Atom Feed RSS Feed

Il mio profilo

My Photo
Name: ATELIEROME patriciadmart@gmail.com
Location:

ABOUT ME

BIOGRAPHY
WORKS
ATELIEROME
GALLERY

LINKS

ARTPRICE
ARTNET
ARTSY
L'ALBERO DELLA VITA
SAATCHI ART
PARALLAX LONDON

ART FOR PLANET

READ MORE

Calendario

Archivio

Conta visite

"L'Arte non e' cosa nostra" Vittorio Sgarbi

postato da Patricia Del Monaco [11/06/2012 00:24]
foto

 

 

 

Gilda, dal ciclo "Les Vendeurs d'amour" 54° BIENNALE DI VENEZIA


«Io credo in ciò che mi mostra la realtà e in quelle opere che hanno qualcosa da dire non solo oggi ma nel tempo.

 È solo il tempo che ci saprà dimostrare il valore di ciò che andiamo a esporre oggi».
"La donna è il tema più discusso, più affrontato, più considerato e desiderato fra tutte le manifestazioni letterarie e artistiche"
"Il mistero e la seduzione che dalla donna escono, e che rendono la figura femminile anche immateriale".


Non è soltanto carnalità o sensualità o attrazione della bellezza; la figura femminile è simbolo di sogni s desideri, è un'immagine evanescente, che non si riesce mai a raggiungere fino in fondo: è il sogno, è la speranza, è il desiderio"

Nel ciclo delle "Les Vendeurs d'amour"ritroviamo tutte le caratteristiche tipiche dell'artista e i soggetti non vengono studiati mediante la presunzione del giudizio umano.

Le venditrici d'amore si spogliano solamente del pregiudizio che le accompagna nell'interpretazione che concerne il loro essere e il loro stile di vita.

Le donne di Patricia del Monaco, sono dignitose, forti, evocano bellezza e ricchezza esteriori ed interiori.

Sono donne colme d'attrazione e dignità, non v'è sofferenza e costrizione nella loro statuaria e sensuale postura ma vi è passione, vivacità e intensità: la medesima intensità del colore.

I dipinti, oltre che di indiscutibile valore artistico, si avvalgono d'essere utili al fine di una sensibilizzazione sociale come nel caso del ciclo di opere dedicato all'endometriosi, esposto alla 54° Biennale di Venezia, con l'opera intitolata "Il Ritorno": un messaggio chiaro e forte contro una malattia che colpisce milioni di donne.

 

Vittorio Sgarbi