Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: La stoffa giusta
Location:

COOKIE POLICY

COOKIE POLICY

COOKIE POLICY

I cookie sono file che possono venire salvati sul computer dell’ utente (o altri dispositivi abilitati alla navigazione su internet, per esempio smartphone o tablet) quando esso visita i Siti Web. - Di solito un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene e la “durata vitale” del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell’utente). - Si specifica che il presente blog è ospitato dalla piattaforma ARUBABLOG, pertanto la maggior parte delle informazioni personali e relativi cookie sono visibili e gestiti da Aruba. Nessun file cookie degli utenti, visitatori o utilizzatori del sito è presente, conservato o visibile all’ amministratore del presente blog. ------- Cookie di terzi parti - Questo sito potrebbe contenere link o riferimenti per l’ accesso ad altri siti Web e/o condivisione con altre applicazioni e social network. Non è possibile controllare i cookie/le tecnologie di monitoraggio di terzi ai quali la presente Cookie Policy non si applica. È possibile disattivare i cookie di terze parti dalle preferenze del browser.

Archivio

RICERCA

Ultimi Commenti

Calendario

Conta visite

Contatti

Generale - info@lastoffagiusta.it │ Rossana - rossana@lastoffagiusta.it │ Webmaster - vasto2000@alice.it

Altri siti interessanti

Quilt Italia
Alexandra Editrice
Il Giardino di Angiolina
My3Place
Le borse di Gaya
Io cucio italiano

Quilting Day - Seconda parte

postato da lastoffagiusta [29/12/2012 21:33]

 

Puntata precedente: QUILTING DAY - PRIMA PARTE

 

Castelfranco Veneto, stazione ferroviaria.

Insiste a piovere.

Piove sui tetti e sui muri
piove sul lungo viale
piove sugli alberi oscuri
con ritmo triste e uguale

Alt, questa non è farina del mio sacco, è un pezzetto di una poesia di Ada Negri.

Comunque piove lo stesso.

Arriva il treno, finalmente. Il treno regionale R20762 proveniente da Venezia Santa Lucia e diretto a Bassano del Grappa è in arrivo sul binario 1, attenzione, allontanarsi dalla linea gialla. Signori in carrozzaaaa, si parteeeeee. E le signore?

Dato che dal finestrino vedo scorrere un paesaggio fosco e poco interessante, mi guardo un po' attorno. Il vagone, a due piani, è quasi vuoto; chi vuoi che vada a Bassano in una giornata come questa? Però, con un minimo sforzo di fantasia, me lo immagino come sarà l'indomani: zeppo di pendolari, lavoratori e studenti assonnati all'andata e sciupati al ritorno, ognuno di loro con i suoi pensieri, i suoi problemi, le sue preoccupazioni, mentre io me ne sto qui, in gita di piacere (beh, i gusti sono gusti), con la prospettiva di vedere qualcosa di bello. Allora, per non peccare di ingratitudine verso la mia buona sorte, vivo questo vagone disadorno e un po' malmesso come se fosse una lussuosa carrozza che mi porta alla festa, una festa per gli occhi, ovviamente.

Bassano del Grappa, capolinea, si scende.

Piove.

Scruto il cielo; le nuvole ci sono, come mi aspettavo. Solamente nelle poesie di Montale piove da un cielo senza nuvole. Almeno non tira vento come l'altra volta, quando c'era un tempaccio che trasformava l'ombrello in un accessorio utile quanto il cono gelato autorotante motorizzato.

Caffettino di incoraggiamento e quindi mi metto in cammino. Toh, sul Ponte Vecchio stanno facendo della musica, se ne sentono le note in lontananza già dalla discesa che conduce al Brenta; arrivo sul ponte, e giusto al centro di questo noto un capannello di gente che ascolta assorta; strano, sembrerebbe il suono di un pianoforte; è vero: un pianista in vestito di gala sta suonando un mezza coda; rabbrividisco; mentre gli astanti si beano delle arie orecchiabili che escono dal pianoforte, non riesco a restare insensibile alle sofferenze che deve provare quel delicato strumento, sadicamente esposto alle arie umide provenienti dal cielo e dal fiume. Meglio che passi avanti, potrebbe scapparmi qualche osservazione acida e assai offensiva.

Via Angarano, ci siamo quasi... vedo il cartellone... Quilts d'inverno, Casa Patchwork & Quilting... un grande portone... entro... mi guardo attorno, e capisco.

Sì, solamente ora comprendo due cose importantissime (che volete farci, so' de coccio).

