LA GHIRBA - 1918

postato da Francesco Maggi [30/11/2013 00:05]
foto

 LA  GHIRBA:   1918
 
 
Giornale delle Armate di Riserva ( V e IX ) può essere inserito nella rosa dei migliori Giornali di Trincea. Fantasioso, qualche volta grassoccio, aderente al suo programma "La guerra è amara, addolciamola con l'allegria" era un concentrato di risate e di buonumore. Una pagina era scritta dai militari, dove, secondo l'invito-programma del primo numero, allegria e buonumore, prelevati direttamente dalla bisaccia del soldato, dovevano rifornire il giornale per rendere la guerra meno amara. "La Ghirba", ovvero la pelle, la vita fu diretto "con la penna ed il pennello" dal futurista Ardengo Soffici, che ne era anche l'ideatore, avvalendosi della collaborazione di illustratori del calibro di Giorgio De Chirico, Carlo Carrà, Guillermaz, Giglioli, Attilio Mussino e, per il disegno di prima pagina, del Sergente Canevari o del caporale A. Zamboni. Fu stampato con presenza settimanale prima a Castiglione delle Stiviere (Mantova), tipografia Bignotti & Figli; dal maggio 1918 a Bergamo dall'Istituto Italiano Arti Grafiche; dal 30 giugno a Ostiglia-Verona dalla Società A. Mondadori. Uscirono 29 numeri dal 7 aprile 1918 al 31 dicembre 1918. 
 
 
 
           LA  " GHIRBA "  IN SALVO
 - Per me possono sparare. Ho in tasca l'assicurazione sulla vita.  
 
 
 
 
   - E lei cosa fa?
   - Il diplomatico.
   . Impossibile ...Ha l'aspetto troppo intelligente. 
   
 
             
                              NEL  FRIULI
  IL TEDESCO: - Cosa strilli! Non vi s'era detto che si veniva per far la pace? 
 
 
 
 
 
 
                      L'ULTIMA TAPPA
   Coraggio, piccolo fante, siamo quasi arrivati! 
 
 
 
 
 
   - Ho portato da Udine questo paio di stivaletti per te.
 
 
 
 
 
 
 
 
   - Avrai però sentito che la corda è di seta ! 
 
 

SOFFICI RACCONTA LA NASCITA DE "LA GHIRBA"


20 Marzo 1918

Caro amico,
Ti scrivo in fretta per domandarti un grande favore. All'Armata si è creato un ufficio di propaganda più attivo fra la truppa a base di manifesti e di giornali. Il giornale di Roma è riuscito di una imbecillité governativa. Mi hanno incaricato di fare un giornale allegro per i soldati. Ho fatto il progetto. E' intitolato La Ghirba. E' del formato e sul tipo dell'Asino. Umoristico satirico, patriottico (nel senso nostro). Ho bisogno di scritti allegri (popolari) acuti e di disegni. Disegni, caricature. Ho bisogno che tutti gli amici mi aiutino subito. Tu devi mandarmi qualcosa di breve, Ungaretti pure, tutti coloro che conosci anche. Conosci Trilussa? Vedi Vamba - insomma fai in modo che ogni tuo amico ti consegni per me qualche poesia buffa, qualche novellina per i soldati. Qualcosa di divertente. Pensa te agli uomini di Roma capaci di aiutare quest'opera. Per i disegnatori, fai lo stesso. Voglio assolutamente alcuni disegni di Fabiano, di Galantara, di Spadini, Scarpelli e chiunque altro abbia del talento. Che mandino quello che vogliono. Disegni, caricature di tutte le dimensioni. Ognuno di loro può fare alla svelta due schizzi. Tutto va bene.Facciano dei tedeschi, degli austriaci che parlano fra loro, che fanno qualcosa. Delle damine anche nude, allegre. Insomma tutto va bene. Spadini può mandarmi schizzi dal vero. L'essenziale è che sia roba FATTA AL TRATTO perchè la carta è cattiva e si faranno incisioni a buon mercato. Niente sfumature. I disegni del Tempo e dell'Asino andrebbero benone. Mi raccomando a te. Mandami subito qualcosa. Il tempo stringe. Acciuffa intanto quello che puoi. Parlane ai futuristi - mi farai un grandissimo piacere. Ti scriverò. Ti abbraccio. 
 
                 Ardengo

(Da G. Papini- A. Soffici, "Carteggio 1916-18. La Grande Guerra" a cura di Mario Richter, Roma, 2002).  
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  LA SENTINALLA: - All'armi! Su, su, presto, voialtri imboscati!
 
 
  - Ecco il bottone: attaccamici una giubba.
 
 
 - Fà piano che non ti senta papà ... - un bacio ...
   ... un altro ... un altro
   ... chissà se il papà ci ha sentito.
 
 
     - Tira un colpo.
     - Il bersaglio è lontano: la granata arriverebbe appena a metà.
     - Allora tirane due. 
 
