SEMPRE AVANTI 1918 - 1919

postato da Francesco Maggi [16/10/2013 23:26]
foto
        
 SEMPRE  AVANTI:  1918 - 1919
 GIORNALE DEL SOLDATO ITALIANO IN FRANCIA
 SECTEUR POSTAL: N. 261 
 
  
 
Fu l'organo del II° Corpo d'Armata in Francia; Paris: Imp. Artistique Lux - Gerente Responsabile: A. Dereinz. Inizialmente nelle intenzioni degli ideatori avrebbe dovuto essere un quotidiano. Ben fatto, un occhio rivolto agli alleati, didascalie trilingue sulla prima e sull'ultima pagina, era ricco di disegni, caricature, fotografie e conteneva articoli di interessante fattura. Uscì fino al 1919. Al giornale collaborarono Giuseppe Ungaretti ed Erich K. Suckert (Curzio Malaparte) e per la grafica Golia, pseudonimo di Eugenio Colmo, Faino, Leonetto Cappiello, Manfredini. Gallo, Andreini.   
Uscirono 25 numeri: dal numero 1 datato 8 settembre 1918 al numero 25 del 23 febbraio 1919; l'ultimo numero era composto da 16 pagine.     
 
 
 
               UN IDILLIO  -  Illustratore:  FAINO
 
 
 
         L'ESTREMO " KAMERAD "  - Illustratore: GALLO
 
 
 
 
        BERTA SGOMBERA  - Illustratore: CAPPIELLO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  - Mi pare che si batta in ritirata troppo di frequente!
  - Terteufel! Che idiota! Non capisci che è una ritirata
    strategica e prestabilita secondo i nostr piani?
                    Illustratore:  FAINO 
 
 
    LA PROSSIMA BRECCIA  -  Illustratore: GALLO
 
 
 
 ... Vedo per te e per il tuo popolo quarantanni di miseria...
     G: - E poi?
     -   E poi... vi sarete abituati. 
                Illustratore:  FAINO 
 
 
 
 
 
      - E' FORSE GRIPPE SPAGNOLA?
      - NO. E' GRIPPE DELLA ... MARNA. 
 
 
          S. E. Il Generale DIAZ fra le truppe italiane
 
 
 
 
 
    UN PUGNO DI MOSCHE IN UN PUGNO DI FERRO
                 Illustratore: GALLO 
 
 
  LA PACE AUSTRIACA E' UN PALLONE GONFIATO 
  CON GAS ... ASFISSIANTI.
            Illustratore: ARM.... 
                   
 
 
 LUI. - Mein Gott! Non abbandonarmi: aiutami ancora ed io farò del momdo...
 IL VECCHIO BUON DIO: - .. Il cimitero della Germania, 
 
 
  - NON POTRESTE INVENTARE QUALCHE COSA CHE MI POSSA SALVARE ALMENO... LA PELLE?
 
 
 IL SOLDATO: - Via della Pace?
 IL CONTADINO: - Questa strada vi conduce... Non nc'è da sbagliare.
           Illustratore:  GOLIA 
 
 
   - PARLATE FRANCESE, MIEI BRAVI?
   - NO, GRAZIE... CI BASTA AMMIRARVI!
            Illustratore:  FAINO 
 
 
 
 
 
 
 
 
  CHE QUESTA VOLTA DIVENTI PAZZO DAVVERO?
                  Illustratore:  FAINO 
 
 
 "Chi si leva la maschera muore. Portatela sempre con voi".
 LA MASCHERA SUL VOLTO  E IL MIO RICORDO IN CUORE...
            Illustratore:  ROSALBA 
 
 
 Quando la nave comincia ad affondare, i sorci parassiti s'affrettano a scappare.
                      Illustratore: GALLO 
 
 
 
          EGLI E' LA'   -   Illustratore: GALLO.
 
 
 S. PIETRO. - COME MAI... QUì IN PARADISO?
 I TURCHI.  - SANTO PADRE, SIAMO STATI TUTTI BATTEZZATI
                    NELLE ACQUE DEL GIORDANO... DALL'INTESA!
 
                    Illustratore: GOLIA 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
     IL TOPO IN TRAPPOLA.  Illustratore: GOLIA
 
  L'URAGANO DELL'OVEST  -  Illustratore: LEONETTO CAPPIELLO
 
 
 - CAPISCO L'INGLESE... MA BISOGNEREBBE CHE TU MI FACESSI I GESTI!
              
             Illustratore: MANFREDINI
 
 
 GUGLIELMO, in tono paterno. - Via, calmati Carluccio, in fin dei conti potremo
                                              aprire una vendita di fiaschi!! 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 L'ANGELO DELLA PACE (al Kaiser) - TU MI HAI CHIAMATO? ECCOMI QUA.
 L'ANGELO DELLA MORTE. - UN MOMENTO. CI SONO PRIMA IO!
 
