovo ancora al ricordo, cioè, io ho toccato un punto debole di tutti quei ragazzi (erano tutti senza papà???), oggi ci sono molte donne che cercano di escludere l'uomo, il perché è vario, il perché è vario però è una realtà, sono, dicia.., è chiaro che a noi arriva la patologia (come si fa a sapere se è arrivata una patologia? O se il Bambino è arrivato patologico? spesso non viene effettuato alcun accertamento prima degli interventi; e vorrebbero intervenire ancora prima..) poi ci saranno tante ottime madri (speriamo.. stavolta pare abbia dimenticato di correggersi per sembrare imparziale evidenziando così il pensiero sulle madri malevole), a noi arriva la patologia ma è sempre nella nostra panorama patologico, è sempre la donna che tenta terr.., proprio con protervia di escludere quest'uomo, una donna non sposata e c'era stata la promessa di matrimonio, una donna che è stata tradita, cioè ci sarà sempre un motivo per escludere e questo non è giusto, non è giusto". (non ci sono errori nella trascrizione che è riportata sempre letterale.. sembra giusto, invece, se ad escludere è il Tribunale!)

"Io ho avuto un caso (sempre 38.000 minori!!!) eh tu.. una Bambina che credeva che il convivente, il nuovo marito della madre fosse il padre (incredibile.. è quello che pretendeva prima dalla Bambina con la Mamma deceduta e ciò per cui la nonna protesta!!!), il padre aveva protestato a lungo, ad un certo punto ho preso ‘sto caso, chiamo la Bambina, noi non lo sapevamo, la Bambina così, colì, e lei parla del ehm, di quest'uomo che chiama papà ed io dico: ‘ma insomma, tu lo chiami papà ma..' e lei ha detto: ‘si, è il mio papà', cioè la Bambina è cresciuta fino a 7 anni o 8 credendo che il marito della madre fosse il padre mentre dall'altra parte il marito protestava per tenere un rapporto con la Bambina, è una cosa assur.., adesso la Bambina ha ripreso i rapporti, va dal padre però, diciamo, non è che il padre sia un granchè di padre, la madre ha i suoi problemi, però la Bambina, un Bambino ha diritto di sapere chi è suo padre (ma una nipote pare non avere il diritto di sapere chi è sua madre suicida per non avere resistito al dolore del provvedimento di allontanamento; o forse non le si vuole far sapere a causa di cosa la ha persa per sempre!), poi il marito di ‘stà madre (l'imparzialità sembra definitivamente caduta ed il disprezzo per le madri sempre più esternato), oggi è di moda la fidanzata di Papà, la fidanzata di.. il fidanzato di Mamma, vabbè, sono le purtroppo la realtà di oggi ma almeno che sia chiaro chi è tuo padre (la madre però no, come ribadito prima per il caso di nonna Loretta), eh quale sa so.. è l'interesse superiore del Bambino, buone leggi, le nostre leggi, e ho finito, le nostre leggi sono buone leggi sul panorama internazionale (indubbiamente verissimo! Il problema è infatti chi le applica con discrezionalità folle!!!), quello che rimane è stato detto, ecco, siamo tutti noi convinti che nelle situazioni in cui è protagonista un Minore, c'è un Minore, è il suo interesse, è il suo interesse che va tutelato?" (Attenzione: forse stiamo per scoprire una nuova teoria universale Tribunalecentrica o solo Cavallocentrica che scavalca tutte le altre ed i Diritti sanciti dalle Convenzioni internazionali!!!)

