Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: Jimmy Diottria
Location:

Assistenza allo studio 2018/2019

Ciao a tutti, rinnovo la mia disponibilità ad assistere studentesse e studenti nello studio scolastico. Le famiglie interessate possono contattarmi attraverso il mio indirizzo di posta iacopobalocco@gmail.com. Buona giornata Iacopo

Seguimi su

Twitter
Telegram
Facebook
Google+
Youtube

Informativa estesa

Informativa cookie

Informativa per i lettori

Nel rispetto del provvedimento emanato, in data 8 maggio 2014, dal garante per la protezione dei dati personali, si avvisano i lettori che questo sito si serve dei cookie per fornire servizi e per effettuare analisi statistiche completamente anonime. Pertanto proseguendo con la navigazione si presta il consenso all'uso dei cookie. Per un maggiore approfondimento leggere http://www.garanteprivacy.it/cookie. Pur non conoscendo nel dettaglio le dinamiche di gestione dei dati del servizio di hosting a cui mi appoggio, posso affermare che il sottoscritto si vuole avvalere solo ed esclusivamente di cookie tecnici che sono indispensabili per fornire servizi ed effettuare analisi statistiche completamente anonime e di social icon che consentono di condividere gli articoli sui social network (consiglio di leggere le normative di ogni singolo social in materia di cookie: Twitter, Facebook, Googleplus, Linkedin, Tumblr, Pinterest, ecc.). Questo spazio di comunicazione non vuole utilizzare gli utenti, e i loro relativi dati, per sviluppare campagne di marketing personalizzato pertanto qualsiasi diverso utilizzo dei cookie (quelli di profilazione) non dipende dal blog ma da soggetti esterni al blog che chiaramente sono ignoti al sottoscritto. Se non si accettano tali condizioni è possibile abbandonare il blog oppure non condividere sui social gli articoli ovvero disattivare i cookie direttamente dal proprio browser.

Questo blog è pizzaware!

Quello che leggi qui vale una fetta di pizza? Allora aiutami a mantenere vivo questo blog offrendomi un impegno didattico, una consulenza, un'attivita' di laboratorio, ecc. Sono bravo con la tiflodidattica e la tifloinformatica e non sono male ad insegnare il Braille.

Amministrazione

LOGIN

Skype Me™!

UICI. Commissione Istruzione Formazione

Coordinatore: Marco Condidorio. Referente: Daniela Floriduz. Componenti: Silvana Piscopo, Francesco Busetti, Giuseppe Lapietra. Coordinatore regionale del Lazio per i problemi dell'istruzione: Iacopo Balocco. Rappresentante degli insegnanti per il sostegno presso l'U.T.C. per il Lazio: Angela Lucinio.

SlideShow

5 per 1000

Jimmy Diottria sostiene l'Associazione di solidarietà per i ragazzi ciechi del Togo che puoi visitare su http://www.grupposanfrancesco.org/

In evidenza

Linee Guida sull'Integrazione Scolastica
Regolamento sulla valutazione degli studenti
Obbligo di istruzione: il modello di certificato delle competenze
La riforma della Scuola Secondaria Superiore
Provincia di Roma. Assistenza specialistica alunni disabili sensoriali

Audiolibri Libri digitali

Per avere una panoramica esauriente sull'argomento Audiolibri e Libri digitali vi invito a visitare il mio blog http://ntdlazio.blogspot.com/

Libri Tattili

Scopriamo le forme con il ditino?
Storie di carta
Libri tattili (Fnipc)
Elisa Lodolo
Il libro nero dei colori
APTICA Alla scoperta del libro tattile illustrato

Braille

Invito al Braille
Co.Bra.
Braille Teacher
Braille Translation
Braille Flashcards
Online Braille Generator
Scrivo e leggo con i puntini (testo)
Il Braille: aspetti percettivi, linguistici e neurologici
L'ABC della scrittura Braille

Tastiera PC

10dita (NV)
TutoreDattilo (IPO)

Greco

Latino e greco per persone con ridotta capacità visiva
Accessibilità del Gi-Montanari
Sintesi vocale per il greco antico (LC "A. Volta")
BrailleKoiné (Cavazza)
BrailleKoiné (Liceo San Carlo)
Biblos. Videoscrittura
Accessibilità del Gi-Montanari (Cavazza)
Progetto Leggere
Manuale BrailleKoinè

Disegno

Tactile Vision onlus
Immagini da toccare. Proposte metodologiche
Stampare in 3D

Matematica

Braillemat (NV)
Lambda (progetto)
Quaderno a quadretti (IPO)
L'insegnamento della matematica ai ciechi
Geometria tra le mani
INFTYReader (OCR)
Giant calculator
Lambda (acquisto)
OCR Infty
Imparare Lambda