 
 
 
 
                   Lei: - Percè non mi fate passare?
                   Lui: - E' la consegna!

 
 
                 Lui: - Vado o non vado alla baionetta?
 
 
   Lui: - Quelle scarpe così alte?! E il risparmio nazionale?
   Lei: - Ingenuo! non vedi che sono di pelle di "bulgaro"? 
 
 
Gli abitanti della luna udendo le grandi risa che si fanno intorno alla " Ghirba ", scendono sulla terra per prender parte alla festa. 
 
 
 
   - Cosa daresti tu a uno che avesse preso una forte dose di arsenico?
   - Io gli darei l'olio santo. 
 
 
 
 
 
      - Era un aeroplano austriaco che si abbassava per vedere
        ..... e che noi abbiamo aiutato a discendere. 
 
 
 
 
 
 
    L'amministrazione del paese è in mano ai tedeschi.
 
 
                                  Sempre lo stesso piccolo ostacolo!
 
 
 
 
 
 - Da quando il mio Franz è adibito alla distribuzione dei pacchi dei prigionieri italiani a noi non manca più nulla.
 
 
 
 
 
 
 
 
 - Benedetto! Quando tornerai? Vedi? Basta un solo aquilotto a far fuggire un esercito d'oche.
 
 
 1 Il soldato Marmittone                  2 Ma nel dì della misura
    Sempre pronto al suo dovere         Risultando un po meschino
    Non avea che una passione            Fu vestito addirittura
    Quella d'essere artigliere                Da modesto fantaccino                             
 
 
 3  Quando giunse alla trincea        4  E di notte uno starnuto
     Pien di bellico furore                    Fece in modo così strano
     Si buscò per sorte rea,                Che da tutti fu creduto
     Un solenne raffreddore                Il comando d'un prussiano
 
 
                              5  Dà l'allarme la vedetta
                                  Spara allor l'artiglieria
                                  E all'azion di baionetta
                                  Pronta è già la fanteria          
  
 
   6  E il nemico che attaccare     7  E il successo fu dovuto
       Di sorprea avea tentato          senza dubbio in conclusione
       Da quel fuoco singolare          Ad un semplice starnuto
       Fu ben presto sbaragliato       del soldato Marmittone.
 
                              (disegno del soldato ignoto) 
 
 
   Il Francese:  - Beviamo alla salute del nostro nuovo arrivo ceko.
   L'Italiano:     - Ceco?
   Il Czeco:      - Ceco sono stato; ma adesso ho aperto gli occhi. 
 
 
 
 
 
 
 
 - Canta Franz... e chissà che gl'Italiani non ti gettino qualche patata.
 
 
  - E dire che il vivandiere pretese un soldo in più per la freschezza.
  - Più fresco di così - è appena nato! ?
 
 
 GUGLIELMO A CARLINO: Ma io ti darei anche la camicia; vuoi Venezia, Milano, Roma... prendile... io te le regalo.
 
  UN MARINAIO DEL KAISER: - Mi sembra che si vada a fondo.
  UN MARINAIO DEL KOMPRINZ: - No, è una esercitazione di sbarco. 
 
 
  LUI: - Vi darò il più bel bacio di Vienna!
  LEI: - Ma datemi piuttosto un panino, di Vienna!!! 
 
 
 
 
 
  - Sbraita, sbraita, Carlino, ma sta attento alle spallate.
 
 
 
 
 Le dame viennesi: - Dio! Come siete ridotti, dunque avete perso?
 I reduci: - No: hanno vinto loro! 
 
 
 Lei: - Bravo, avete tre ferite, vedo!
 Lui: - Quattro, quattro! Una profonda me l'avete aperto adesso Voi al... cuore! 
 
 
 
 Un soldato: - Ahi, ahi mi hai pestato un piede!
Quell'altro soldato: - Scusa tanto, ero distratto!!! 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
                 L'antico e il nuovo ardito.
 
 
 
  Soldato d'Italia, in quest'ora grande della Patria passano nel cielo di battaglia gli eroi che la redensero.
  Sii tu, degno figlio della loro gloria! 
 
 
  - Come? Ieri eri soldato, oggi sei mio superiore?
  - Già ma oggi è il giorno dopo la battaglia, e tu ieri non eri con me. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  CARLUCCIO: - Ebbene, generale, che bottino ci ha procurato l'offensiva d'Italia?
  IL GENERALE: - Questa damigiana, Maestà! 
 
  - Ci avevano detto che saremmo andati a Treviso, a Venezia...; e invece mi pare
    che siamo andati semplicemente all'altro mondo. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  - Non trovi anche tu, camerate che questi cavalleggeri italiani sono un po' pesanti?
 
 
         Dai giornali:
       " La calma regna in paese ". 
 
 
 
 
 - Siamo stati costretti ad avvertirli. Tutte le volte che sentivano l'odore del riso,
   cominciavano a gridare: "bono italiano". 
 
 
    - Da qualunque parte ci si volti, si vedono le stelle.
 
