Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: Massimo Pacini (BlogMaster)
Location: Savona
Italia

7 marzo 2011

Il desiderio di parlare di ogni forma esistente di espressione artistica fa nascere questo nuovo blog. L'idea è quella di proporre una serie di "consigli" che spero potranno essere utili ai lettori per trascorrere qualche momento di serenità in compagnia di un brano musicale, di un buon film o facendosi trascinare da una amabile lettura. In pratica un modo come un altro per segnalare qualcosa di assolutamente imperdibile. Nessuna velleità particolare. Solo la speranza di condividere qualche attimo piacevole impiegando al meglio il nostro tempo. Visitate il mio sito ufficiale all'indirizzo: http://www.massimopacini.it

Orologio

Conta visite

Etichette

Banderas A.
Travolta J.
Zucchero
Di Caprio L.
Washington D.
Enrile A.
Giannini G.
Amendola F.
Liber'Arti
Glee
Take That
Renga F.
Impressioni di settembre
Crowe R.
Torry C.
De Andre' F.
Reeves K.
Pintabona P.
Springsteen B.
Powter D.
Fantascienza

Archivio

RICERCA

In libreria

In libreria potete trovare le seguenti opere di Massimo Pacini edite da Editoriale Darsena: "Verso la luce" - raccolta di poesie - 2009 "Scintille per l'eternità" - raccolta di romanzi brevi - 2010 "Cosa resterà di me?" - libro + CD musicale - 2011

Link amici

Blog di Athos Enrile
Blog Liber'Arti
Elenco blog
AIAS Savona Onlus
Savona Insieme Onlus
Lions Club Savona Torretta
Paperblog
Angolo testi
MusicArTeam

Ultimi Commenti

Calendario

Copyright

Massimo Pacini 2011 - Riproduzione degli articoli riservata

Invito alla visione - Glee: in TV essere perdente è bello!

postato da BlogMaster [11/03/2011 20:39]

Una clamorosa novità si è recentemente imposta alla attenzione degli spettatori televisivi: Glee. Stiamo parlando di una serie televisiva statunitense che ha saputo conquistare mille attenzioni e che sta raccogliendo veramente molti premi, tutti direi ampiamente meritati. In Italia l'inizio è stato in sordina sulla piattaforma Sky il 25 dicembre 2009: il canale satellitare Fox  trasmette l'episodio pilota. Ho avuto la fortuna di vederlo (a dire il vero non proprio il giorno di Natale, ma nelle repliche dei giorni successivi) quasi per caso. La solita 'minestrina per deficienti' direte voi. No ve lo assicuro. Anzi, molti contenuti interessanti in un ..... mare di musica.

Glee significa gioia, ma ad incuriosire è l'ormai famoso logo ove la L è rappresentata da pollice e indice a 90 gradi. L sta per Looser cioè perdente.

Il Glee Club è in effetti il gruppo degli 'sfigati' di una scuola superiore statunitense che fa della musica il proprio motivo di vita. Ed è proprio la musica, tanto per cambiare, la componente che più mi affascina per una serie di motivi che provo qui a illustrare. In primo luogo il coraggio di mettere sul palco, nel gruppo di allievi protagonisti della serie, un ragazzo non deambulante su carrozzina, un omossessuale, una ragazza bulimica e un'altra ossessionata dal sesso, coordinati da un professore con notevoli problemi nelle relazioni umane e sentimentali e, tanto per gradire, con un elemento di disturbo rappresentato da una insegnante che tenta in tutti i modi di affossare e gettare fango su ogni iniziativa. Altra cosa importante: tutti gli attori cantano con la propria voce e danno quindi dimostrazione di una notevole e completa preparazione artistica nonostante la giovane età. 

Il Glee Club propone cover di brani famosi e le scelte musicali sono a dir poco travolgenti specie perchè caratterizzate da nuovi arrangiamenti degni della massima attenzione. Prova ne è che molti artisti famosi, quali Billy Joel, Queen, Madonna e Rihanna hanno già concesso l'utilizzo di alcuni loro successi alla Columbia Record per il libero utilizzo nel programma. La parte ballata è degna anch'essa di menzione e va a completare una atmosfera da musical che permea ogni puntata.

E così lo confesso sono rimasto incollato per le 22 puntate della prima annata e, naturalmente, sto seguendo anche quella della seconda serie targata 2011. Il fatto che ora Italia 1 trasmetta 'in chiaro' la serie sta evidentemente aumentando a dismisura l'audience e l'indice di gradimento tra i giovani e i meno giovani è alle stelle.

La trama degli episodi è sempre a scopo pedagogico (forse anche troppo ed è l'unico neo): si parla infatti alternativamente di consumo di alcool, di problemi scolastici, di droga, di sesso con ampio spazio alla omosessualità, insomma di tutti quegli argomenti che possono interessare dei 17enni.

Le performance del Glee Club sono abbondantemente a disposizione su iTunes e su Youtube e vi invito veramente ad approfondirne la visione. Scoprirete grandi musicalità e voci straordinarie sulle note di brani famosi che vengono, come detto, di volta in volta rivisitati. Ed è sempre una piacevole scoperta. Come quella di sapere che essere perdenti ....... è bello!

Collegamento Youtube:

http://www.youtube.com/watch?v=lvmbPcotSfY&feature=player_embedded