Musica

BME2. Braille Music Editor 2
Toccofinale
Manuale internazionale di notazione musicale braille

Software libero

ZoomLinux (IPO)
Kit Ipovisione(IPO)
Eldy (IPO)
Accesso Facilitato Windows
Accesso Universale Apple
Malossi
Virtual Magnifying Glass (IPO)
Bright Ubuntu
Nvda (NV)
WinGuido
Optical Braille Recognition
Biblos
ItalBra
Wintalbra
Progetto ViVo
WebbIE
Progetto Braille Koiné
Progetto INFTY2Braille
Eyes-Free Android
WinLucy

Apple

Accessibilità (web)
AssistiveWare (web)
Mac e Ipovisione (web)
Manuale di VoiceOver in Italiano (pdf)
Universalaccess (web)
Apple VoiceOver
Accessibilità (vista)

Materiale didattico

FNIPC - Federazione Nazionale delle Istituzioni pro Ciechi
Centro Regionale Tiflotecnico del Lazio
Istituto dei Ciechi di Milano
Lega del Filo d'Oro
Centro Informatico per la Sperimentazione degli Ausili Didattici
Libri Tattili Illustrati

Biblioteca libera

Tecnologia e integrazione dei disabili visivi e dei pluriminorati
Accessibilità Guida completa
Guida alle Agevalazioni Fiscali
Un Bambino da Incontrare
Crescere insieme. Guida per genitori
Le problematiche dell'integrazione del non vedente nella scuola. Guida per insegnanti
Tiflologia per l'Integrazione (1994 - 2011)
Cosa vede il mio bambino
Testa la tua vista
Tiflologia per l'Integrazione (1999 - 2001)
La mobilità autonoma dei ciechi ed ipovedenti
Passo dopo passo
Progettare per l'autonomia
Lo sport integrato. Una nuova opportunità per gli studenti disabili visivi
La comunicazione con i bambini disabili visivi pluriminorati
Disabilità visive: implicazioni sull'apprendimento e nella vita di relazione
Uiciechi.it
Percorsi e segnali tattili - Sistema Loges
Ipovisione e barriere percettive
Questione di leggibilità
Non così ma ... così
La complessità del mondo degli ipovedenti: una indagine esplorativa
Introduzione alla sindrome di Usher
La comunicazione
Gli ausili
Ausili per la riabilitazione di ciechi e ipovedenti
Con le penne matite ed occhiali ... giocando s'impara (manuale)
Con le penne matite ed occhiali ... giocando s'impara (schede operative)
Pubblicazioni A.P.R.I.
Mario Mazzeo
Ricodificazione della realtà su canali sensoriali alternativi in soggetti disabili visivi
Appropriatezza nella prevenzione, diagnostica e terapia in oftalmologia
Illustrazioni accessibili

Orientamento, mobilita' e autonomia personale

O.M.A.P. nell'ambito dell'eta' evolutiva
Ipovisione e barriere percettive
Progettare per l'autonomia
Passo dopo passo
La mobilità autonoma dei ciechi ed ipovedenti
Linee Guida per il Superamento delle Barriere Architettoniche nei Luoghi di Interesse Culturale
Sistema Vettore. Ricerca sullo studio di una pavimentazione tattile
Tecniche di guida
Sistema Loges
Manuale di protezione civile (audiolibro)
Il sistema tattile LVE

In giro per

Ass. Museum
Roma per tutti
Handy Turismo
AscoltArte
Roma (1 CD Audio)
AudioGuida Free (mp3)
Viaggiare informati nei Castelli romani (mp3)
Musei Capitolini. Storia del Campidoglio, della piazza e dei palazzi
Musei Capitolini. Storia delle collezioni
Mercati di Traiano. Introduzione

Genitori

Comitato dei genitori dei minori soci dell'UICI Roma
Chiara e Simone
GeniTin - Associazione dei Genitori per la Terapia Intensiva Neonatale
Associazione SOD Italia

Associazioni

UICI - Consiglio Regionale Lazio
UICI - Sezione Roma
ADV - Associazione Disabili Visivi
ANPVI - Associazione Nazionale Privi della Vista e Ipovedenti
MAC - Movimento Apostolico Ciechi
IAPB - Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità
IRiFoR - Istituto per la Ricerca e la Formazione e la Riabilitazione
Lega del filo d'oro
UICI - Sezione Frosinone
UICI - Sezione Latina

Centri di formazione

Master Universitario in Educatore esperto per la disabilità sensoriale (VR)
Scienze della Formazione Primaria
SSIS Lazio
Accreditamento Regione Lazio - S. Alessio

