Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: blog
Location:

Ultimi Commenti

RICERCA

Calendario

Orologio

Conta visite

Una notte al Museo: recensioni e suggerimenti degli studenti della 3A e 3B, impegnati nell'evento.

postato da blog.liceocastiglione.it [28/05/2018 08:15]
foto

VENERDI' SERA? MUSEO!!!
Chi immagina che una visita al museo sia noiosa e priva di fascino, non era certamente presente Venerdì 18 Maggio nell'area del Cassero di Castiglion Fiorentino. Ai piedi della suggestiva Torre, illuminata dal chiaro di luna, si è tenuta la seconda edizione di "Una Notte al Museo". Questo evento, che si inserisce nella "Giornata Internazionale dei Musei", che consiste nell'apertura serale straordinaria di tutti i musei d'Europa, è nata dalla collaborazione dell'Istituto "Giovanni da Castiglione" (il nostro liceo) con il Comune ed il Sistema Museale Castiglionese. La serata si è aperta con delle visite guidate un po' particolari, infatti siamo stati noi studenti del terzo anno della scuola superiore, a ricoprire il ruolo di ciceroni. Abbiamo illustrato e spiegato ai visitatori i tesori nascosti tra le sale del Palazzo Pretorio e della Pinacoteca e li abbiamo condotti attraverso luoghi particolari come lo Scavo archeologico e la Torre. All'interno del Palazzo Pretorio si possono ammirare le meraviglie del Museo Archeologico, del Fondo Antico e del Medagliere Napoleonico; mentre nella Pinacoteca emergono l'Oreficeria e i dipinti di Bartolomeo della Gatta. Quest'ultimo fu un pittore che entrò in contatto con i maggiori artisti del Quattrocento, tra cui Piero della Francesca. Le arti figurative non sono state le uniche protagoniste della serata, ci sono stati, infatti, vari momenti di intrattenimento, tra cui un concerto di sax contralto, uno spettacolo di ballo, una rappresentazione teatrale e un gioco di orientamento (Orientamuseo) per gli alunni della scuola media "Dante Alighieri".
In mezzo a tanta arte e spettacolo immaginate quali fossero le nostre emozioni. Tutto ha avuto inizio, però, un mese prima, quando un giorno di aprile la professoressa Lucani ci ha fatto la fatidica proposta e siamo entrati a far parte di questo progetto. Abbiamo deciso di aderire un po' per metterci alla prova in una situazione nuova e un po' spinti dal desiderio di ritrovare le nostre origini incontrando ciò che resta del nostro passato. Infatti è proprio la sete di sapere che distingue il genere umano dagli altri esseri viventi e appartiene, anche se molti sostengono il contrario, perfino a noi giovani. Frementi ed emozionati, abbiamo dato inizio alla serata. Le nostre aspettative per questo evento erano molto elevate: esigevamo da noi stessi precisione e rigore, come si conviene ad una guida turistica, oltre che a riuscire ad essere comunicativi e soprattutto ci aspettavamo e speravamo di ricevere un'esagerata affluenza di visitatori entusiasti. Ecco, eravamo sicuri che l'evento meritasse un'uscita serale. Eravamo elettrizzati, ma non mancavano certo un qualche sano timore e delle insicurezze! Tutto ciò perché poteva anche accadere che nessuno o pochissimi si presentassero alla Notte al Museo, poi, con il passare del tempo, poteva anche sparire tutta la nostra preparazione. Immaginate cosa sarebbe accaduto se di fronte ad un vero castiglionese avessimo sbagliato a pronunciare qualche personaggio di spicco del paese o se davanti ad una professoressa non ci fossimo ricordati di una data o di un riferimento storico. Alla fine della serata eravamo soddisfatti e consapevoli di aver svolto con grande cura e impegno il nostro compito e, quanto alla presenza di visitatori, il numero era soddisfacente e tutti avevano mostrato il loro interesse. Sostanzialmente le nostre aspettative non erano state affatto deluse. L'iniziativa è stata interessante sia per noi sia per le persone che sono intervenute e siamo stati lieti di averne preso parte. Abbiamo particolarmente apprezzato la possibilità di essere a stretto contatto con il passato, talvolta trascurato a vantaggio del presente e del futuro. Inoltre le opere erano stimolanti, infatti abbiamo imparato a confrontarci, nel nostro ruolo di guide, con una realtà del tutto nuova. Saremo disponibili a ripetere l'esperienza, tuttavia siamo pronti a lasciare il testimone ai nostri compagni delle attuali classi seconde