                 Illustratore:  GOLIA
 
 
 
 
 
  GLI ULTIMI PUNTELLI   -   Illustratore: ANDREINI
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 UNA CORONA NEL VORTICE  -  Illustratore: ANDREINI
 
 
 
 EGLI CERCA, MA NON TROVA PIU' IL SUO POPOLO FEDELE.
               Illustratore: GOLIA 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
     IL BACIO DELLA VITTORIA. Illustratore. FAINO
 
 
 QUESTE ROVINE PROVANO BENE CHE HO PREDISPOSIZIONE
 A FAR L'ARCHITETTO.
                Illustratore: GALLO 
 
 
 HINDENBURG. - Feriti nella schiena? Avete dunque voltato le spale al nemico?
 I SOLDATI. - Come voi le avete voltate all'Impero!
                   Illustratore: GOLIA
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 Il topo si ritira dal mondo in un formaggio d'Olanda, non è troppo sicuro.
                            Illustratore; GALLO
 
  
 
 
 Anche tu Impero, figlio mio, mi butti via!! Illustratore: GALLO
 
 
 
 
 
 
             -   Vi ho dato, o cittadini, la pace... eterna.
 
 
 
 
 
 
 QUESTO GUGLIELMO! HA CEDUTO LA CORONA, MA
 SCOMMETTO CHE AVRA' CAMBIATO LE PIETRE! 
           Illustratore: MANFREDINI
 
 
 HINDENBURG. - VIVA LA NUOVA GERMANIA! (fra di sè)
 I CHIODI SARANNO BUONI PER UN'ALTRA VOLTA.
               Illustratore: GALLO 
 
 
 
 
 
 
 
 
 IL COCCODRILLO AMMAZZA L'UOMO E POI LO PIANGE (Proverbio toscano)
                 Illustratore: ANDREINI 
 
 
 
 
 
    IL REGALO DELLA BEFANA. Illustratore: FAINO
 
 
 
         I TRE RE... MOGI     Illustratore: GALLO
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 L'EBREO ERRANTE CAMMINA SOTTO IL PESO DEI SUOI RIMORSI.
                   Illustratore: M. FERRERO 
 
 
 IL CORO DEGLI EROI: "QUESTI EROI - PIENI DI VALOR
                                   GLI AJACI SON ... GLI AJACI SON..."
                  Ilustratore: GALLO 
                
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  L'ULTIMO PROIETTILE.    Illustratore: GALLO
 
 
 IL CITTADINO EBERT. - bRAVI SOLDATI! BRAVI MARINAI!
 NON VI RESTA ORAMAI CHE SBRANARVI FRA DI VOI.
           Illustratore: GOLIA 
 
 
  IL DIPLOMATICO TEDESCO IN ATTESA DI ESSERE CHIAMATO ALLA
  CONFERENZA, SI ESERCITA A CASA SUA...
                   Illustratore:  GALLO
 
 
 
 - LEI SI PRENDE TROPPA LIBERTA' !
 - MA E' APPUNTO PER LA LIBERTA' CHE HO FATTO LA GUERRA! 
 
 
 
 
 
 
 
Conte Gen. Alberico Albricci 
Scoppiata la Prima Guerra Mondiale, prestò dapprima la sua opera in un importante Ufficio del C.S (1915) e dopo aver retto per breve periodo il Comando Brigata Basilicata fu nominato (marzo '16) Capo di S.M. della Iª Armata, carica nella quale si meritò la Croce di Ufficiale dell'O.M.S. per aver ricacciato il nemico durante le operazioni del maggio-giugno '16 nel Trentino. Nel '17 al comando della Vª Div. fu sull'Adamello e diresse la conquista del Corno di Cavento. Comandante del II C.d'A., nella ritirata di Caporetto dal M. Santo raggiunse il Montello sul Piave. Venne in tale circostanza decorato di med. d'argento. Si rivelò condottiero brillante e fortunato sul Fronte Francese, dove il II C.d'A. che egli comandava si coprì di gloria nelle sanguinose giornate di Bligny; in tale occasione aveva al suo comando anche due Divisioni francesi. Ottenne la nomina a "Defenseur" della città di Eperney. In seguito si distinse nella conquista dello "Chemin des Dames", nell'inseguimento del nemico sino alla Mose. Nel dopoguerra (giu.'19 mar.'20) fu Ministro della Guerra, nella difficile e spesso incresciosa opera della smobilitazione. Nel luglio '19 fu nominato Senatore del Regno.