Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: gaetanostella.it
Location:

Ultimi Commenti

Orologio

Calendario

Archivio

RICERCA

Area riservata

Pannello di controllo

Conta visite

AI MATURANDI INGANNATI- AI RIFONDATORI DELLA SINISTRA

postato da blog.gaetanostella.it [29/06/2017 19:27]

AI MATURANDI INGANNATI- AI RIFONDATORI DELLA “SINISTRA”-

Da Res amissa – di GIORGIO CAPRONI – Garzanti 1991

SHOW

Guardateli bene in faccia.

Guardateli.

          Alla televisione,

magari, in luogo

di guardar la partita.

  Son loro, i “governanti”.

 Le nostre “guide”.

                    I “tutori”

-eletti- della nostra vita.

Guardateli.

             Ripugnanti.

  Sordidi fautori

dell’”ordine”, il limo

del loro animo tinge

di pus la sicumera

dei lineamenti.

                 Sono

(ben messi!) i nostri

Illibati Ministri.

  Sono i Senatori.

              I sinistri

-i provvidi!- Sindacalisti.

   “Lottano” per il bene

del Paese.

         Contro i Terroristi

e la Mafia.

       Loro,

che dentro son più tristi

dei più tristi eversori.

    Arrampichini.

             Arrivisti.

  In nome del Popolo (Avanti!

Sempre Avanti!), in perfetta

Unità arraffano

capitali – si fabbricano

ville.

       Investono

all’estero, mentre “auspicano”

(Dio, quanto “auspicano”!)

Pace e giustizia.

              Loro,

i veri seviziatori

della Giustizia in nome

(sempre, sempre in nome!)

del Dollaro e dell’Oro.

   Guardateli, i grandi attori:

i guitti.

            Degni

-tutti- dei loro elettori.

 Proteggono i Valori

(in Borsa!) e le Istituzioni…

  Ma cosa si nasconde

dietro le invereconde

Maschere ?

        IL Male

che dicono di combattere ?

 Toglieteceli davanti.

Per sempre.

                Tutti quanti.  

LORSIGNORI

  Han la testa sul collo,

dicon loro. Di pollo.

I piedi sulla terra.

Lavoran per la pace

preparando la guerra.

Tengon alta la face.

Ma, soprattutto, auspicano.

Dio, come auspicano.

Difendono i “valori”

Che chiamano “ideali”.

(Son schietti, Lorsignori,

anche se non hanno ali.)

 VERSICOLI QUASI ECOLOGICI

   Non uccidete il mare,

la libellula, il vento.

Non soffocate il lamento

(il canto!) del lamantino.

Il galagone, il pino:

anche di questo è fatto

l’uomo. E chi per profitto vile

fulmina un pesce, un fiume,

non fatelo cavaliere

del lavoro. L’amore

finisce dove finisce l’erba

e l’acqua muore. Dove

sparendo la foresta

e l’aria verde, chi resta

sospira nel sempre più vasto

paese guasto:” Come

potrebbe tornare a essere bella,

scomparso l’uomo, la terra”.

 

N.B.Lorsignori sono arrivati a manipolare e a mistificare anche Caproni. Traggo queste tre poesie da Res amissa per onorare la sua memoria. E invito i “giovani” a leggerlo….

La poesia

È profezia

È l’alchimia dell’anima

Che si fa concreta Utopia

E indica “la via”….

                                                Gaetano  Stella- Empoli 28/6/2017