"Questo, di questa cultura non siamo ancora permeati, però le nostre leggi sono buone leggi, a livello internazionale molte delle nostre leggi vengono guardate come modello, sia nel civile che nel penale (i nostri Tribunali però no, forse neanche dai cinesi estremisti, come dovrebbe essere chiaro dalle molteplici, ripetute condanne della Corte Europea), noi abbiamo ratificato tutte le Convenzioni, ehm, che sono a livello internazionale nell'interesse superiore del Bambino (salvo eluderle ed interpretarle, come avviene per il parere dei Minori, nell'interesse superiore dell'indotto delle procedure di allontanamento) e la eh.. diciamo e.. (ma cosa??? Cosa???) però non è permeata la cultura anche di coloro che sono coinvolti nelle situazioni di protezione (credo che intenda le vittime dei Tribunali dei Minori) che molto spesso favoriscono più l'adulto che non il Bambino (o piuttosto per il Business se non addirittura, si potrebbe sospettare, commercio del Minore), quindi quello che manca è la condivisione di questa cultura che il diritto del Bambino deve essere preminente, che il suo ascolto è un ascolto che dobbiamo fare (mi sfugge qualcosa.. chi lo impedisce??? Quando si pensa di cominciare???), che dobbiamo cercare di capire dopo averlo informato , dopo averne, dopo avere, come dire, essere convinti che il Bambino è in grado di esprimere la propria opinione dobbiamo ascoltarlo (Marcel nonostante una perizia che ne precisi la capacità di rendere testimonianza NON E' MAI STATO ASCOLTATO!!!) e fargli capire che però non è che siamo tenuti a seguire ciò che dice ma che lo terremo in conto (...) che lui non è responsabile se sarà affidato alla madre o al padre (ma il condiviso di prima?) perché sarà deciso da tante persone che però vogliono sentire la sua voce (che però non si capisce ancora da cosa sono impedite dal sentirla adesso, cosa comunque ininfluente in quanto viene in ogni caso ignorata portando la voce di chi dovrebbe ascoltare spacciandola per quella del Minore sia che sia stato ascoltato sia che non lo sia stato!), questo, dunque, diciamo, noi Giudici minorili cerchiamo di attualizzarlo, è chiaro che ci può essere una defaillance perché dovunque ci può essere (una però!!!),  però lo sforzo totale di tutti gli uffici giudiziari è in questa direzione e vorremmo che anche quella dei cittadini comuni fosse in questa direzione che questo purtroppo non avviene sempre. (tacere ed acconsentire? Forse, però,i cittadini comuni e probabilmente anche i Minori vorrebbero che la Giustizia andasse in una direzione Giusta, o quantomeno seguisse una logica condivisibile; e quando questo non avviene e si moltiplicano le proteste, soprattutto in un ambito delicato come quello minorile, chi se ne occupa dovrebbe cominciare, dopo anni di risultati drammatici, a porsi qualche interrogativo sul proprio operato)

 

IN CONCLUSIONE..

Non so a Voi, ma a me sembra di avere sentito esternazioni attribuibili a soggetti che personalmente mi potrebbero apparire come gravemente disturbati ed anche in malafede.

Pensare che il futuro dei Minori possa dipendere da opinioni del genere mi rattrista ed addolora profondamente; indubbiamente vi è urgenza di provvedimenti seri.

Pur non condividendo la tesi degli interventi in ritardo ritengo sarebb einoltre  decisamente opportuno chiarire a che titolo, degli Enti così consapevoli che il loro intervento viene ed essere intrapreso dopo troppo tempo divenendo dunque almeno inopportuno quando non gravemente peggiorativo, insistano in ogni caso  ad accanirsi nell'effettuare comunque un intervento senza previsione di  ritorno dal quale il Minore non solo non ricava alcun giovamento, ma addirittura subisce ripercussioni prevedibili e spesso irrimediabili.

Le conseguenze subite da operatori in ambito Minorile "provati dall'esperienza" sono state oramai diffuse, ben note e riconosciute; buona documentazione in merito si può trovare, tra gli altri, negli studi del dottor Gardner, oramai noto creatore della teoria della PAS.

Che ci si creda o no rimangono Bambini allontanati per sempre dai loro affetti con motivazioni tanto futili da apparire a volta persino derisorie nei confronti dei Genitori, ed un sistema diagnostico e di accoglienza dal giro di affari multimilionario nel quale il Bambino rappresenta il bene oggetto dello scambio che, dal produttore iniziale passa per l'intermediario che lo tratta e lo piazza al consumatore finale del suo affetto perfezionandone il bisogno di genitorialità insoddisfatto e restituendo, sulla larga scala di famiglie indiscriminatamente pluriaffidatarie, persino un ingente corrispettivo con un margine degno di una florida azienda familiare.

Venite, ce ne è per tutti, basta associarsi al rappresentante giusto.

Audio integrale della Interrogazione a cura di Radio Radicale:
http://www.radioradicale.it/scheda/365378/commissione-parlamentare-per-linfanzia-e-ladolescenza#int2723449,4265,1717

13 Dicembre 2012

Condividi su Facebook:
https://www.facebook.com/notes/marcel-rivuole-la-sua-mamma/commissione-infanzia-e-mercato-minorile/492811880763760