Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: gaetanostella.it
Location:

Ultimi Commenti

Orologio

Calendario

Archivio

RICERCA

Area riservata

Pannello di controllo

Conta visite

PRIMO : FERMARE LA CO2 : IAINTARE ALBERI - 29/11 QUARTO SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA

postato da blog.gaetanostella.it [28/10/2019 17:56]

PRIMO :FERMARE LA CO2 -PIANTARE ALBERI - 29/11 QUARTO SCIOPERO GLOBALE PER IL CLIMA

STEFANO MANCUSO nella NAZIONE DELLE PIANTE spiega come ognuno di noi può partecipare "dal basso" a FERMARE LA CO2. Un libro da leggere studiare diffondere regalare.

..."La CO2 che si accumula nell'atmosfera è la principale responsabile del cosiddetto effetto serra e, quindi, dell'innalzamento della temperatura del pianeta. Attraverso le sue attività- in particolare  combustione di combustibili fossili e deforestazione-.. l'uomo, dall'inizio della rivoluzione industriale, ha aumentato la concentrazione media annua di CO2 nell'atmosfera dal 280 ppm (parti per milione) alla quale era rimasta stabile per circa 10.000 anni, agli attuali (2019) 410 ppm, la concentrazione senz'altro  più alta degli ultimi 800.000 anni se non, con alta probabilità, degli ultimi 20 milioni di anni...Senza una sufficiente quantità di foreste, non esiste alcuna reale possibilità di poter invertire il trend di crescita della CO2..  La deforestazione dovrebbe essere trattata come UN CRIMINE CONTRO L'UMANITA',, e punita di conseguenza. Perché è di questo che realmente si tratta. L'intangibilitàà delle foreste e il loro mantenimento in vita, così come l'obbligo a mantenere intatti suolo, aria e acqua, dovrebbero trovare posto nelle costituzioni di tutti gli Stati,...Che dalle piante dipende la nostra UNICA possibilitàà di sopravvivenza dovrebbe essere insegnato  nelle scuole ai ragazzi e e agli adulti in ogni luogo. I registi dovrebbero farne film, gli scrittori libri. Chiunque  è chiamato  a MOBILITARSI (s. mia!), e se credete che stia esagerando e non vedete alcun vero motivo per alzarvi dal divano per difendere l'ambiente e le foreste, sappiate che questa è l'unica, vera, emergenza mondiale. La maggior parte dei problemi che affliggono l'umanità oggi, anche se apparentemente lontani, sono collegati al pericolo ambientale e rappresentano soltanto gli innocui prodromi di ciò che verrà se non l'affronteremo con la dovuta fermezza ed efficienza. Le piante possono aiutarci. Soltanto loro sono in grado di riportare la concentrazione di CO2 a livelli inoffensivi. Le nostre città, ospitando il 50% della popolazione mondiale (nel 2050 si arriverà al 70%) sono anche i luoghi del pianeta responsabili della produzione della maggiore quantità di CO2. DOVREBBERO ESSERE COMPLETAMENTE COPERTE DI PIANTE (sott. Mia!). Non soltanto gli spazi deputati: parchi, giardini, viali, aiuole ecc., ma DAPPERTUTTO, letteralmente: sui tetti, sulle facciate dei palazzi, lungo le strade, su terrazze, balconi, ciminiere, semafori, guardrail ecc....La cosa non richiederebbe che costi irrilevanti, migliorerebbe in una miriade di modi la vita delle persone...e avrebbe un grande impatto nell'assorbimento di CO2. Difendiamo le foreste e copriamo di piante le nostre città, il resto non tarderà a venire."- pg. 89/95 Da LA NAZIONE DELLE PIANTE - STEFANO MANCUSO, LATERZA-                          PER UNA NUOVA COSTITUZIONE

CARTA  DEI DIRITTI DELLE PIANTE - ART. 1  La terra è la casa comune della vita. La sovranità appartiene a ogni essere vivente.- ART. 2 La Nazione delle piante riconosce e garantisce i diritti inviolabili delle comunità naturali come società basate sulle relazioni tra gli organismi che le compongono- ART. 3 La Nazione delle piante non riconosce le gerarchie aniimali, fondate su centri di comando e funzioni concentrate, e favorisce democrazie vegetali diffuse e decentralizzate- ART. 4 La Nazione delle Piante rispetta universalmente i diritti dei viventi attuali e di quelli delle prossime generazioni- ART.. 5 La Nazione delle piante garantisce il diritto all'acqua, al suolo e all'atmosfera puliti- ART. 6 Il consumo di qualsiasi risorsa non ricostituibile per le generazioni future dei viventi è vietato -ART. 7 La Nazione delle piante non ha confini. Ogni essere vivente è libero di transitarvi, trasferirsi, vivervi senza alcuna limitazione A-ART. 8 La Nazione delle Piante riconosce e favorisce il mutuo appoggio fra le comunità naturali di esseri viventi come strumento di convivenza e di progresso- Pg. 13-

                                                                      Gaetano Stella - Lago di Chiusi - 28/10/19-

Passaparola! -http://blog.gaetanostella.it