Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name:
Location:
Italia

Archivio

Ultimi Commenti

Orologio

Calendario

Conta visite

Viva la PAS

postato da blog.freemarcel.org [10/06/2014 14:38]
foto

Considerando Ancora l'alto interesse suscitato finalmente sul tema dell'allontanamento dei Minori dalle recenti violenze perpetrate durante l'allontanamento di un Bambino nella sua scuola di Padova, ci permettiamo di presentare e commentare la seguitissima puntata di Porta a Porta dedicata al caso.

Il servizio:
http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-c040303a-53b7-43c2-8513-c2abc3352bc8.html

Vedere padri che concordano con l'incaprettamento di un Bambino è agghiacciante, ed usare il dramma di un Bambino per pubblicizzare la PAS vergognoso.

Ci fa sorridere sentire dire che si accusa il padre senza conoscerlo da persone che accusano la madre senza conoscerla.

L'onorevole Mussolini, ha perfezionato osservazioni perfettamente corrette evidenziando anche come le caratteristiche delle strutture siano assolutamente inadeguate.

Il garante Nazionale ha prodotto delle dichiarazioni aberranti ed inaccettabili rispetto ai ruoli che ricopre; le denunce e le segnalazioni vanno avanti da anni ed il "tavolo di confonto" avrebbero anche potuto farlo un pò prima; ascoltando le dichiarazioni rilasciate finora viene da prevedere che non ci può essere da aspettarsi niente..

Dire che un video non chiarisce quello che è accaduto è negare l'evidenza e, tollerare simili affermazioni, segno di collusione.

Nel sentire le osservazioni di Timperi e le dichiarazioni dell'avvocato Coffari parrebbe che il comportamento collimante con una diagnosi di PAS, anche in riferimento alle numerose denunce presentate, sia incredibilmente quello del padre, cosa che però non è stata neanche ipotizzata pur di sostenerlo per cameratismo; il problema non sembra PAS o bigenitorialità ma fazioni tra uomini contro donne, misoginia allo stato puro.

Non capiamo inltre come Timperi possa sostenere che la polizia abbia operato correttamente visto che la polizia NON HA OPERATO, ma semplicemente osservato mentra il Bambino veniva incaprettato.

Le modalità dell'accaduto sembrano sempre misteriosamente decise da un'entità superiore e direi che così non è, tranne di volere considerare tale un Tribunale; non è ben chiaro inoltre a che titolo sia stato previsto che l'azione dovesse essere stata realizzata dal padre, ed ancora nel provvedimento non risulta si parlasse della presenza della CTU, consulente IMPARZIALE, che molto poco sembra avere evidenziato la sua imparzialità; anche riguardo a questo l'onorevole Mussolini ci ha stupito per la sua preparazione.

Ci pare inoltre che si stia gravemente creando confusione tra il diritto del Bambino a vedere entrambe i genitori, e l'obbligo a frequentarne uno che lo ha incaprettato.

Il diritto all'ascolto del Minore viene regolarmente DISATTESO e le interpretazioni delle parole del Bambino altro non sono che una angosciante scusa per fare del Minore quello che si vuole qualunque cosa dica, strumentalizzando le parole di un soggetto che non ha le capacità di controbattere e non avrà mai più la possibilità di potere esprimere il proprio parere.

Se non ci fosse stata la esposizione ai media dell'accaduto, probabilmente la madre non avrebbe mai più rivisto il Bambino, con buona pace dei sostenitori della bigenitorialità che a fronte di tante parole chiedono invece una monogenitorialità inversa, ed infatti anche su questo non mi pare che Timperi abbia proferito parola.
Prova indiscutibile di questo mi pare sia inoltre il caso di
Marinella Colombo, icona della bigenitorialità che mai, nè in tribunale, nè in pubblico, nè in privato ho mai sentito parlare di esclusione del Padre dalla vita dei Bambini seppur privata dell'affetto dei suoi figli a favore unico del Padre grazie ad una Giustizia servile, eppure esclusa dai gruppi per discriminazione di sesso.

Indiscutibilmente condivisibili le osservazioni del dottor Crepet.

La polizia deve far rispettare le sentenze, le sentenze devono rispettare la morale, la Costituzione, i Diritti riconosciuti dalle Convenzioni internazionali.

Riguardo al video dell'avvocato Coffari, le sue affermazioni oltre a non sembrarci affatto imbazzanti, ci pare evidenzino che abbia semplicemente eseguito, e molto bene, il suo lavoro; non ci sembra che dire ad un Bambino di esprimere quello che prova sia un delitto e condividiamo pienamente i suoi suggerimenti.

La sindrome di alienazione esiste, indubbiamente, ma in tutte la comunità e gli ambiti; considerare una casistica che racchiuda solo ed esclusivamente l'ambito genitoriale sembrerebbe potere servire solo a giustificare provvedimenti tragici su minori innocenti.

In questi giorni abbiamo assistito al funerale de Diritti dei Minori ed abbiamo potuto vedere, ad amara conclusione di questa trasmissione, l'unico, vero, grande interesse delle Associazioni che si presentano come promotrici di questi Diritti: chiedere soldi ed incassare; di risposte agli appelli che le vangono rivolti, intanto, neanche l'ombra.

NON DOBBIAMO ESSERE COMPLICI DI QUESTO SISTEMA.

17 Ottobre 2012

Condividi su Facebook:
https://www.facebook.com/notes/marcel-rivuole-la-sua-mamma/viva-la-paxs/469514726426809