Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: La stoffa giusta
Location:

COOKIE POLICY

COOKIE POLICY

COOKIE POLICY

I cookie sono file che possono venire salvati sul computer dell’ utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su internet, per esempio smartphone o tablet) quando esso visita i Siti Web. - Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene e la “durata vitale” del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell’utente). - Si specifica che il presente blog è ospitato dalla piattaforma ARUBABLOG, pertanto la maggior parte delle informazioni personali e relativi cookie sono visibili e gestiti da Aruba. Nessun file cookie degli utenti, visitatori o utilizzatori del sito è presente, conservato o visibile all’ amministratore del presente blog. ------- Cookie di terzi parti - Questo sito potrebbe contenere link o riferimenti per l’ accesso ad altri siti Web e/o condivisione con altre applicazioni e social network. Non è possibile controllare i cookie/le tecnologie di monitoraggio di terzi ai quali la presente Cookie Policy non si applica. È possibile disattivare i cookie di terze parti dalle preferenze del browser.

Archivio

RICERCA

Ultimi Commenti

Calendario

Conta visite

Contatti

Generale - info@lastoffagiusta.it │ Rossana - rossana@lastoffagiusta.it │ Webmaster - vasto2000@alice.it

Altri siti interessanti

Quilt Italia
Alexandra Editrice
Il Giardino di Angiolina
My3Place
Le borse di Gaya
Io cucio italiano

Qualcosa si deve pur fare

postato da Rossana [15/09/2012 11:31]

Quest'anno niente Festival of Quilts a Birmingham per me. L'arrivo in Inghilterra di un gran numero di visitatori per le olimpiadi di Londra non prometteva niente di buono: ressa, caos, e prezzi alti.

Che fare allora? Allora vado giù a cucire, che fa più fresco, e magari ci scappa pure un gelato ogni tanto.

Ho aperto la mia cassaforte: scoppiava di stoffe.

Agosto non è un mese buono per imbastire delle coperte patchwork, non c'è, come dire, lo spirito giusto. Neanche dei quadri mi andava di fare: la natura circostante mi stava surclassando.

Perciò ho deciso di utilizzare, nel più tradizionale spirito patchwork, tutti i ritagli dei ritagli degli avanzi di recupero, per realizzare qualcosa di utile: delle borse.

Passare al tridimensionale non è facile, me n'ero già accorta, ma di tempo e di occasioni per sbagliare ne avevo a iosa, così, un po' inventando, un po' copiando, un po' indovinando, mi sono fatta scappare dalle mani queste piccole cose, le quali hanno in comune la caratteristica di essere tutte diverse.

 







Certo è che non potrei rifarne di uguali.

Per prima cosa non ho più quelle stoffe, e poi non sono sicura di ricordare bene come le ho realizzate. Il più delle volte amo prendere in mano un francobollo di stoffa, avvertirne la solitudine, e desiderare di circondarlo di coloratissimi fratelli. E allora le mani agiscono di loro iniziativa, mi precedono, e a me resta il piacere di ammirare ciò che ne nasce.

Certo, le borse le ho fatte io, però era l'io dei "quel" momento, forse non perfetto, ma unico e irripetibile, come dovrebbero essere tutti i momenti della nostra vita. A chi andrebbe o sarebbe capace di rifarla uguale?

P.S. Non è mica finita qui...