Centri di servizio

Istituto Statale "A. Romagnoli"
Centro Nazionale del Libro Parlato
Centro Regionale S. Alessio - Margherita di Savoia

Centri di consulenza

Centro di Consulenza Tiflodidattica
Centro di Documentazione Tiflologica
Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap

Centri privati

Centro Argos
La mia luna
Maria Luisa Gargiulo

Newsletter

UicRomaInforma
LeoNews
Rassegna stampa quotidiana sul mondo della disabilità

Liste di discussione

ListaVista
Ipovisione
Educatori S. Alessio
Uic-HelpExpress
UicTech
Mbx
Mac e Ipovisione
Educatori Uici Viterbo

Audiodescrizioni

Audiodescrizioni Rai
Cineteca Audio

Archivio

Conta visite

Il Blog è nato il 16/02/2009

Perché non ci convincono quelle modifiche al Decreto sull'inclusione scolastica

postato da Iacopo [27/05/2019 16:44]
Suscitano, secondo noi, diverse perplessità le proposte di modifica del Decreto Legislativo 66/17 approvate recentemente dal Consiglio dei Ministri. Che in quel Decreto ci fosse parecchio da correggere era fuori discussione, ma ovviamente poi bisogna vedere cosa e come si corregge.
Partiamo dunque con i punti maggiormente sbandierati nei vari proclami ufficiali, ma vediamo anche alcuni aspetti, forse secondari, e tuttavia per nulla banali.

1. Viene celebrata la nascita del GLO, Gruppo di Lavoro Operativo, ma di nuovo c'è solo l'ufficializzazione del nome, visto che si tratta del Gruppo di Lavoro che definisce, approva e verifica il PEI (Piano Educativo Individualizzato) di ogni singolo alunno con disabilità, previsto fin dalla Legge 104/92.
In realtà una novità c'è, già prevista nella versione del 2017 di questo Decreto, ed è la fine della gestione congiunta scuola-ASL del progetto educativo. Per gli specialisti non è più prevista neppure la partecipazione agli incontri di programmazione, ma solo un generico e imprecisato «supporto» e tutto il processo che porta ai PEI è gestito solo dalla scuola, come per i Piani Didsttici Personalizzati (PDP) dei DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento).
Su questo punto le Associazioni non hanno mai fatto obiezioni e quindi era difficile aspettarsi qualche novità da questa modifica del Decreto. E così ovviamente è stato.

2. Viene nettamente ridimensionato il ruolo dei GIT (Gruppi per l'Inclusione Territoriale), ma veramente, come si sente dire, sarà il GLO, il Gruppo di Lavoro Operativo, ossia la scuola, a decidere quante ore di sostegno spettano a una classe? No: il GLO propone, ma non decide.
Cosa succede se - evento per nulla raro come ben si sa - nelle scuole si chiede sempre il massimo per tutti? La risposta si trova nelle due righe dell'articolo 10, comma 2 dello schema di Decreto: «L'ufficio scolastico regionale assegna le risorse nell'ambito di quelle dell'organico dell'autonomia per i posti di sostegno. Decidono loro, punto. E senza neppure bisogno di spiegare o argomentare. E contraddicendo la Sentenza 80/10 della Corte Costituzionale che ha stabilito che non si possono applicare limiti predefiniti alla dotazione degli insegnanti di sostegno, essendo l'istruzione un diritto fondamentale.
In questo modo sarà confermata purtroppo la situazione, profondamente iniqua, che conosciamo: le famiglie che possono si rivolgono al Giudice e qualcosa ottengono, mentre le altre si spartiscono quello che resta. Saranno contenti gli avvocati!
Nonostante le tante criticità, il GIT rappresentava almeno un tentativo per superare il problema, soprattutto se si riusciva a creare un rapporto vero, non burocratico, con le scuole, basato sulla responsabilizzazione di tutti affinché le risorse andassero davvero dove servivano.

3. A nostro parere non si sentiva proprio la mancanza di un PEI provvisorio da approvare entro il mese di giugno (nuovo comma 2 g dell'articolo 7). Se a fine anno si fa una seria verifica del PEI, questa già contiene le indicazioni che possono servire al Gruppo di Lavoro Operativo dell'anno successivo per progettare gli interventi in modo adeguato. Gli adempimenti burocratici inutili non migliorano l'inclusione, anzi...

