Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: La stoffa giusta
Location:

COOKIE POLICY

COOKIE POLICY

COOKIE POLICY

I cookie sono file che possono venire salvati sul computer dell’ utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su internet, per esempio smartphone o tablet) quando esso visita i Siti Web. - Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene e la “durata vitale” del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell’utente). - Si specifica che il presente blog è ospitato dalla piattaforma ARUBABLOG, pertanto la maggior parte delle informazioni personali e relativi cookie sono visibili e gestiti da Aruba. Nessun file cookie degli utenti, visitatori o utilizzatori del sito è presente, conservato o visibile all’ amministratore del presente blog. ------- Cookie di terzi parti - Questo sito potrebbe contenere link o riferimenti per l’ accesso ad altri siti Web e/o condivisione con altre applicazioni e social network. Non è possibile controllare i cookie/le tecnologie di monitoraggio di terzi ai quali la presente Cookie Policy non si applica. È possibile disattivare i cookie di terze parti dalle preferenze del browser.

Archivio

RICERCA

Ultimi Commenti

Calendario

Conta visite

Contatti

Generale - info@lastoffagiusta.it │ Rossana - rossana@lastoffagiusta.it │ Webmaster - vasto2000@alice.it

Altri siti interessanti

Quilt Italia
Alexandra Editrice
Il Giardino di Angiolina
My3Place
Le borse di Gaya
Io cucio italiano

Quella sporca dozzina

postato da Rossana [23/06/2013 21:16]

Tra un quilt e l'altro mi sono divertita a realizzare una serie di borse seguendo i dettami del patchwork, cioè recuperando vecchi indumenti smessi, avanzi dei campionari e i ritagli dei ritagli, compresi i bottoni e più di qualche cerniera lampo.

Ecco qua la mia collezione Estate-Carnevale 2013 composta da 12 articoli del modello BaliGo.

Perché ho scelto questo nome? Non si tratta di una mia invenzione, ma è anch'esso frutto di un recupero, stavolta culturale invece che tessile.

"El bàligo de straza" (anche noto come "tuorba") era un contenitore a spalla legato alla vita, adatto per tutti gli usi di campagna, una pratica borsa che lasciava sempre le mani libere per lavorare. Ci si poteva riporre la frutta o le olive appena raccolte, qualche arnese, il pranzo, ecc. Capitava pure che venisse riempito di cenere calda e semola abbrustolita per fungere da rustico cataplasma.

Ho cercato di conservare la praticità secolare di questa sacca a spalla e di aggiungervi delle tasche, sia esterne che interne, per tutti quegli oggettini che la vita moderna ci impone di trascinarci dietro. E' ovvio che al posto della grezza tela ho utilizzato dei materiali più fini (comunque molto resistenti) e ho lasciato libera la mia fantasia di creare delle combinazioni cromatiche in grado di non far sfigurare questa Cenerentola alla serata del gran ballo.

 

 

Dall'Africa misteriosa, il nero e l'avorio per questa BaliBlack

 
 
 
 
 
 
Per "aficionados" delle Harley-Davidson la BaliBiker è perfetta, tutta in pelle, con borchie metalliche e frangette.
 
 
 
 
 
 
Colori freddissimi per BaliBrr, un tuffo nell'acqua gelida.
 
 
 
 
 
 
BaliMan, per l'uomo che non deve chiedere mai... dove ha messo le chiavi, oppure gli occhiali, la penna, l'agenda, il telefonino...
 
 
 
 
 
 
Tutte le sfumature del cacao per questa BaliMaya.
 
 
 
 
 
 
Se non si vuole dare nell'occhio l'ideale è mimetizzarsi, e anche la borsa Baleaves fa egregiamente la sua parte.
 
 
 
 
 
 
Sassi, piestre e schegge di marmo per questa BaliStone.
 
 
 
 
 
 
Non so voi, ma a me questi colori fanno venire in mente gli indiani d'America, e così l'ho chiamata Baliux.
 
 
 
 
 
 
Se ci sono gli indiani non possono mancare i cowboy. BaliWest, non poteva essere altrimenti...
 
 
 
 
 
 
La borsa preferita da Lady Marian: BaliWood
 
 
 
 
 
 
Secondo voi, come potevo chiamarla questa borsa? BaliLove.
 
 
 
 
 
 
Troooppo dolci queste sfumature, sembrano quelle di una caramella, di un bonbon al gusto India: BaliCandy

 
 
 
 
 
 
Per realizzare questa mia "sporca dozzina" di borse, anzi di balighi, ho saccheggiato cassetti dimenticati e campionari dispersi, ho fatto a fette vecchi giacconi e nobili gilet caduti in disgrazia, ho dissepolto piccoli tesori nascosti e ridato luce a qualche lustrino, ho dato fondo alla mia alternante fantasia e messo a dura prova la mia non infinita pazienza, ho comunque sempre assecondato il mio bisogno innato di recuperare, riciclare, riutilizzare, fedele al motto "della stoffa non si butta via niente".
Ma... e adesso, che me ne faccio di 12 borse?