La prima rivelazione mi chiarisce il motivo per cui Giuliana Nicoli era un po' giù di morale l'altra volta. Non era solamente per via del fatto che si ritrovava ammaccata da un piccolo incidente di percorso (son cose che capitano ai vivi), ma perché soffriva per una collocazione inadeguata, assolutamente non commisurata con gli spazi necessari per ammirare i patchwork come si conviene. In quelle cantine, anche se suggestive, i lavori del suo gruppo soffrivano, pativano la mancanza d'aria, si rubavano gli spazi e gli sguardi. Già allora faticai a immaginare quali salti mortali (con la gamba acciaccata poi) Giuliana fosse stata costretta a compiere per sistemare accettabilmente i lavori in mostra (v. articolo). Stimando il suo desiderio di perfezione pari alla qualità dei suoi lavori, e provando anch'io spesso (troppo spesso) fastidio quando un'opera non viene valorizzata come merita, mi sorprendo che allora non abbia mandato tutti a quel paese.

Stavolta invece è tutta un'altra musica, anzi è una sinfonia di colori.

Guardate un po' che ambientazione. (Cliccare sulle immagini per ingrandirle)

 

Il Palazzo Bonaguro è un imponente edificio del XVI secolo, con grandi saloni e ricche decorazioni interne, statue, busti, e soffitti decorati.
Qui una porta non è solamente "una porta", è una cornice che esalta i lavori esposti (come se ce ne fosse bisogno...).

 


Le opere esposte si sposano perfettamente con l'ambiente, rispecchiandone la sontuosità e la ricercatezza.



 
Vorrei iniziare con qualcosa di nuovo, i patchwork di tanto tempo fa, dalla collezione privata di Giuliana Nicoli. Per apprezzarli meglio bisognerebbe ricordarsi i mezzi a disposizione di chi li ha realizzati: niente rotary cutter, macchina longarm, tappetino rotante, doppio trasporto, matita cancellabile, carta adesiva riposizionabile, righelli personalizzati, batik, ecc.
Nel loro armamentario solamente delle squadre di legno, un paio di forbici nere, un nastro metrico, aghi che presto si spuntavano e altrettanto presto si piegavano, stoffe di recupero e il tavolo da cucina come laboratorio; all'epoca una macchina a cucire a pedali era già un lusso. Dopo aver sparecchiato, lavato, stirato e caricato la stufa, avevano ancora la buona voglia e la forza di mangiarsi gli occhi alla luce tremolante di una lampada a petrolio.


 Double Wedding Rings

 


Bow Tie

 


Star of Virginie

 


Crazy

 

 


Passiamo alle meravigliose opere realizzate dall'associazione Casa Patchwork & Quilting, una serie di coperte matrimoniali.


Il blocco Double Wedding Rings si presta sempre molto bene per la realizzazione di lavori molto grandi.


Il blocco Dresden Plate invece ha il vantaggio di offrire più varianti compositive. Si va da questi coloratissimi ventagli realizzati da M. Elisa Bonato,...

 

 
... a un motivo floreale realizzato (e perfettamente quiltato) da Morena Beninca, ...


... per finire con questo "classico" di Flora Burello, la quale si è ispirata ai patchwork degli anni '30.


 
Clara Gatti sentiva aria di primavera quanto ha assemblato questo quilt basato su un Log Cabin personalizzato. Bei colori, fanno sperare che l'inverno passi presto.
  


I lavori "Baltimora" si caratterizzano spesso per i loro colori vivaci, appariscenti, mentre Adriana Stoppiglia preferisce delle soffici nuances che vanno dal beige al rosa.



 
Colori sicuramente più decisi per questa costellazione realizzata da Fabiola Cucarollo.



L'inverno a Bassano è probabilmente molto rigido, e perciò la primavera non arriva mai troppo presto. Anche Antonella Sartore la va cercando per mezzo di questo fantasioso quilt.


 
Ecco una coperta che utilizza il blocco 54-40 or Fight (che strano nome!). Complimenti a Mara Tasca per la non comune scelta cromatica.


Una galassia di Pinwheel e Ohio Star per la notte stellata di Alessandra Mattesco.


 
Forse Mara Tasca si è ispirata a Malevich per questo suo doppio quadrato.



Ehi, c'è anche la poltrona di Fracchia! Buona l'idea, da prendere nota per il futuro...

 

Ecco una originalissima idea di Mariangela Fraccaro, una finestrella su un patchwork, un piccolo tumbler che è talmente esatto da sembrare un intarsio di radica anziché una composizione di stoffa,  e un appendi... quello che si vuole della nonna. Complimenti!
 
 

 

Dal piccolo al grande, questo variopinto Tumbler di Giuliana Nicoli. Un classico. Nessun effetto speciale, solamente armonia cromatica e precisione esecutiva.

 

In the blue. Ecco un originale giardino Baltimora di Mariangela Fraccaro.

 
Dettaglio




La sorpresa maggiore mi aspetta al piano superiore. Salgo le scale...