4. Porre fine al continuo carosello di insegnanti di sostegno, soprattutto tra i molti assunti con contratto annuale, è da tempo una delle esigenze più sentite delle famiglie: è l'annosa questione della mancata continuità didattica.
Nelle prime elaborazioni di questo Decreto si parlava di obbligo di permanenza nel sostegno per dieci anni, poi si è passati a cinque, ma sullo stesso alunno, poi è rimasto in pratica solo l'articolo 14, comma 3, che autorizzerebbe i Dirigenti Scolastici a confermare sullo stesso posto i supplenti annuali di sostegno nell'interesse dell'alunno e l'eventuale richiesta della famiglia. Un provvedimento che ha fatto sperare - illudere, possiamo dire oggi - centinaia di famiglie che ogni anno scaricano i modelli da internet, li compilano e li inviano fiduciosi al Dirigente Scolastico. Tutto inutile, perché per rendere operativo il Decreto serviva l'approvazione di un regolamento che non è mai passato e che nessuno ha mai veramente voluto, e quindi tutto è ancora bloccato.
Cambia qualcosa con le modifiche ora proposte? Sì, ma riteniamo in peggio: infatti, la possibilità di conferma per i precari si applica adesso solo se gli insegnanti di sostegno sono specializzati, ignorando, o facendo finta di ignorare, che in molte Regioni d'Italia quasi tutti gli insegnanti assunti in questo modo sono non specializzati. E a questo punto l'annosa storia degli interventi promessi per garantire la continuità assume decisamente per i genitori le caratteristiche di un'amara presa in giro.

5. In tanti si dava per scontato che una correzione del Decreto 66/17 coinvolgesse anche l'articolo 2, quello che, dopo avere detto nell'articolo precedente che l'inclusione riguarda tutti, afferma che: «Le disposizioni di cui al presente decreto si applicano esclusivamente alle bambine e ai bambini della scuola dell'infanzia, alle alunne e agli alunni della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado, alle studentesse e agli studenti della scuola secondaria di secondo grado con disabilità certificata ai sensi dell'articolo 3 della legge 5 febbraio 1992, n. 104». Ma in realtà nulla è cambiato.
Può essere che solo a noi appaia strana l'idea di un'inclusione destinata solo a un gruppo ristretto, ma davvero non riusciamo a capire come si possa applicare solo agli alunni con disabilità certificata l'articolo 4 sulla valutazione della qualità dell'inclusione scolastica, l'articolo 8 sul piano per l'inclusione, l'articolo 9 sui vari gruppi per l'inclusione, l'articolo 13 sulla formazione in servizio e, addirittura, l'articolo 16 sull'istruzione domiciliare.
Dopo anni di discorsi sui bisogni educativi speciali, sulle difficoltà e i disturbi di apprendimento, sulla didattica inclusiva per tutti... possibile che dei princìpi dell'inclusione non sia rimasto proprio nulla?

6. All'articolo 9 viene aggiunto il comma 11 sulla partecipazione al GLO degli studenti con disabilità: «All'interno del Gruppo di Lavoro Operativo, di cui al comma 10, è assicurata la partecipazione attiva degli studenti con accertata condizione di disabilità in età evolutiva ai fini dell'inclusione scolastica nel rispetto del principio di autodeterminazione».
Belle parole, ma in pratica cosa vuol dire? Qualcuno pensa davvero che sia possibile «assicurare», ossia garantire a tutti, in ogni caso, la partecipazione "attiva" di queste persone a dei gruppi di lavoro? E ricordiamo che chi rappresenta legalmente il ragazzo, finché è minorenne, sono i genitori. Un conto sono indicazioni educative che sostengono l'autonomia e l'autodeterminazione, un altro è assicurare per legge dei diritti che all'atto pratico risultano impossibili da garantire.
Se lo studente è maggiorenne ovviamente partecipa lui agli incontri, ma per questo non serve un nuovo Decreto, basta il Codice Civile.

7. Infine, l'istruzione domiciliare: il comma 2 ter, aggiunto all'articolo 16 può creare molti problemi: «Dall'attuazione delle modalità di svolgimento del servizio dei docenti impegnati nell'istruzione domiciliare, di cui ai commi 1 e 2-bis non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica».
Non è detto che nel progetto di istruzione domiciliare degli alunni con disabilità si debbano utilizzare solo insegnanti di sostegno: anche per loro, se serve, deve essere possibile avere contatti con tutti i propri insegnanti. L'istruzione domiciliare ha finanziamenti specifici (Decreto Legislativo 63/17, articolo 8) e poterli usare per tutti, ma non per gli alunni con disabilità, rappresenta un evidente e incomprensibile atto di discriminazione.

di Flavio Fogarolo e Giancarlo Onger

(fonte: https://www.superando.it/2019/05/24/le-modifiche-al-decreto-sullinclusione-scolastica-il-dibattito-e-aperto/)