S A V O I A - 1918 - XXVIII┬░ CORPO D'ARMATA

postato da Francesco Maggi [21/10/2013 23:37]
foto
 
  S A V O I A:   1918
  XXVIII°  CORPO D'ARMATA 
   
 
 
    "SUL PIAVE SI VINCE O SI MUORE!" - EMANUELE FILIBERTO DI SAVOIA    
 
 
                                                
 
 
 
Fece la sua comparsa il 27 giugno 1918; ne furono pubblicati 9 numeri dal XXVIII Corpo d'Armata; il nono numero porta la numerazione 9-10 mentre il numero sette era uscito duplice con la medesima data del 20 settembre 1918 ma una prima volta composto di solo due facciate e la successiva con otto facciate; variava però la seconda pagina. Venezia, Off. Graf. C. Ferrari. Aveva il formato di un quotidiano a quattro pagine in bianco e nero con qualche disegno in seppia. Era un giornale serio con molti articoli dedicati alla guerra, avvenimenti, commemorazioni, episodi eroici, elegie sui propri caduti. Nella parte umoristica con disegni in bianco e nero, generalmente non firmati,  non fu mai volgare o salace. Qualche volta stigmatizzò i capovolgimenti che alcuni ideali borghesi subirono a causa della guerra; veniva venduto al pubblico a due soldi la copia.  



 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

L'eco tempestosa della battaglia giunga sino alle case di coloro che attendono in ansia ed in tremore, riassicuri le nostre madri, le nostre spose, le nostre sorelle, le nostre fidanzate, i nostri piccoli bimbi
 
                                   "Savoia!" "Savoia!" "Savoia!"      
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
   
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Il nemico non passerà! Per questo grido di guerra, in nome di Dio e del Re, in nome di questa santa Italia, in nome degli strazi sofferti, del sangue versato, dei morti insepolti, l'invasore del territorio altrui, il rapinatore di ricchezze, il ladro da strada, l'affamatore dei poveri, il violatore di donne, il massacratore di bimbi non passerà.             

 

Non passeranno! Dalle baionette lorde di sangue austriaco e tedesco, dalle artiglieria che tuonano su tutta la fronta, dai petti degli eroi lanciati allo sbaraglio fra il grandinar fitto della mitraglia contro il nemico, non più altezzoso, ma atterrito dall'impeto della minaccia, si leva nuovamente al cielo questo nostro grido, che è il nostro giuramento:

 

                                                       "S A V O I A!"