Elisa Beligni, Lucia De Corso, Laura Mascagni, classe 3A

 

L'evento tenutosi nella serata del 18-05-2018 presso il complesso museale Castiglionese del Cassero è senza dubbio stato formativo per tutti noi ragazzi attivamente coinvolti; ci ha infatti permesso di incrementare le nostre capacità nel lavoro di gruppo, dovendo affrontare nella maggior parte dei casi uno studio delle opere assieme a uno\due ragazzi della classe stessa o di un'altra sezione, anche per quanto riguarda i "Virgilio" è sicuramente stata un'esperienza che ha contribuito allo sviluppo delle modalità con cui entrare in rapporto con persone nuove, in quanto in gran parte della serata il compito che a loro spettava era quello di stimolare la gente a recarsi alla visione di uno spettacolo o ad unirsi ad un gruppo per visitare i diversi ambienti dei musei. Dall'altro lato vi sono forse state alcune pecche per quanto riguarda l'organizzazione dell'evento, sicuramente dovute al fatto che questa fosse solamente la seconda edizione. Una prima carenza è da riscontrare nella pubblicizzazione della manifestazione, l'invito ufficiale con la scaletta del programma è uscito nella mattinata di mercoledì 16 e non vi è quindi stato il tempo materiale affinché si potesse diffondere, potrebbe essere interessante nei prossimi anni svolgere una campagna di volantinaggio, coordinata dai ragazzi, mirata nel divulgare l'evento stesso attraverso l'esposizione di volantini nei locali (negozi, bar, centri commerciali, ecc.) dell'area di Castiglioni e dintorni. Presumendo poi che questa azione possa portare i suoi frutti e che quindi l'afflusso di persone sarà maggiore rispetto a quest'anno, ci sarebbe bisogno di rivisitare le modalità con cui si svolge la serata: a mio avviso potrebbe migliorare la buona riuscita della manifestazione una suddivisione più "ferrea" in gruppi di persone all'incirca delle stesse dimensioni, ognuno coordinato da una guida, la quale per la prima parte della serata (21:15-10:45, per dare un'idea degli orari) si occupi di accompagnarli nelle differenti zone museali, seguendo un preciso percorso senza creare sovraffollamenti in determinate zone. Mentre alle 10:45 (orari sempre simbolici ed approssimativi) vengono riuniti tutti i gruppi in una zona centrale con posti a sedere dove si susseguono spettacoli di vario genere fino circa alle 11.30. In questo modo anche chi fosse interessato solo ad una delle due attività non si troverebbe costretto ad affrontarle entrambe e almeno agli spettacoli possono assistere anche "Virgili e Ciceroni". Un'ultima nota riguarda i "Ciceroni" che in alcune circostanze si sono dilungati un po' troppo nell'illustrazione delle opere che spettavano loro portando ad un precoce abbandono della visita alcune persone. Invece è una nota positiva il gioco pensato per gli studenti della scuola secondaria di primo grado che li ha visti coinvolti in una sorte di caccia al tesoro la quale ha permesso loro di scoprire nuove aree castiglionesi senza doversi legare a visite guidate o attività comunque più noiose per loro.
Nel complesso l'evento è comunque riuscito bene, ha stimolato noi ragazzi nel compiere adeguatamente i nostri ruoli e ha portato ad una piacevole serata in un'area raramente aperta ma molto significativa per Castiglion Fiorentino. Un grazie speciale a tutti coloro che hanno contribuito all'organizzazione ed alla messa in scena

  Tommaso Cristofoletti, 3B