 
 
 
 
  - Che cosa venite a fare qui voialtri soldati?
  - Per vedere Venezia 
 
 
 
 
 CAPORALE: - Questa giubba nera è fuori d'ordinanza, non la puoi portare.
 SOLDATO:  -  Ma io la faccio tingere grigio-verde! 
 
 
 CARLUCCIO AL KAISER: - Dimmi la verità, non ti sembra che la Marna somigli un po' al Piave?
 
 
 IL KAISER: - Vi presento il nuovo professore che vi insegnerà a vincere, somaroni!
 CARLETTO (fra sè): - Basta che non ci insegni il metodo che ha usato in Francia! 
 
 
  LUI: - Per avervi, o mia cara bellezza,
           Potrei far cose folli, inaudite;
           Vorrei dare la mia giovinezza,
           La mia vita, un milione di vite.
  LEI: - Veranente, signore? M avere
           Mi potrete ad assai miglior costo
           Se costante nel vostro dovere
           Resterete incrollabile al posto.
  LUI: - Quale enigma! Ancor combattendo
           Potrò forse ottenere la gloria,
           Ma voi, Bella!
  LEI: -                     Anche me.
  LUI: -                      Non v'intendo...
  LEI: - Ma, fanciullo! Io mi chiamo VITTORIA. 
 
 
     Decisamente, la Sciampagna mi fa male, anche annacquata.
 
 
  Deutschland, Deutschland! Uber alles!...  Questa è la volta che si va a Parigi.
 
 
 
     Addosso ai Francesi!...   massacrare, rubare, violare!...

  
 
       Der Teufel! Che cosa succede!? . . . .
 
 
    - In francia ci siamo . . . 
    GLI ALLEATI: - e ci resterete. 
 
 
 
 
 
 
 
   Militarmente questo si chiamerebbe: manovra per linee interne.
 
 
 
 
 
 
 
 
   - Per carità, signorine, non ci tentino: siamo scesi per riposarci!
 
 
 
Anche la guerra odierna          Non al Commissariato...
ha la burocrazia                      oggi i prelevamenti
che gloria... sempiterna           fa il nostro bel soldato
dà all'Austria-Ungheria            ma presso i reggimenti.
 
 
 
  Nemici a lui di fronte                E questo brutto tiro
  ai quali nel sedere                   che rompe il    pantalone
  stampar sa le sue impronte      viene chiamato giro
  se si fanno vedere.                  di comunicazione.
 
 
 
 
 
 - Siamo rinculati, ma Hindenburg dice che era nei piani.
 - Va bene, ma attenti allo sfondamento delle retrovie. 
 
 
 
 
 
 
   - Dio mi è testimonio che noi non abbiamo mai voluto questo
 
 
 
 
 
  IL PIANTONE: - Testa quadra lo dicono a me e questa la chiamano circolare.
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 - Per abbater più presto la nemica
   Trista schiatta tedesca, eroe del mare,
   Vuoi tu che alla tua forza, come antica
   Sirena, aggiunga le mie grazie rare?
 
 - Vana illusione, o bella, la genia
   Dell'avversario nostro atroce e duro,
   Chiusa ad ogni bellezza ed armonia,
   Sensibile non è che a un buon siluro. 
 
 
 
 
 - Come mai girate sempre col vostro sacco alpino pronto?
 - Cosa volete, con queste mosse elastiche d'Hindenburg è sempre bene tenersi pronti per un eventuale spostamento. 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
 
 LA MOGLIE: - Eccoti finalmente in licenza!
 IL BOCHE:  -  Macchè licenza! veniamo a occupare le "linee prestabilite". 
 
 
              - E' inutile il solletico La vittoria non si rià!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 IL TEDESCO: Io sono per la pace: finiamola con questa guerra schifosa!
 
 
 
 
 
 
 
       - Dare mi per paciare fostra manina?
       - (plam!) ... eccola! 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  Volevano la carta della guerra:  eccola!
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   SOLDATO DELLA VITTORIA: L'ITALIA TI RINGRAZIA
 
 
 
 
 
 
 
 
       IL RITORNO DEL SOLDATO FRIULANO.
 
 
 
 
 
 - Il nemico ha mutilato i bambini; noi li abbiamo curati con amore e la vittoria ha premiato la nostra umanità.
 
 
 - Sono le bandiere dei popoli liberi e civili. Impara ad amarle: specialmente questa.
 
 
 - I bambini delle terre invase non avevano neanche questo. Bisogna difendere la propria terra.
 
 
 - Con questo ho salvato te e la mamma.
 
 
 - Piangi, eh! e questo non è nulla. Ma i veri non li sentirai: mi sono battuto anche per questo.
 
 
 - Ora ridi ma da grande capirai quanto fosse necessario doversi ridurre in questo stato.
 
 
 L'ARDITO: - Dire che tutta questa roba l'abbiamo conquistata noi!
 IL FANTE:  - E se ora tentassimo di conquistare anche quest'altra?