LA VOCE DEL PIAVE - 1918 - XI┬░ CORPO D'ARMATA

postato da Francesco Maggi [12/05/2013 22:29]
foto
 
 
  LA  VOCE  DEL  PIAVE  -  1918  -  XI° CORPO D'ARMATA
 
                         
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Giornale settimanale dell'XI° Corpo d'Armata edito nel 1918 da Zona di Guerra Tipografia della Voce del Piave; Direttore A.Bauzano. Uscirono 29 numeri: dal numero 1 a Pasqua del 1918 al numero 29 datato 30 ottobre 1918; Il giornale continuò la pubblicazione con il Numero Unico LA VOCE DEL TAGLIAMENTO datato 3 novembre ma uscito praticamente in data successiva, mostra infatti l'indicazione di Gorizia, Natale 1918. Fra le pubblicazioni della testata "La Voce del Piave" vi è anche un supplemento al numero 27.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La testata de La Voce del Piave che poteva apparire indifferentemente in nero oppure in rosso non è firmata; mentre la testata de La Voce del Tagliamento è firmata da Burattini. Gli scritti generalmente non riportano i nomi degli autori; le illustrazione sono opera di Giove Toppi, G. Vitelli, Gischiat (G. Schiatti), Alden, Franco Lombardi che si firma LO FRANCO; anche Burattini firmerà alcune illustrazioni negli ultimi numeri della rivista. Fra le rubriche ricorrenti da citare l'Epistolario di Pippo Buffa, il soldato che scrive alla sua amata.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
La Voce del Piave unisce le note gaie a quelle serie, di buona propaganda e di sana educazione. E' scritto, per gran parte, da soldati; stornelli del Piave, sonetti dialettali, poesie dedicati a tipi e ad avvenimenti di trincea, portano firme di soldati, di sergenti, di sottotenenti.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Nel primo numero, nell'articolo di presentazione, si legge fra l'altro: «Nella Voce del Piave  chi combatte bene è accolto meglio di chi scrive benissimo; chi ha tagliato un reticolato conta più di un professore di logica; ripassare il Piave vale quanto aver composta la Divina Commedia». 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
In un numero c'è un sonetto sulle reclute del 1900, in un altro una fresca "guasconata di mitraglieri", in un terzo un sonetto sugli "imboscati", in un quarto "il nostro sogno" quartine di un caporalino del '99, ecc. E poi caricature, cronache serie e facete, cartoline del soldato, giochi a premio.   
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
               SUPPLEMENTO AL NUMERO 27