Ecco cosa mi si para davanti agli occhi: ben 75 elementi associati in un lavoro che rappresenta le quattro stagioni. Da restare senza fiato. Si tratta del più grande lavoro di gruppo che abbia mai visto in Italia e, lasciatemelo dire, il più riuscito. E' un vero peccato che non capiti più spesso di trovare un tale spirito di collaborazione, e anche di emulazione, la predisposizione a condividere la sensibilità, e la curiosità per un risultato inatteso e perciò sempre sorprendente.
Non si tratta di un exploit, ma di arte. Quest'ultima non consiste nel realizzare un'opera espressiva nel rispetto dei limiti materiali e dimensionali, e nemmeno nell'atto di ignorarli per superarli a cuor leggero. L'artista conosce benissimo i limiti entro i quali si muove, ma la sua abilità sta nel farli sparire, renderli invisibili all'osservatore in modo che tutta l'attenzione sia rivolta all'opera finita, e non alle sue difficoltà realizzative. Come una statua in marmo non rivela tutta la fatica dello scultore, e un quadro non mostra le mani del pittore mangiate dalla trielina, così sembra che questi banner si siano generati da soli, cresciuti qui, in questo salone del Palazzo Bonaguro, dove hanno trovato il loro habitat perfetto. 
Dettaglio - L'ultima neve di Marzo. Aprile e la primavera sono alle porte



Dettaglio - Il caldo sole di Luglio

Girando per la mostra, la seconda cosa che comprendo è Giuliana Nicoli. Non temo di confessare che che talvolta l'ho giudicata esigente, incontentabile, rigorosa, e adesso mi rendo conto che lei ha tutti i diritti di esserlo, anzi, guai se non lo fosse.

Quando si espongono più di trenta coperte matrimoniali, quasi tutte realizzate con tecniche e blocchi tradizionali, sono solamente l'accuratezza tecnica, la cifra stilistica e l'armonia compositiva, gli strumenti che riescono a catturare l'attenzione ogni volta che si posa lo sguardo su un patchwork.

Le lettere del nostro alfabeto sono solamente ventuno, ma per mezzo di quei ventuno sgorbi, di quei soli ventun suoni, gli scrittori hanno liberato la fantasia affinché essa generasse trame avvincenti, i poeti hanno steso i loro versi per dare forma comprensibile all'animo umano, i filosofi hanno estratto gli inestimabili tesori che la superstizione e l'ignoranza volevano celare, e un bimbo recita una filastrocca in grado di invertire il corso del tempo che ci rende così indifferenti.

Ma anche conoscendo tutte le lettere, tutte le parole che con quelle si possono costruire, e il loro esatto significato, se non c'è occhio nell'accostarle, né accuratezza grammaticale, e nemmeno abbastanza fantasia per riprodurre i suoni che evocheranno quando saranno lette, allora non c'è speranza di andare al di là di una fattura commerciale, di una cartolina di saluti, o di un plagio poco originale.

Così Giuliana e le sue amiche non vanno in cerca dell'effetto speciale, del coup de théâtre seducente e risolutivo, dell'ultima folata di moda, ma si affidano al caro vecchio alfabeto che, da quando è nato il patchwork, narra storie di dedizione, pazienza, estro, e desiderio di bellezza, anche negli ambienti più ostili, negli anni più bui, quando la fantasia sembra un lusso.

L'alfabeto utilizzato ha le forme della geometria piana, quella insegnata nei primi anni di scuola, quando si impara anche a leggere e a scrivere, e ha i suoni del colore, l'esperanto primordiale che anche un bimbo dell'asilo sa istintivamente usare.

E' solamente grazie a una tecnica sopraffina, alla cura per il dettaglio, e all'attenzione per l'effetto finale, che questi elementari strumenti espressivi vengono combinati magistralmente per dare forma a opere in grado di non sfigurare vicino a quelle classiche d'oltreoceano.

Che altro dire, non saprei, non ho sufficienti parole, o meglio, non ne conosco di adeguate per manifestare la mia ammirazione. Come dico sempre del resto, io faccio quello che posso; se volete di più, cominciate coll'andare alle mostre. Questo blog serve proprio a darvi la sensazione di cosa avete perso.

E' ora di tornare.

Saluto Giuliana e le sue amiche; per la centunesima volta faccio a tutte loro i miei complimenti; prima di andarmene mi volto per abbracciare con lo sguardo i lavori esposti nel salone, come per un saluto tra conoscenti; esco; sarà un caso, ma ha smesso di piovere.

Ore 18:00, eccomi nuovamente ad attendere un treno, il regionale R20851 per Venezia.

Ore 19:30, arrivo a Mestre, ovviamente in ritardo; in questa stazione, accogliente come un ascensore bloccato, mi tocca aspettare quasi fino alle 20 il treno che mi riporterà a casa; ciambelline di granoturco soffiato, una specie di muffin al limone (bio) e una bottiglietta di acqua naturale sono la mia cena.

Arriva il treno; è già pieno; pazienza. Del resto anch'io strabocco di sensazioni, immagini e parole, tanta roba che ci vorrà un po' prima che metta ordine. Dovrò tirare e riannodare i fili giusti per dare loro una forma compiuta, quella di una coperta patchwork composta da tutti gli indimenticabili momenti di questa giornata.

22:10, sono a casa, chiudo il mio Quilting Day e buonanotte a tutti.

 .

.