BIANCO ROSSO E VERDE - 1915

postato da Francesco Maggi [24/10/2013 19:19]
foto

  BIANCO  ROSSO  E  VERDE:  -  1915
 
  Illustrazione quindicinale diretta da:
     GIANNINO ANTONA TRAVERSI
 
 
                   
 
 
                           
 

 
 
 
   
 
 *PRESENTAZIONE*
 
Il titolo, nei suoi tre colori simbolici, porta già in sè il migliore annunzio degli ideali che ci ispirano. La nostra rivista sarà un'espressione del nuovo spirito italico in tutte le sue varie attività: espressione specialmente avvalorata da disegni originali e da documenti fotografici. E poichè essa nasce in questa aurora vermiglia di guerra, la guerra ne sarà per ora il massimo argomento, sia nelle sue vicende militari, che nele opere civili, illustrando così la fede e il valore di coloro che combattono, come la solerzia e la pietà di coloro che vegliano attendende. Ogni numero conterrà parecchie tavole, segnate dai più forti disegnatori italiani, i quali potranno mostrare con diversa efficacia la loro sensibilitàin questo storico momento, e il loro particolar modo di estrinsecarla con imagini. Di parole il nostro periodico sarà scarso. Nell'ora dell'azione non stimiamo opportuno ingombrare le pagine di troppi discorsi o di troppi lunghi commenti. Bastino le visioni che l'arte e la realtà ci offriranno di tutto quello che gli italiani vanno compiendo per la grandezza della patria.
 
 
 
 
 Il bombardamento dei forti di Luserna, per opera di una nostra batteria da 75, nuovo modello.
 
 
Sulla cima Dodici, conquistata dai nostri alpini, la fanfara del reggimento suona la marcia reale.
 
 
 
 Una nostra trinceasulla cima del Mandriolo, a 1300 metri sul livello del mare.
 
 
         Uno spostamento di posizione della nostra artiglieria da campagna.
 
 
                               Mobilitazione: Le stazioni, piene di soldati.
 

 
 
 
 
          Un areoplano austriaco sopra Venezia. 
          (Impressione dal vero di GLAUCO CAMBON) 
 
 
 
    Pattuglia di bersaglieri ciclisti in esplorazione.
 
 
                   I richiamati della 3^ Categoria tra la foLla.
 
 
 
 
 
         ILLUSTRATORE:  MARCELLO DUDOVICH
 
 
           ILLUSTRATORE: LEOPOLDO METLICOVICH
 
 
 
 
 
 
 
 
 La Cattedrale di Reims dopo gli ultimi bombardamenti tedeschi.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  L'aviatore inglese Warneford abbatte con il suo aeroplano uno dei più grandi Zeppelin.
                ILLUSTRATORE: AROLDO BONZAGNI 
 
 
 
 
 
 
IL 7 GIUGNO LE NOSTRE CACCIATORPEDINIERE BOMBARDANO IL 
CANTIERE NAVALE DI MONFALCONE PROVOCANDO ESPLOSIONI ED INCENDI.
              ILLUSTRATORE: LEOPOLDO METLICOVICH  
 
 
 
 
            ILLUSTRATORE:  LUCIANO RAMO
 
 
 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
 Perchè, o Maschia come il feciale
 gridava i nomi di città sorelle
 e giurate, brandendo
 il giovallotto vermiglio, così,
 a gran voce, di sopra
 le tombe io grido ove si muovon l'ossa
 dei nostri morti come
 radici a primavera, io grido e invoco
 i due nomi divini,
 i due nomi più alti de la terra,
 fin che tutto del doppio ardore il cielo
 s'infiammi e i fonti inariditi tutti
 risgorghino e in un solo
 si mescano indomabile torrente,
 io grido e invoco: - "O Italia! O Francia!" - E odo
 su le tombe spezzate,
 e sugl'irti tuoi lauri, il tuon de l'aquile,
 Vittoria, che s'avventano
 a Oriente e squarciano con tutti
 li artigli l'ombra de la notte. Il giorno
 viene! Ecco: il giorno è sorto!
 
 (Dall'Ode per la Risurrezione Latina tradotta da Ettore Janni).  
  
  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
    
Rivista quindicinale illustrata diretta da Giannino Antona Traversi, noto autore teatrale. Vi collaborarono Marcello Dudovich, Aroldo Bonzagni, Luciano Ramo, Leopoldo Metlicovich che disegnarono splendide copertine a colori. All'interno ricca la documentazione fotografica della vita al fronte o in città. Era stampata a Milano presso Virtuani & C. - Direzione ed Amministrazione: Via Melloni 17 - Milano. 
 
 
 
 
 Anno 1 - Numero 1    -   30 luglio 1915            Disegno di Marcello Dudovich 
 
 
 
 
 Anno 1 - Numero 2      12 agosto 1915                     Disegno di Luciano Ramo 
 
 
 
 
         Anno 1 - Numero 3   -   15 agosto 1915
 
 
 
 
 
 
            Anno 1 - Numero 6   -   15 ottobre 1915